14 Giu 2019

Italia Che Cambia sceglie un server a emissioni zero!

I data center sono fra le maggiori fonti di emissioni di anidride carbonica al mondo. Per questo noi di Italia Che Cambia abbiamo deciso di appoggiarci al green data center di Exe.it utilizzando un servizio di hosting sostenibile a emissioni zero che non inquina l'ambiente.

Nei paesi del mondo occidentale, Italia compresa, i primi responsabili delle emissioni di anidride carbonica sono i data center. Proprio così: le infrastrutture della rete che voi utilizzate per innumerevoli azioni che compite quotidianamente – inviare e-mail, scorrere le bacheche dei social, fare acquisti online e anche per leggere questo articolo! – hanno un impatto elevatissimo sull’ambiente.

La sede di Exe.it

La sede di Exe.it


Tempo fa vi abbiamo parlato di Exe.it e del suo pionieristico e fondamentale lavoro di abbassamento dell’impronta ecologica di questo tipo di strutture. Exe è infatti il primo green data center italiano, che vuol dire che è la prima società in Italia a fornirsi di un data center completamente a emissioni zero, strutturato per l’efficienza energetica.

 

A questo fra l’altro si aggiunge un’altra caratteristica importante che riguarda la ragione sociale: Exe.it è una società benefit, cioè una società profit che però formalizza e persegue una politica aziendale fondata sull’attenzione per l’ambiente, per il sociale o per entrambe le cose.

 

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Noi di Italia Che Cambia ovviamente sosteniamo con forza il lavoro che Exe.it porta avanti. Non solo per il contributo che fornisce in termini di riduzione dell’impatto ambientale del settore data center, ma anche per il ruolo di esempio e diffusore della cultura della sostenibilità e della responsabilità sociale ed ecologica.

 

È una scelta dettata prima di tutto dalla coerenza. Da anni raccontiamo e diffondiamo iniziative legate a temi cruciali come l’inquinamento, i cambiamenti climatici, la responsabilità che ciascuno di noi ha nel contribuire a frenare la crisi ambientale a partire dalle piccole e grandi scelte quotidiane. Contrariamente a quanto spesso ci viene detto, abbiamo a disposizione una vasta gamma di soluzioni per agire qui e ora. Sfruttarle è quindi un dovere che abbiamo tutti e non ci sono motivi per non farlo.

 

Dopo aver visitato l’azienda lo scorso anno e averne parlato sulle nostre pagine, abbiamo deciso di aderire fattivamente a questo percorso dotandoci di un servizio di hosting sostenibile e appoggiando alla VPS di Exe.it i nostri siti. Naturalmente invitiamo chiunque abbia bisogno di servizi di data center a seguire il nostro esempio, riflettendo sull’impatto ambientale spesso sottovalutato di un’attività che per molti di noi è preponderante nel lavoro e nella vita di tutti i giorni e passando alle vie di fatto scegliendo fornitori come Exe, che garantiscano massimo rispetto per l’ambiente e per il pianeta che ci ospita.

 

Il certificato di Italia Che Cambia

Il certificato di Italia Che Cambia


 

 

Articoli simili
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento
Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione
Gli incendi di domani vanno spenti oggi: ecco perché è necessario puntare sulla prevenzione

SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani
SiciliAmbiente, il festival dedicato alla sostenibilità e ai diritti umani

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi