10 Gen 2019

Il Poliambulatorio Solidale: una cura per tutti

Scritto da: Daniela Bartolini

È di pochi giorni fa la notizia che anche Villadossola aprirà un ambulatorio medico in cui svolgere visite specialistiche gratuite. Un'esperienza che si aggiunge a quelle già consolidate nella regione Piemonte, di Borgomanero e Vercelli. Iniziative promosse dalle sezioni locali dell'Auser per garantire l'accesso alle cure alle persone in difficoltà e fuori dal circuito sanitario.

“La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti”, così recita l’articolo 32 della Costituzione Italiana, eppure sono milioni le persone che oggi, per problemi economici, rinunciano alle cure, a cui si aggiungono i rifugiati che risiedono nel nostro Paese.

A Borgomanero, in provincia di Novara, il Poliambulatorio Specialistico Solidale è nato nel 2010, all’inizio della crisi che ha ampliato la fascia degli indigenti in Italia.  L’iniziativa è partita da un’idea di Maria Bonomi, presidente dell’ Auser locale, Associazione di volontariato e di promozione sociale, impegnata nel favorire l’invecchiamento attivo degli anziani e nella valorizzazione del loro ruolo nella società. Già, perché il servizio è stato reso possibile, oltre che grazie alla solidarietà dei bogomaneresi che hanno reso fattibile l’acquisto delle apparecchiature diagnostiche, alla disponibilità di medici in pensione e volontari dell’Auser .

poliambulatorio-solidale-una-cura-per-tutti

Sono ben 23 i primari che hanno deciso di rimettere in gioco la propria professionalità, permettendo all’ambulatorio di offrire molte specialità mediche: cardiologia, pediatria, ortopedia, medicina interna, neurologia, dermatologia, otorinolaringoiatria, chirurgia, reumatologia, ginecologia, odontoiatria, radiologia, otorinolaringoiatria, urologia etc.

I primari in pensione sono affiancati da infermieri e psicologi e si praticano anche ecografie ed ecodoppler, Ecg holter. Dal 2017 è attivo anche l’“ambulatorio odontoiatrico diffuso”, che offre visite su segnalazione dei servizi sociali locali a persone selezionate in base all’Isee.

poliambulatorio-solidale-una-cura-per-tutti-2

Sono oltre 1500 i pazienti che annualmente usufruiscono del servizio, di cui l’85% italiani, con tempi di attesa per le visite di pochi giorni e con un approccio diverso, con ritmi più lenti che permettono di conoscere e ascoltare i pazienti come il servizio pubblico spesso non permette, coprendo così una funzione sociale che va ben oltre quella meramente medica.

I primi a offrire le proprie competenze a questo innovativo progetto sono stati il Professor Piero Sacchi, Primario Cardiologo, il Professor Felice Fortina, Primario Nefrologo, e il Professor Sergio Cavallaro, Primario Urologo. È stato proprio Sergio Cavallaro, insieme a Grazia Camellini, presidente dell’Auser di Vercelli, ad aprire lo scorso febbraio le porte dell’ambulatorio sociale al Centro di Incontro in Via Restano a Vercelli dove prestano servizio insieme ai volontari dell’Auser, dieci medici e 6 infermieri.

A Villadossola il poliambulatorio, in fase di allestimento presso il Centro culturale La Fabbrica, ha già ricevuto varie adesioni da medici in pensione.

poliambulatorio-solidale-una-cura-per-tutti-3

Nella foto di copertina alcuni dei dottori: da sx Frediani, Macchi, Sergio Cavallaro, Zanetta, Maria Bonomi presidentessa dell’Auser, Giustina, Carmelo Cavallaro e Farina.

Foto copertina
Didascalia: Poliambulatorio Solidale Borgomanero
Autore: Associazione Auser
Licenza: Associazione Auser

Novara - Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura
SanremoBio: il consumo consapevole passa attraverso l’alimentazione, il sociale e la cultura

Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza
Bagni di foresta nella Basilicata selvaggia: vi raccontiamo la nostra esperienza

In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli
In Liguria due ostetriche guidano i genitori verso nascite “positive” e percorsi consapevoli

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La teoria dell’evoluzione va ripensata? – #556

|

“La Calabria ci riguarda”. #maipiùstragi, la prima manifestazione nazionale contro la ’ndrangheta a Milano

|

Dal Veneto alla val di Vara: la storia di Maria e del suo richiamo alla vita contadina

|

Settevoci, la comunità rurale nata in un casale diroccato nella campagna siciliana

|

Lo spreco d’acqua e la dispersione delle reti idriche: abbiamo un problema

|

Al lavoro con la natura: racconto di un convegno itinerante fra arte, cultura e ambiente

|

Campo e sincronicità: come creare la propria vita con consapevolezza imparando a cogliere certi segnali

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua