2 Lug 2018

Settimana del Pianeta Terra: l'Italia alla scoperta delle geoscienze

Scritto da: Redazione

Dalle escursioni nelle miniere della Valle d’Aosta alla ricerca delle tracce fossili umane fra le più antiche al mondo, dalle immersioni virtuali nel Lago d'Iseo ai percorsi romani sulle tracce dei terremoti storici. Centinaia i geoeventi proposti in tutta Italia dalla Settimana del Pianeta Terra per scoprire il mondo della scienza legato alla Terra.

Ripercorrere le tracce delle orme fossili umane fra le più antiche al mondo nel Casertano, vestire i panni dei pionieri nella corsa all’oro in Valle d’Aosta, toccare con mano i segni lasciati dai terremoti nel cuore della Capitale, scoprire i misteri dei fondali del Lago d’Iseo grazie ad una telecamera comandata da un subacqueo. Sono questi alcuni dei “geoeventi” proposti dalla Settimana del Pianeta Terra, il Festival delle Geoscienze in programma dal 14 al 21 ottobre che offrirà a tutti – con il patrocinio di Ispra, l’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale – la possibilità di conoscere da vicino il patrimonio naturalistico italiano.

 
Escursioni guidate su montagne e ghiacciai, alla scoperta di isole e paesaggi marini, trekking sui vulcani, intorno a grandi laghi o lungo il corso dei fiumi; ma anche laboratori didattici e sperimentali dedicati alla ricerca scientifica per adulti e bambini, incontri con i ricercatori nei musei, conferenze e workshop, senza tralasciare momenti più conviviali come degustazioni di prodotti tipici e passeggiate nei centri storici: così nella sua sesta edizione la Settimana delPianeta Terra sarà ricca di eventi per diffondere la cultura del rispetto dell’ambiente e della cura del territorio. L’obiettivo del festival è quello di evidenziare, infatti, il ruolo strategico delle geoscienze nella prevenzione dei rischi naturali e nella salvaguardia dell’ambiente, raccontando l’appassionante mondo della ricerca scientifica. 

Liguria - Portofino
 In questo momento dell’anno è ancora possibile essere inseriti nel programma del Festival: fino al 15 luglio enti di ricerca, enti locali, associazioni, università o scuole possono aderire alla Settimana del Pianeta Terra proponendo, senza limiti di creatività e fantasia, un loro Geoevento finalizzato a promuovere la conoscenza, il rispetto e l’amore per il patrimonio naturale e geologico del nostro Paese. Particolarmente apprezzati, nell’ambito dell’Anno europeo del Patrimonio culturale 2018, gli eventi che metteranno in evidenza il legame tra natura e paesaggio come parte integrante del patrimonio culturale. (Iscrizioni sul sito www.settimanaterra.org/organizza-geoevento).

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

“La Settimana del Pianeta Terra vede aumentare ogni anno la partecipazione di cittadini, studenti, associazioni geo-naturalistiche, università, enti parco, musei e istituzioni – commenta Silvio Seno, Professore ordinario di Geologia strutturale presso l’Università degli Studi di Pavia e co-responsabile del Festival –. L’obiettivo è quello di diffondere il più possibile la consapevolezza delle possibilità che la scienza ci offre per migliorare la qualità della vita. Tutto ciò si può raggiungere facendo crescere il dialogo tra scienziati e politici, perseguendo un cambiamento culturale di lungo periodo. Per questo auspichiamo che sempre più realtà aderiscano alla nostra iniziativa”.   

geologia7
 “Con questo progetto – che lo scorso anno ha visto oltre 80.000 partecipanti –  abbiamo l’obiettivo di mostrare il ruolo strategico delle Geoscienze in vari ambiti: ambiente, energia, clima, salute, risorse e rischi naturali, erosione delle coste, geomateriali, salvaguardia e valorizzazione del patrimonio culturale e monumentale – sottolinea Rodolfo Coccioni, Professore ordinario di Paleontologia all’Università di Urbino e co-responsabile della Settimana delPianeta Terra –. Questa consapevolezza è utile per sviluppare un turismo rispettoso degli ecosistemi naturali e per ridurre la vulnerabilità del territorio ai pericoli naturali, quali terremoti, frane, alluvioni”.

 
Lo scorso anno il Festival si è chiuso con un totale di 486 appuntamenti in 172 località italiane. Oltre 600 i ricercatori e divulgatori scientifici hanno animato i Geoeventi e sono stati oltre 300 gli enti partecipanti: 126 associazioni scientifiche e culturali, 77 Comuni, 30 Musei, 32 Università, 3 Enti di ricerca, 3 Osservatori scientifici, 27 Parchi e Riserve, 14 Istituti di istruzione secondaria superiore, 6 Soprintendenze Archeologiche, 11 Fondazioni, 4 Ordini professionali, 1 ONG, 4 Regioni, 2 Comunità e Unioni montane e 2 Arpa.

 

 

Articoli simili
La strage degli ambientalisti: 200 omicidi nel 2016

Lo scontro fra treni in Puglia ed i disastri del pensiero unico

Musica per l'Artico: Einaudi al pianoforte fra i ghiacci polari

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tutta Europa a rischio black-out – #421

|

Creative Mornings Ancona: incontrarsi a colazione e parlare di… – Io Faccio Così #336

|

La Dog Therapy arriva tra i banchi di scuola per donare il sorriso ai bambini

|

Piantare una food forest per seminare il futuro di una comunità

|

2021 anno boom del turismo a piedi: ecco l’identikit del camminatore tipo

|

Un mercato contadino biologico diventa un’agorà per fare “agricultura” in città

|

La storia di cinque “Donne di Terra” che hanno deciso di cambiare vita nel Sud Italia

|

Irene Borgna e i suoi cieli neri: “L’inquinamento luminoso ci ha rubato le notti”