15 Nov 2017

Apre ufficialmente a Bologna la nuova scuola per gli adolescenti

Scritto da: Redazione

Nella Giornata mondiale dello studente, apre ufficialmente a Bologna BEA, innovativo spazio educativo pensato per ridare speranza agli adolescenti che hanno abbandonato la scuola tradizionale e sono in cerca di nuove motivazioni. L'avvio del progetto è possibile grazie al successo della campagna di crowdfunding.

Il 17 novembre inizia ufficialmente le sue attività BEA – Bologna Edu Action, alternativa alla scuola superiore tradizionale. BEA, questo il nome scelto per la nuova scuola, sarà uno spazio innovativo per i ragazzi che si sono trovati in difficoltà durante il loro percorso scolastico tradizionale e sono ora in cerca di nuove motivazioni. Attraverso metodologie poco frontali e molto esperienziali, BEA punta ad aiutare i ragazzi a scoprire le loro passioni e alla realizzazione personale oltre che professionale.

 

L’idea nasce dalla scuola sperimentale Artademia di Milano, nata per  ridare speranza e motivazione agli adolescenti che hanno abbandonato la scuola superiore e non lavorano.

22729069_511864769199364_7217485746718949416_n

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

L’avvio del progetto – sostenuto da Italia che Cambia e portato avanti da un gruppo di persone che crede nel Cambiamento non solo in ambito educativo – è reso possibile anche dal successo della prima campagna di crowdfunding che permetterà di coprire alcuni dei costi iniziali.

 

“ll team di lavoro BEA – scrivono i promotori del progetto – si è dedicato nei mesi scorsi al progetto portando avanti l’obiettivo di proporre un’offerta educativa che metta proprio al centro i bisogni degli studenti. Dallo scorso inverno insieme a genitori, educatori, insegnanti e collaboratori abbiamo cominciato a lavorare alla costruzione di BEA. È stato molto difficile riuscire a conciliare gli impegni e le disponibilità di tutti, ma insieme siamo riusciti a creare un vero e proprio team di lavoro. A giugno ci siamo lanciati nella nostra prima campagna di crowdfunding riuscendo a raccogliere più di 7.000 euro che ci aiuteranno a sostenere alcuni dei costi iniziali del progetto”.

 

“Adesso – si legge ancora nella lettera – abbiamo una sede in via Vittorio Veneto 5, condividiamo gli spazi con l’Associazione Arti Eterne che, insieme ad Alessandra Zaini, ha creduto fin dall’inizio nel progetto. Ci siamo costituiti come associazione e nei prossimi mesi potremo partecipare a bandi e concorsi. Il nostro team docenti è cresciuto e ad oggi si avvale della collaborazione di: Giacomo per l’area Matematica e Fisica, Fabrizio per l’area Crescita e Relazione, Costanza e Fernando per l’area espressiva, Irene area letteraria e area storica, l’area linguistica con Inma e Sonia. La nostra proposta didattica esperienziale si rivolge sia agli adolescenti che hanno abbandonato la scuola e sia a coloro che consapevolmente scelgono di percorrere una strada diversa da quella tradizionale non sentendola adeguata alle proprie esigenze (qui il percorso educativo BEA: www.beabologna.it)”.

19274794_454225018296673_9151533056472566163_n

“Dal 17 novembre – continua il team del progetto – BEA è aperta e funzionante. Le attività si articoleranno man mano in una programmazione sempre più regolare, la struttura riuscirà ad accogliere due giorni a settimana tutte le persone interessate a prendere informazioni e continueranno i colloqui conoscitivi con le famiglie per aumentare progressivamente il numero di iscritti.  Vogliamo dire grazie di cuore a tutti coloro che hanno partecipato alla raccolta fondi permettendoci con il loro contributo di rendere reale il sogno di un’educazione alternativa possibile per le giovani generazioni.  Portiamo avanti il progetto consapevoli di quanto sia stato fondamentale il vostro aiuto e l’aiuto di coloro che ci sosterranno. Continuate ad aiutarci parlando del progetto e facendo tanto passaparola… è fondamentale!! Sappiamo che insieme possiamo farcela, perché il cambiamento è davvero possibile!”.

 

I riferimenti per prendere contatto con BEA:

 

Costanza Nadalini
Responsabile Didattica
cell. 348 8837206
Mail: bolognaeduaction@gmail.com
Pagina facebook: www.facebook.com/BEABolognaEduAction

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'educazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”
Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale
Educazione naturale e bisogni: riflessioni su una scelta non convenzionale

Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura
Una “casetta” per l’apprendimento esperienziale in cui la maestra è la natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne