18 Lug 2018

Centro Aperto Semiurbani a Cittadellarte

Nell’ambito del nuovo percorso di mostra di Arte Al Centro, è stato inaugurato il Centro Aperto Semi Urbani. Scopriamo in cosa consiste questo nuovo progetto nel testo di Emanuele Bottigella (Ufficio Architettura, Cittadellarte) e Ruggero Poi (Direzione Ambienti d’Apprendimento e Scuole, Cittadellarte).

Salva nei preferiti

Biella - Il progetto ha previsto il recupero di una vecchia officina-carrozzeria inserita nel complesso di Cittadellarte, posta nelle adiacenze dell’edificio n.o.v.a.civitas Nuovi Organismi di Vita Abitativa.

L’edificio, riqualificato da un essenziale recupero architettonico, è dedicato al Centro Aperto Semiurbani, spazio comune organizzato e promosso dalla Città di Biella e Cittadellarte, riservato a progetti che gli abitanti e le realtà culturali, educative e sociali dei quartieri Chiavazza e Riva, stanno sviluppando. Quello che intendiamo fare è creare un sistema di comunicazione diretto tra Cittadellarte e Comune di Biella, con le realtà del terzo settore (ad esempio il Distretto Sociale, le associazioni di quartiere e le cooperative), con le scuole e con altri soggetti associativi presenti sul territorio, per far percepire fisicamente, in un luogo specifico, la progettazione condivisa che sta avvenendo sull’area urbana di Biella.

In questo senso Cittadellarte offre uno spazio aperto e organizza una serie di incontri e attività che rendano il Centro Aperto un raccordo fisico tra le organizzazioni e le progettualità. Il 25 maggio 2018, nell’ambito dell’inaugurazione del nuovo percorso di mostra di Arte Al Centro, il progetto viene comunicato alla città: durante questa giornata, infatti, è organizzata una conferenza sul tema della rigenerazione urbana, in cui si presentano le azioni di apertura e di rete che il Centro Aperto vuole stabilire.

Alcuni eventi che fanno parte del programma del Centro Aperto per il biennio 2018/2019:

• giornate di urban walking
• giornate dedicate alle aree verdi
• pic nic di quartiere
• presentazioni e incontri presso il Centro Aperto
• comunicazione delle principali progettualità cittadine
• progettazione di interventi condivisi

Centro Aperto Semiurbani è anche luogo di racconto e approfondimento delle attività sviluppate dalla piattaforma/laboratorio “Costellazioni demopratiche” dedicata all’impatto sociale di Cittadellarte e della sua rete sul territorio. Il recupero dell’edificio diventa simbolico del processo di rigenerazione dell’area urbana oggetto dell’intervento. Anche le modalità di recupero, progressivamente orientate dal coinvolgimento della comunità attraverso i partecipanti, sono un segnale chiaro dell’idea di “centro aperto” che intendiamo trasferire.

Emanuele Bottigella, Ufficio Architettura, Cittadellarte
Ruggero Poi, Direzione Ambienti d’Apprendimento e Scuole, Cittadellarte

Articolo tratto da: http://journal.cittadellarte.it/cronaca-biellese/centro-aperto-semiurbani

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Ardea, tutela e divulgazione ambientale nel napoletano e non solo
Ardea, tutela e divulgazione ambientale nel napoletano e non solo

Al via il primo Action Bootcamp Transistor, il futuro della Sicilia dipende da noi
Al via il primo Action Bootcamp Transistor, il futuro della Sicilia dipende da noi

Laura Cocco: “L’olio d’oliva in Sardegna è un fattore identitario, ma bisogna valorizzarlo”
Laura Cocco: “L’olio d’oliva in Sardegna è un fattore identitario, ma bisogna valorizzarlo”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

A Gaza è l’intelligenza artificiale a scegliere chi sarà ucciso – #918

|

Arte e ricerca al femminile: a Cagliari un stanza tutta per loro, artiste del nostro tempo

|

MAG4, la mutua autogestione piemontese, si schiera contro il mercato delle armi

|

Percorsi Spericolati, continua la formazione per sviluppare progetti innovativi per le aree interne

|

Cosa faresti se finissi su un’isola deserta? Esperimento di filosofia a scuola

|

Val Pennavaire in rete: la nuova e inaspettata zuppa di sasso

|

Gaetano, terapista forestale dei Monti Lattari: “La foresta mi ha guarito”

|

Cuscini Bio, la moda etica e quel giocattolo dentro a una fornitura tessile

string(8) "piemonte"