11 Dic 2017

A Natale aggiungi un posto a tavola

Scritto da: Veronica Tarozzi

Era il 1982 quando la Comunità di Sant’Egidio di Roma decise di organizzare un pranzo di Natale con alcuni anziani e senzatetto che altrimenti sarebbero rimasti soli. Da allora ogni anno vengono organizzate e proposte iniziative per offrire supporto e vicinanza alle persone sole o indigenti.

La Comunità di Sant’Egidio non è nuova ad azioni di grande impatto sociale e i suoi campi d’azione vanno dall’aiuto ai migranti con i Corridoi Umanitari, all’aiuto ai più poveri. Sono tante infatti le azioni che vedono l’impegno dei volontari di questa comunità Cristiana. Ma la matrice è una sola: dare una mano alle persone che hanno bisogno d’aiuto.

 

Il Natale è alle porte e come leggiamo dal sito della Comunità, San Francesco diceva che era la “festa delle feste”, e che doveva abbracciare tutti, nessuno escluso. A Natale le famiglie si riuniscono e si siedono attorno ad una tavola imbandita, ma per chi non ha nessuno, questa festa può diventare un giorno molto triste.

 

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Fu con questa consapevolezza che nel 1982 la Comunità di Sant’Egidio di Roma decise di organizzare un pranzo di Natale nella Basilica di Santa Maria in Trastevere con alcuni anziani che altrimenti sarebbero rimasti soli e per i senzatetto conosciuti per le strade di Roma: in tutto una ventina di persone.

sMaria_1

Pranzo di Natale nella Basilica di Santa Maria in Trastevere


Da allora sono state centinaia di migliaia le persone che hanno partecipato ai loro pranzi di Natale in 70 paesi nel mondo. Alla campagna “A Natale, aggiungi un posto a tavola”, tutti possono contribuire, con un’offerta tramite sms o una chiamata da rete fissa al numero: 45568 (fino al 25 dicembre per questa campagna specifica, ma gli aiuti proseguono tutto l’anno), donando un regalo, un dolce o dei generi di prima necessità, oppure offrendosi di aiutare come volontario/a.

 

Quest’anno si cercherà di raggiungere 60.000 persone indigenti o sole in tutta Italia. Si comincerà già dalla cena itinerante del 24 dicembre in numerose città italiane, dove i volontari della Comunità incontreranno i senzatetto nelle stazioni e nei luoghi dove normalmente si radunano, per poi continuare l’indomani con il pranzo di Natale.

 

Oltre a Roma con il suo ormai consueto appuntamento nella Basilica di Santa Maria in Trastevere e il carcere di Regina Coeli, il 25 dicembre verranno organizzati pranzi a Torino, Genova, Milano, Novara, Padova, Trieste, Firenze, Napoli, Bari, Cosenza, Reggio Calabria, Palermo, Catania e Messina etc., ma verranno anche organizzati dei punti di raccolta per generi di prima necessità, regali, dolci e tanto altro (qui la lista completa delle città che partecipano alla campagna).

 

Ma le iniziative non si fermano qui. In diverse città italiane verrà anche pubblicata e distribuita gratuitamente ai senzatetto e agli operatori sociali la 28esima edizione della guida “Dove mangiare, dormire, lavarsi 2018”: un vero e proprio vademecum per chi non ha una dimora fissa, in cui la Comunità di Sant’Egidio segnala dove poter dormire, mangiare, lavarsi, usufruire di un aiuto psicologico, ottenere un lavoro e tanto altro.

 

Con Sant’Egidio è davvero Natale: felice Natale a tutti!

 

 

 

Articoli simili
La Fabbrichetta: una  vecchia fabbrica rigenerata diventa un centro per i più fragili
La Fabbrichetta: una vecchia fabbrica rigenerata diventa un centro per i più fragili

Kenya, la denuncia dei Sengwer: i finanziamenti occidentali alla conservazione porteranno a un “genocidio”
Kenya, la denuncia dei Sengwer: i finanziamenti occidentali alla conservazione porteranno a un “genocidio”

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13
Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi