Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
6 Feb 2018

“Io faccio così”: alla scoperta dell'Italia che Cambia (e che è già cambiata)!

Scritto da: Daniela Bartolini

Volete conoscere come è nata “Italia che Cambia”? Ce lo racconterà Daniel Tarozzi venerdì 9 febbraio ad Alessandria partendo dal suo viaggio in camper nell’Italia che Cambia e dal libro “Io faccio così” nato da quell’esperienza alla scoperta delle esperienze concrete di cambiamento in Italia. Insieme a Daniel il Gruppo Acquisto Terreni ® per conoscere un nuovo modo di fare economia solidale e sostenibile e la nuova fase del progetto.

Un vecchio camper, curiosità, qualche indirizzo da cui partire, sono questi gli ingredienti di partenza del viaggio che Daniel Tarozzi intraprese nel 2012, partendo proprio dal Piemonte. Un “viaggio nell’Italia che Cambia, per incontrare e conoscere chi si è assunto la responsabilità della propria vita senza aspettare che qualcuno lo faccia al suo posto”. Esisteva un Italia diversa da quella che ogni giorno veniva comunicata dai media, decadente e arresa?

Incontro dopo incontro, attraverso segnalazioni e passaparola, quel viaggio durò ben 7 mesi e 7 giorni incontrando realtà di ogni tipo: esperienze di vita diversa, di cambiamento, di imprenditoria etica e sostenibile, di politica virtuosa, di riduzione dei consumi, di autoproduzione, di ritorno alla campagna, di riscoperta del senso della vita, di condivisione.

io-faccio-cosi-italia-gia-cambiata-presentazione

Prima di partire, Daniel pensava che la sua difficoltà sarebbe stata trovare esperienze concrete di cambiamento positivo. In realtà, in ogni regione, la sua difficoltà fu scegliere tra tutte le esperienze che gli venivano segnalate. Dall’esperienza di questo viaggio è nato un libro (Io faccio così, Chiarelettere 2013), un documentario, uno spettacolo teatrale, ma soprattutto la consapevolezza di quanto il nostro Paese fosse migliore rispetto all’immagine restituita quotidianamente dai media.

Nel viaggio Daniel incontrò oltre 450 realtà, alcune raccontate nel libro, ma le altre? E poi che cosa sarebbe potuto succedere se si fossero potute conoscere tra loro, mettere in rete? E che cosa sarebbe potuto accadere se le persone avessero saputo quanta bellezza c’è nel nostro Paese, attingere all’inestimabile ricchezza di sapere di quelle esperienze e trarne ispirazione?

Da queste considerazioni e dal desiderio di testimoniare l’evoluzione di quei progetti incontrati è nata “Italia che Cambia”: un gruppo di giornalisti dediti quotidianamente a raccontare, mappare, mettere in rete l’Italia che è già cambiata. Un Paese fatto di imprenditori e imprenditrici che mettono al centro la sostenibilità umana e ambientale, di giovani che scelgono con gioia di tornare alla terra o di realizzare progetti di integrazione, di sindaci e sindache virtuosi che realizzano politiche straordinarie su rifiuti, energia e mobilità. L’Italia dei Comuni Virtuosi, delle Reti di economia solidale, dei movimenti in difesa del territorio., della decrescita e della transizione, degli ecovillaggi, dei fablab e dei co-working.

Una delle storie incontrate nel primo viaggio e che colpisce di più l’attenzione del pubblico è quella del GAT. Una storia che abbatte uno dei tabù più intoccabili quando si tratta di cambiamento: il vecchio, ma inossidabile, “vorrei tanto ma non ho i soldi”.

Il GAT  – Gruppo Acquisto Terreni – è “un modello innovativo di gestione economica di una moderna azienda agricola, secondo principi etici”, ma soprattutto la dimostrazione che l’impossibile non esiste; si tratta solo di cambiare punto di vista, di utilizzare il pensiero laterale, di non chiedersi mai “se” si può fare, ma molto più semplicemente “come”. Un progetto che ci racconta un nuovo modo di fare economia solidale e sostenibile, che sta raccogliendo adesioni per una nuova fase del progetto.

Per questo il 9 febbraio alle ore 19,30 ad Alessandria presso Ristorazione Sociale insieme a Daniel Tarozzi, che ci presenterà il suo libro e tutto ciò che da quel, ormai lontano 2012, è nato, sarà presente anche Emanuele Carissimi, presidente GAT Soc. Agr. Le piane Srl.

Vi aspettiamo!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Neuralink e il futuro dell’essere umano – Io Non Mi Rassegno #149

|

Persone, famiglie e comunità: l’innovazione di CIFA per i suoi 40 anni

|

Genny Carraro: “Mettere in rete gli ecovillaggi d’Europa e del mondo” – Meme #34

|

E ora parliamo di educazione sessuale senza tabù

|

Tutti insieme per ripensare l’educazione: nasce Scuola Costituente!

|

Quali sinergie per un domani sostenibile? Una diretta resistente su ambiente e futuro!

|

Cittadini stranieri aprono le porte di casa e invitano i vicini a gustare le cene dal mondo

|

Riusciremo a fare a meno della plastica? – A tu per tu#3