4 Feb 2019

Il muro della gentilezza diventa virale e si diffonde nel mondo

Scritto da: Sara Capurso

Un muro dove chi non ne ha bisogno può lasciare cappotti e altri indumenti a disposizione di chi è in difficoltà e non ha niente per coprirsi. Lanciata in Iran, l'iniziativa di solidarietà chiamata “muro della gentilezza” ha spopolato sul web e in pochissimo tempo si è diffusa “offline” di città in città.

Che cos’è il “muro della gentilezza”? È una bellissima iniziativa che sta nascendo sempre in più città e che arriva dall’Iran, è un’idea che ci parla di solidarietà, gentilezza e gesti apparentemente piccoli ma che per qualcuno possono significare molto.

Credits: Excelsior/Shakeel

Credits: Excelsior/Shakeel


 

A Mashhad, una metropoli da 2,5 milioni di abitanti nel nord est dell’Iran dove i senzatetto sono ancora moltissimi, qualcuno ha appeso ad un muro dei semplici ganci e un cartello con la scritta: “Se non ne hai bisogno lascialo. Se ne hai bisogno prendilo”. È infatti questo lo slogan di questa iniziativa che vuole essere un aiuto concreto per le persone che vivono per strada o per chi è talmente in difficoltà da non potersi permettere un cappotto o una sciarpa. Sono iniziate ad apparire giacche e indumenti caldi e il passaparola sui social è stato velocissimo.

 

Altre città hanno creato muri colorati con ganci e cartelli condividendo l’idea e invitando tutti a ripetere il gesto. Un muro, usato quasi sempre per dividere, è diventato invece un simbolo di unione. Questa iniziativa, ha dato una mano concreta alle moltissime persone che vivono ancora per strada, offrendo loro un aiuto enorme sopratutto durante l’inverno. L’idea e si è diffusa velocemente online ed è stata ripetuta in Cina, Indonesia e India. In Svezia prima del Natale, un’agenzia immobiliare ha deciso di unire il suo messaggio pubblicitario alla solidarietà, creando un nuovo “muro della gentilezza”.

il-muro-della-gentilezza-svezia

Anche l’Italia non è rimasta indifferente e da Nord a Sud sono iniziati a comparire i muri con cappotti e indumenti caldi appesi.

 

A Latina proprio sulle pareti di legno che volevano impedire l’accesso ai senza tetto al mercato coperto, sono stati appesi ganci e cappotti, con cartelli scritti in diverse lingue rivolti proprio a queste persone per dare loro un messaggio di solidarietà e speranza. A Monza, gli indumenti caldi sono stati appesi agli alberi e a Catania oltre a cappotti e guanti, sono stati predisposti dei contenitori per le coperte.
Anche Cerrento Sannita, ParmaPalermo e Borgo San Lorenzo hanno risposto all’iniziativa.

 

A Bologna il “muro della gentilezza” è stato creato all’esterno di un asilo nido e oltre agli indumenti vengono lasciati giocattoli, libri e oggetti che possono dare un grande aiuto a chi vive per strada e coinvolgendo i bambini e le loro famiglie a donare ciò che non usano più.

 

Così come per i “frigorifero solidali” e il “panino” o il “caffè sospeso” anche i “muri della gentilezza” possono essere un valido mezzo per equilibrare un po’ di più l’enorme disparità tra lo spreco di cibo, denaro, indumenti e oggetti e la disperazione in cui vivono milioni di persone che non hanno più nulla.

 

 

Articoli simili
Armadio Verde, il primo ecommerce per lo scambio di abiti usati

Natale, l'ecodecalogo di Greenpeace per le feste

Nei comuni italiani nasce l’assessore alla gentilezza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti