10 Lug 2018

Teatro e comunità: gli attori della Terra in cammino da Cuneo a Nizza

Termina oggi 10 luglio “Attraverso le Alpi”, il viaggio a piedi da Cuneo e Nizza di trenta giovani italiani e francesi accompagnati da due asini, una mula e un drone che ha ripreso dall'alto la carovana. L'iniziativa è stata organizzata nell'ambito di “TERRACT – Gli attori della Terra”, un progetto triennale finalizzato alla valorizzazione del patrimonio naturale e culturale dell'area alpina tra Italia e Francia.

La carovana di “Attraverso le Alpi” ha percorso un itinerario su strade e sentieri delle valli Vermenagna e Roia, per incontrare la gente, ricercare e raccogliere tracce, storie e memorie del territorio.

Questo cammino rappresenta la prima tappa del progetto “TERRACT – Gli attori della Terra”, uno dei progetti vincitori del bando Interreg Alcotra 2014-2020 che prende vita dalla collaborazione di SCT Centre | Corep di Torino (capofila) con la Compagnia Il Melarancio di Cuneo e il Théâtre National de Nice.

teatro e comunita attori della terra da cuneo a nizza 1531177812

Il progetto coinvolge 15 italiani e 15 francesi di età compresa tra i 18 ed i 35 anni dai profili sociali e professionali molto eterogenei: studenti universitari, architetti, ingegneri ambientali, operatori turistici, guide alpine, musicisti, appassionati di teatro e attori professionisti. Una varietà che rende possibile lo scambio di competenze e crea un interessante percorso formativo interdisciplinare.

Protagonisti di TERRACT saranno anche 120 adolescenti coinvolti in due grandi eventi teatrali estivi da realizzare nel 2019 e nel 2020.

Incentrato sul tema della valorizzazione del dell’area alpina tra Italia e Francia, il progetto si propone infatti di usare la Metodologia del Teatro Sociale e di Comunità per valorizzare le risorse culturali e naturali del territorio, permettendo alla comunità locale di riscoprirle e raccontarle attraverso il teatro, la musica e la danza.

La metodologia del Teatro Sociale e di Comunità (TSC) parte infatti dal presupposto che ogni comunità possiede già le competenze, le risorse umane ed i materiali necessari per la valorizzazione del proprio patrimonio. Ciò che serve alla comunità è la riscoperta di queste competenze e risorse.

teatro e comunita attori della terra da cuneo a nizza 1531177834

TERRACT vuole realizzare proprio questo obiettivo grazie ad un lavoro suddiviso in tre fasi:
– scoperta delle risorse del luogo, a partire dal dialogo con gli enti gestori del patrimonio e la popolazione locale;
– interpretazione di tali risorse attraverso un percorso di formazione che crea competenze e strumenti necessari per raccontarle e offre nuove chiavi di lettura;
– creazione del racconto di comunità: partendo dalla definizione degli elementi fondanti della comunità (parole, suoni, contesti ambientali, tradizioni, valori), si crea un racconto e una rappresentazione teatrale destinata sia a chi si avvicina per la prima volta al territorio sia a chi lo abita da generazioni.

Terminato il primo step del progetto, consistito nel cammino a piedi attraverso le Alpi, il gruppo si appresta ora ad intraprendere il percorso di formazione.

Articoli simili
Felicità pubblica e beni comuni: prende il via la Scuola di Economia Civile
Felicità pubblica e beni comuni: prende il via la Scuola di Economia Civile

Buon inizio settembre! Ad Alessandria il Capodanno si festeggia il 31 agosto

Pievi e Castelli… d’Autunno!
Pievi e Castelli… d’Autunno!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”