Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Dic 2018

Gli orti di Harambee a Biella: un’esperienza educativa

Scritto da: Luca Deias

Harambee è un’associazione di promozione sociale biellese che aiuta persone in condizioni di fragilità attraverso progetti solidali. Uno di questi consiste proprio nella coltivazione di frutta e verdura in diversi orti, ora acquistabili al mercatino di Let Eat Bi di Cittadellarte. Scopriamo tutti i dettagli!

Sono molti i partner di Let Eat Bi che tutti i mercoledì mettono in vendita le proprie specialità nel mercatino di Cittadellarte. Harambee è una ATS, ovvero un’associazione temporanea di scopo, che opera con ‘La Rete’ e il ‘Gruppo di Volontariato Vincenziano San Giovanni Bosco’ di Verrone. Mauro Lombardi (risorse umane di Harambee) ci racconta i progetti e gli obiettivi della sua realtà, fino a spiegare la collaborazione con Let Eat Bi.

“Siamo un gruppo – ha esordito – nato per dare aiuto a soggetti in condizioni di fragilità. Il nostro supporto consiste nel fornire opportunità lavorative, oltre, ovviamente, a offrire sostegno umano. Oltre all’appoggio finanziario, infatti, facciamo in modo che i nostri ragazzi stiano in gruppo e si relazionino con altri che, come loro, si trovano in situazioni di difficoltà”.

Una solidarietà che passa anche da alcuni progetti: “Unendo tre orti differenti delle ATS con le quali collaboriamo, abbiamo cominciato a coltivare e vendere una serie di ortaggi. Per avviare questo progetto abbiamo avuto la necessità di confrontarci con gli assistenti sociali e tutti gli enti del settore. Si sta rivelando un’esperienza educativa per tutti, perché permette ai partecipanti di incrementare le loro capacità relazionali. L’obiettivo, infatti, è il benessere di tutto il nostro gruppo”.

Harambee, in quanto associazione di volontariato a promozione sociale, si avvale di una rete di aiutanti che sostengono il sodalizio sia a livello logistico, come nel trasporto delle persone, sia a livello umano: “Nel nostro team non ci sono psicologi, ma figure che danno il proprio aiuto e svolgono attività coordinate con altre realtà. A questo proposito, è significativo il progetto Let Eat Grow: si è creata una filiera e il nostro gruppo si è confrontato con altre associazioni di ambiti differenti”.

I ‘frutti’ del lavoro nell’orto di Harambee, da qualche settimana sono anche acquistabili al mercatino di Let Eat Bi: “È un ottimo punto vendita – continua Mauro – dove si possono esporre a un vasto pubblico prodotti naturali e di stagione. Nel nostro banchetto, nello specifico, è possibile comprare diverse varietà di cavoli, insalate, finocchi, cachi, kiwi e bietole. Sono tutti ortaggi e frutti sani, non usiamo nulla di chimico. Non solo offriamo merce naturale, i ricavati servono per sostenere l’associazione”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Come affronteremo la crisi del debito? – Io Non Mi Rassegno #112

|

Capanna di Betlemme: un esempio di accoglienza e ospitalità nei giorni dell’emergenza

|

Emergenza Covid-19: riparti dalle tue risorse interiori

|

Matteo Ficara: “Con l’immaginazione può rinascere una specie felice!” – Meme #33

|

Cinemambiente a casa tua: i film per ripensare il nostro futuro

|

Felber: “Perché non si affronta la crisi ambientale come il coronavirus?”

|

Stop agli attendismi: d’inquinamento e di traffico si muore!

|

Un modello di produzione e distribuzione alimentare sostenibile e resiliente

Copy link
Powered by Social Snap