Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
22 Gen 2019

Bookbox, una biblioteca sociale creata da ragazzi con autismo

Scritto da: Lorena Di Maria

Bookbox è un progetto speciale che si sta sempre più diffondendo nelle città italiane e che si propone di realizzare piccole biblioteche nelle sale d’attesa di studi, negozi ed attività commerciali. In Piemonte è presente a Novara con l’obiettivo di facilitare forme di inclusione sociale e di inserimento lavorativo dei ragazzi con autismo, i quali si occupano periodicamente di curare, catalogare e distribuire libri e riviste.

Sedersi in una sala d’aspetto e trovare con sorpresa una piccola biblioteca colma di libri e racconti pronti ad essere letti e a tenerci compagnia: si chiama Bookbox ed è una bellissima iniziativa che si sta diffondendo in sempre più città italiane nonchè un progetto pronto a rivoluzionare le nostre lunghe attese nelle sale d’aspetto di negozi, degli studi medici o delle farmacie.

Bookbox è prima di tutto un progetto dalla forte portata sociale, poiché vede come veri protagonisti i ragazzi affetti da autismo: la realizzazione, la cura e la distribuzione dei volumi e delle riviste è affidata proprio a loro, che, accompagnati da educatori esperti, si occupano di consegnare libri garantendo un ricambio periodico dei titoli al fine di assicurare una buona scelta a chi ritorna più volte nello stesso luogo.

Bookbox nasce da un’idea di Marilena Zacchini, educatrice professionale che svolge attività di formazione e supervisione di persone con disturbo dello spettro autistico e che crede fortemente nella possibilità di un raggiungimento della loro autonomia in contesti di vita quotidiana.

L’utilità sociale del progetto si specifica proprio nel garantire una maggior inclusione sociale, che rappresenta un elemento fondamentale per il ragazzo affetto da autismo, per la sua famiglia e la società. Occuparsi di una piccola biblioteca significa infatti favorirne l’integrazione, attivare percorsi positivi e di crescita oltre che garantire un servizio al territorio d’appartenenza.

“Nel progetto di vita dei ragazzi autistici l’inserimento nel mondo del lavoro si pone come uno degli obiettivi principali per approdare all’età adulta, favorendo il consolidamento della propria identità, il rafforzamento dell’autostima, lo sviluppo di un’autonomia personale, l’indipendenza e l’inclusione sociale”.
In molti casi, al termine del percorso scolastico, i ragazzi sono, come molti definiscono, “destinati all’invisibilità”. In questo senso il progetto rappresenta una nuova possibilità da diffondere sul territorio, facendo sì che una maggior integrazione di tali soggetti diventi una normalità più che una faticosa conquista di un lavoro.

Il progetto, avviato in via sperimentale a Firenze, è stato accolto positivamente in molte città. In Piemonte è stato avviato a Novara ed è promosso da Angsa Novara – Vercelli e Associazione per l’Autismo “Enrico Micheli” Onlus, con il patrocinio del Comune di Novara, Provincia di Novara e Asl Novara e sostenuto da Fondazione Comunità Novarese Onlus.

I ragazzi, accompagnati da un educatore esperto, provvederanno alla raccolta dei libri donati dalle case editrici che collaborano all’iniziativa e si occuperanno della loro catalogazione ed archiviazione.
Successivamente, nelle sale d’attesa che hanno richiesto di ospitare un BookBox, verrà posizionata una piccola libreria costruita appositamente dalla Falegnameria Sociale Fadabrav di Novara e periodicamente i ragazzi provvederanno alla distribuzione e all’aggiornamento dei libri.

Contribuire alla realizzazione di una piccola biblioteca è una scelta pensata sulla base del particolare interesse che i ragazzi hanno verso i libri. “Bookbox si fonda su due presupposti: definire una serie di azioni che tutti i ragazzi autistici possono svolgere senza difficoltà e pensare a ciò che amano, in particolare i libri, che per forma, colore, profumo e consistenza rientrano fra i loro interessi speciali”.

Le realtà intenzionate a diventare un punto Book Box “dovranno sottoscrivere un accordo tramite cui, dietro al versamento di una piccola quota di iscrizione annuale al servizio, saranno garantite la consegna della piccola libreria, la fornitura dei libri con revisione mensile dei titoli disponibili e il ritiro della libreria e dei libri al termine dell’accordo”.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo stallo israeliano e i rischi dell’accordo Ue-Mercosur – Io Non Mi Rassegno #172

|

Sette produttori locali si uniscono e danno vita a un negozio-laboratorio a Km0

|

Il Filo di Paglia, la prima casa in paglia della Liguria

|

Movement Medicine: affidarsi alla danza per scoprire se stessi

|

IC3 Modena: la scuola digitale in cui luci e colori risvegliano l’anima – Scuola Che Cambia #6

|

Cambiare vita e lavoro, un viaggio responsabile e coraggioso verso la felicità

|

Mille alberi piantati dai cittadini per difendere il territorio

|

Verso un’economia post-covid per il bene comune