4 Feb 2019

“Lampedusa Resiliente”: un futuro sostenibile per l'isola simbolo del Mediterraneo

Scritto da: Redazione

Rafforzare la sinergia tra la cittadinanza e le realtà associative per costruire un futuro sostenibile, fondato sulla cura del tessuto sociale e delle risorse naturali. Questo l'obiettivo del progetto “Lampedusa resiliente” rivolto ad un gruppo di giovani e finalizzato a favorire la cooperazione e la partecipazione sull'isola.

Solo attraverso un lavoro congiunto tra realtà della società civile e cittadinanza è possibile mantenere una comunità vivace e propositiva, capace di prendersi cura del territorio e rispondere alle sfide del presente. Con questo obiettivo Terra!, insieme alla Biblioteca IBBY Lampedusa e al Circolo “Esther Ada” Legambiente Lampedusa, ha lanciato Lampedusa Resiliente un nuovo progetto volto a rafforzare la cooperazione e la partecipazione sull’isola.

 

Grazie al supporto di Open Society Foundations, Terra! – dal 2015 attiva sull’isola con il progetto di orti comunitari “P’Orto di Lampedusa” – lavorerà insieme alle organizzazioni partner nel campo dell’educazione e della formazione, per promuovere l’incremento di conoscenze e competenze, oltre che della partecipazione pubblica alle attività a sfondo ambientale e sociale.

lampedusa-2106911_960_720

Il cuore del progetto è la realizzazione nel marzo 2019 di una settimana di training teorico-pratico rivolto a un gruppo di almeno 20 giovani, nell’intento di offrire loro strumenti per promuovere attività di carattere socioculturale e agricolo a Lampedusa. Al termine della settimana, uno dei giovani partecipanti verrà selezionato per avviare un tirocinio retribuito di 6 mesi sull’isola. Grazie a questa esperienza, avrà l’occasione di lavorare con le tre organizzazioni allo sviluppo di iniziative e attività volte a coinvolgere la comunità.

 

“In un momento storico che vede sfilacciarsi i legami comunitari, vogliamo invertire la tendenza e investire in un territorio importante e complesso come questa isola simbolo del Mediterraneo – spiega Fabio Ciconte, direttore di Terra! – Ci aspettiamo che questo progetto rafforzi la sinergia tra la cittadinanza e le realtà associative, favorendo un ulteriore sviluppo delle capacità tecniche, analitiche e organizzative utili alla comunità per costruire con le proprie mani un futuro sostenibile, fondato sulla cura del tessuto sociale e delle risorse naturali”.

 

 

Articoli simili
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione
Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione

SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani
SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi