Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Dic 2018

Lombardia: i cesti natalizi della rete di Agricoltura Sociale

Scritto da: Redazione

Prodotti biologici, genuini e a chilometro zero derivanti da attività di inclusione lavorativa e sociale che coinvolgono persone con svantaggio. In vista del Natale, ecco le proposte delle realtà della rete Agricoltura Sociale Lombardia.

Natale si avvicina e le realtà della rete Agricoltura Sociale Lombardia sono sempre più all’opera per stupire con sorprese da mettere sotto l’albero buone da gustare e anche da sostenere. Protagonisti dei cesti natalizi di questa edizione 2018 sono, infatti, i prodotti stessi derivati da attività di agricoltura sociale che coinvolgono persone con svantaggio le quali trovano valorizzazione proprio grazie a percorsi di inclusione realizzati da aziende agricole, cooperative e fattorie sociali impegnate su questo fronte.

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Superare gli ostacoli del disagio dando opportunità concrete di riscatto è l’obiettivo cardine perseguito dalla rete regionale che promuove iniziative coniuganti l’aspetto imprenditoriale dell’agricoltura con un programma orientato all’inclusione socio-lavorativa di soggetti con diversa tipologia di svantaggio come ad esempio disabilità fisica o mentale, problematiche di tipo psichiatrico e disagi legati alle dipendenze, detenuti ed ex detenuti, immigrati, donne in stato di difficoltà.

 Welfare Lodigiano di Comunità

Welfare Lodigiano di Comunità

Essere coinvolti in un progetto di inclusione socio-lavorativa permette di contrastare sia il rischio di emarginazione sia di dipendenza dall’assistenzialismo potenziando la propria autonomia e le proprie capacità al di là di qualsiasi pregiudizio. Tutte le 12 province lombarde aderiscono all’iniziativa per un totale di 139 realtà mappate, ente capofila è la Provincia di Mantova. L’ultimo report parla di ben 1.967 persone con svantaggio che attraverso la rete regionale hanno trovato un’opportunità di riscatto. Di questi si registrano 1.096 disabili e 871 soggetti in condizione di difficoltà coinvolti a vario titolo nelle attività di Agricoltura Sociale Lombardia.

 

I cesti natalizi contengono prodotti biologici coltivati con metodi che rispettano sia l’ambiente sia l’impegno dei lavoratori e delle lavoratrici. Varia la proposta che include anche olio, vini pregiati e gustose confetture come accade sul territorio bresciano con le realtà aderenti al Consorzio Cascina Clarabella che da oltre 20 anni pone un’attenzione particolare al tema della salute mentale sviluppando percorsi di inclusione lavorativa dedicati a persone con disturbi psichiatrici e disabilità psichica. Sempre dallo stesso contesto provengono esempi di prodotti da forno speciali come quelli realizzati con il grano monococco nell’ambito della cooperativa “L’Antica Terra”. “Si tratta di un frumento introdotto in coltura circa 10mila anni fa e considerato una delle specie fondatrici dell’agricoltura” racconta Olga Ciccone, coordinatrice della rete di Agricoltura Sociale Lombardia per il territorio bresciano e consigliera amministrativa della cooperativa”.

Cesto natalizio agricoltura sociale Pavia

Cesto natalizio agricoltura sociale Pavia

“I cesti della rete pavese dell’agricoltura sociale rappresentano un racconto fatto di sapori, profumi e colori che parlano della nostra terra e delle nostre eccellenze – evidenzia Moreno Baggini, coordinatore per il territorio di Pavia aderente alla rete Agricoltura Sociale Lombardia e responsabile del progetto “Orti Sociali di Voghera” che coinvolge giovani e adulti con vario tipo di svantaggio tra cui disabilità fisica e intellettiva – Non si tratta dei soliti cesti natalizi preconfezionati ma garantiamo aspetti come il biologico e il chilometro zero oltre alla possibilità di aggiungere prodotti freschi come frutta e verdura di stagione sempre di origine locale e di alto valore sociale”.

 

“Produrre per offrire nuove opportunità di lavoro ed emancipazione”: questo il motto della cooperativa “I Germogli” del territorio milanese che propone miele e vino come protagonisti dei cesti natalizi. Acquistando le confezioni della coop “I Germogli” si supportano le iniziative di Casa Famiglia Sherwood, struttura che si occupa di minori in situazioni di difficoltà, tra cui anche detenzione ed ex detenzione, offrendo loro percorsi e occasioni concrete di inclusione lavorativa e relazionale.

Cesto natalizio cascina Bagaggera

Cesto natalizio cascina Bagaggera

Nel cuore della Brianza lecchese brilla l’esempio dell’appassionato gruppo di lavoro di Cascina Bagaggera che per le feste natalizie propone le bontà prodotte dall’azienda agricola stessa. Ogni cassetta contiene inoltre una candela di pura cera d’api realizzata dall’associazione onlus Corimbo che collabora strettamente con Bagaggera sul fronte dei progetti sociali e inclusivi che coinvolgono giovani diversamente abili che imparano il mestiere grazie a percorsi di agricoltura sociale. “La differenza tra un’agricoltura solamente produttiva e una che accoglie anche la diversità sta nella possibilità e nella bellezza dell’integrazione” sottolinea Paola Lazzarotto, uno dei cuori pulsanti di Bagaggera oltre che ideatrice dei progetti sociali al suo interno.

 

“Agricoltura sociale è anche trasformare i prodotti della terra per condividerli in momenti di festa come il Natale”: con questo intento il Centro Polivalente Bigattera di Mantova propone le sue speciali cassette composte da zucca, piante di brassiche, vasetti misti, mele campanine e decorazioni. Tutti i prodotti sono confezionati con impegno dai docenti e dagli allievi del Centro stesso.

 

Per maggiori informazioni e dettagli sulle proposte consultare il sito web

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Si consuma meno carne, ma gli allevamenti sono sempre più grandi – Io Non Mi Rassegno #151

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori

|

I segni del corpo della Terra

|

Nasce un Sentiero dei Parchi per valorizzare le aree protette d’Italia

|

Persone, famiglie e comunità: l’innovazione di CIFA per i suoi 40 anni