31 Mar 2019

#Visione2040 – La salute, un’occasione per conoscersi e scegliere il proprio percorso

Scritto da: Annalisa Jannone

Cinque esperti tra medici e professionisti della salute hanno elaborato una visione di come si possa perseguire la tutela della salute in un settore in profonda trasformazione. Partendo da un’analisi dell’oggi e del significato di salute hanno elaborato proposte di percorsi per promuovere l'assunzione di responsabilità nella cura di sé e del proprio mondo.

La salute è un percorso di conoscenza di sé, è una scelta di coerenza, di integrità rispetto alla complessità che ci caratterizza. Coniugare il razionale, l’emotivo, lo spirituale, il bisogno di relazioni solidali e di appartenenza al proprio ambiente compongono il nostro essere in salute. Il dolore, la sofferenza, il disagio possono avere un valore trasformativo. È il contesto di senso simbolico socio-culturale che fa della salute un problema o un’opportunità.

 

La tutela della salute passa da un’assunzione di responsabilità, una risposta non alla malattia ma a se stessi. È fondamentale la conoscenza di più punti di vista e metodi per disporre della libertà di scelta.

 

Il cambiamento è destabilizzante quanto vitale, se accolto con fiducia è già espressione di superamento. Imparare ad ascoltare dialetticamente le proprie intime verità e il proprio tempo… per darsi il tempo della cura di sé invece della fretta verso la soluzione.

 

In noi agiscono forze vitali che con l’alimentazione, il movimento, la spiritualità e la conoscenza possiamo potenziare per avere il coraggio di riconoscere i modelli mentali che indeboliscono, gli atteggiamenti passivi e deleganti e fare scelte consapevoli di libertà.

 

WomensHealth

 

LA SITUAZIONE ATTUALE
I dati della sanità pubblica indicano statisticamente una buona performance dell’Italia ma in un quadro generale di declino. Il sistema sanitario è sempre più sofferente per la riduzione dei finanziamenti, sempre più disuguale nella popolazione, appiattito, spesso, su vecchi modelli scientifici e culturali ed esposto alle pressioni dell’industria.

D’altro canto si registra un forte aumento della richiesta di una medicina integrata, olistica, complementare che data l’eterogeneità dei professionisti e degli approcci e l’estrema cautela dei medici a manifestare i risultati delle proprie ricerche appare un mondo estraneo e sotterraneo.

 

COSA POSSO FARE IO

 

…CITTADINO -Sviluppare sempre più coscienza della salute, sensibilizzarmi alla saggezza dei sensi, educarmi per sostenere scelte responsabili con coraggio per me e per la mia comunità.

-Fare esperienza del significato di salute, malattia, disagio, dell’invecchiamento, dei cambiamenti naturali, del dolore, della qualità delle relazioni
-Impostare con il mio medico olistico un percorso di fiducia e di crescita. La salute come un guadagno di sé.
-Adottare con coraggio scelte di consumo di tutela della salute e dell’ambiente
-Promuovere il rapporto città-campagna
-Informarmi e sostenere il più possibile il parto in casa o in ambiente extrospedaliero

 

…MEDICO – Lavorare per mantenere il naturale stato di salute dei membri del gruppo, per potenziare le capacità di autoguarigione degli individui.
– Uscire dall’iperspecializzazione, per approdare ad una nuova visione d’insieme, integrata, aperta alla complessità.
– Dare avvio a progetti comuni di buone pratiche in ambito di ricerca, formazione, cura e cambiamento culturale.
– Ai medici che applicano medicine complementari e alternative a quelle ufficiali: Organizzarsi per uscire dalla “omertà forzata” e dall’isolamento forti della quantità e qualità delle prestazioni maturate.
– Sviluppare un dialogo e sinergie tra la biomedicina e le medicine Non Convenzionali, Complementari e Tradizionali.

 

… POLITICO/AMMINISTRATORE PUBBLICO -Promuovere una reale, seria e solida libertà di scelta terapeutica.

-Intendere la salute non solo come diritto da tutelare ma anche come bene comune di cui prendersi cura in modo attivo nella definizione e attuazione delle politiche.

-Favorire   luoghi e tempi per un dialogo continuo e aperto e circolare (non   gerarchico)   tra   operatori professionisti e non e cittadini partecipando attivamente alla crescita di consapevolezza sui vari argomenti.

 

GLI ESEMPI VIRTUOSI

 

Da “La Terra del sorriso” di Ridere per Vivere al “Metodo della salute”. Diversi sono i progetti di salute individuale e di comunità in Italia che integrano i concetti di conoscenza interiore, percorso personale in relazione agli altri e che promuovono il riconoscimento della “naturalità” dei passaggi e dei cicli come esperienza unica e universale. I vari approcci cercano di potenziare le risorse individuali creando le condizioni perché possano avere la forza rigeneratrice per la guarigione del corpo individuale e sociale.

 

GRAZIE A…

 

Coloro che hanno contribuito ad elaborare il documento: Rossana Becarelli – Policlinico di Torino, Annalisa Jannone – Italia che Cambia, Massimo Mangialavori – Omeopata, Ekaterina Motta – Metodo alla Salute, Valerio Pignatta – Macro Edizioni, Michel Cardito – Rete sostenibilità e salute.

 

Cliccate qui per leggere il documento completo 

 

 

 

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Vitamina C, un prezioso antiossidante naturale

Gli insegnamenti di Berrino nella cucina domestica

Nasce la laurea in gastronomia
Nasce la laurea in gastronomia

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Antonello Sannino e il mondo LGBTQIA+ nel Sud Italia. Una storia piena di sorprese – Amore Che Cambia #19

|

A Ventimiglia il viaggio dei migranti in attesa di nuova accoglienza

|

La Casa del Giocattolo Solidale: riuso e condivisione per fare felici i bambini

|

Ticket tour: un viaggio alla scoperta di aziende virtuose sforna nuovi imprenditori eco-sostenibili

|

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna