Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
10 Giu 2019

Racconti on the road di un viaggio… nel Piemonte che Cambia

Scritto da: Lorena Di Maria

Ci sono storie che ci fanno divertire, altre che ci incuriosiscono, oppure che ci emozionano. Ci sono storie che raccontano pezzi di vita delle persone, di comunità e di interi territori. Proprio da questi racconti parte il nostro tour nel Piemonte che Cambia, per far emergere quelle realtà virtuose che ci circondano e per testimoniare il vero motore di un cambiamento in atto intorno a noi tutti i giorni.

E’ strana la sensazione che si prova il giorno prima di un viaggio. E’ quel mix perfetto di adrenalina e desiderio di conoscenza, di attesa mista al brivido dello sconosciuto, dell’inesplorato. Una sensazione che, in un insieme di sentimenti contrastanti, non si può che vivere appieno, perché essi stessi sono parte integrante di un viaggio che è già iniziato.
Paolo ed io partiamo alla scoperta del Piemonte che Cambia, alla ricerca delle realtà e dei progetti virtuosi di coloro che hanno intrapreso un percorso di cambiamento. Sono storie di coraggio, racconti di vita di chi ha deciso di oltrepassare i propri limiti, creando la propria storia giorno per giorno.
Riempiamo lo zaino di entusiasmo e curiosità: i nostri bagagli sono al completo! E sotto un cielo assolato di giugno che ci accompagna sul nostro percorso, ci dirigiamo verso tante nuove avventure.

 racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

ATTIVATI

Le prime tappe del viaggio ci portano a Torino, dove incontriamo Tiziana che ci accoglie calorosamente all’interno della scuola parentale biocentrica che ha fondato dieci anni fa insieme ad educatori e genitori. Il progetto si chiama “La Vita al Centro” e rappresenta un luogo che, proprio come testimoniato dal nome, pone al centro il bambino e la sua crescita.

 

Ci troviamo all’interno del Parco del Nobile, un luogo perfetto dove ci immergiamo nella natura, addentrandoci in tutte le tonalità del verde e lasciando il caos cittadino alle spalle. Saranno le continue risate o il senso di libertà nel guardare i bambini che corrono spensierati tra i prati, che ci fanno venire voglia di tornare piccoli e dopo una mattinata in loro compagnia quasi ci dimentichiamo di dover proseguire il nostro viaggio.

racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia-2 

La successiva tappa è il laboratorio di Monica e Clarien, che insieme vogliono lasciare un’impronta di cambiamento verso un mondo più sostenibile. Appena entrati ci colpisce il dolce profumo di miele che avvolge l’ambiente e scopriamo presto il perché.
Beeopak” è un progetto di packaging naturale da loro creato per essere usato come sostituto della plastica nell’uso quotidiano. Nello specifico è pensato per avvolgere gli alimenti ed è realizzato con ingredienti biologici del nostro territorio piemontese quali cera d’api, resine ed oli naturali. Monica e Clarien ci raccontano la loro vita, i percorsi che le hanno fatte incontrare e diventare non solo collaboratrici ma amiche da lungo tempo ed insieme hanno deciso di lasciare, nel nostro Paese, una piccola impronta virtuosa che altri potranno seguire.

 

Entusiasti degli incontri precedenti proseguiamo alla volta di Izmade dove incontriamo Alessandro, che a Torino opera nel campo dell’eco-design autoprodotto e che, coi suoi soci, ha dato vita ad “Izlab”, uno spazio di lavoro quale ibridazione tra uno studio di design e un laboratorio artigianale, tra un’officina e uno studio di architettura.
Insomma, un luogo dove non mancano creatività, inventiva e fai da te, i cui spazi sono aperti alla comunità e a chiunque abbia bisogno di riparare o realizzare la propria opera. Tra attrezzi e giovani mani che lavorano i più disparati materiali penso alle grandi potenzialità di questo luogo, quale fucina di idee e condivisione.

 racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia-3

Il nostro viaggio ci porta da “Off Grid Italia”, associazione che promuove le pratiche del vivere a basso impatto ambientale. “Scollegarsi dalla rete e vivere fuori dagli schemi”, proprio come ci racconta Marco, che incontriamo nuovamente con piacere e che come sempre sa trasmettere il suo entusiasmo e la sua forza al servizio del cambiamento.
Insieme ci confrontiamo sull’importanza di costruire una rete di persone pronte ad unirsi per rendere realtà il sogno comune di un mondo più sostenibile e improntato alla circolarità.
All’interno degli spazi dell’Associazione, dove la comunità di giovani, appassionati, studenti, si incontra ogni giorno per realizzare nuovi progetti di riuso e riciclo, si respira proprio questo: pensieri, capacità, ambizioni e nuove conoscenze.

 

Successivamente ci rechiamo da Laura e Marilù, due giovani ed intraprendenti ragazze che ci raccontano la bella storia di imprenditoria e innovazione sociale di “Impact Hub Torino“, che fa parte del più grande network al mondo di spazi di coworking, eventi ed accelerazione per startup e iniziative.
Mi accorgo come, intorno a me, tutto è condiviso: dalla cucina, alle postazioni per lavorare. Ci troviamo in un ambiente dove le varie professionalità possono incontrarsi per creare nuovi progetti e nuove reti di imprenditoria, oltre che far emergere le potenzialità e le capacità di tanti giovani che insieme rappresentano il vero motore di una trasformazione dal basso.

 racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia-4

Continuiamo il nostro viaggio giungendo a Novara ed in particolare nel quartiere periferico di Sant’Agabio, ai limiti della zona industriale della città. In quest’area vive una comunità coraggiosa, proprio come testimoniato dalla storia di Franco e Stefania, che, per sopperire all’abbandono e allo stato crescente di degrado e povertà, stanno concretizzando il sogno di creare un “quartiere resiliente”, grazie all’azione collettiva degli abitanti e di diverse associazioni ed enti, che si sono uniti per dare vita ad un obiettivo comune: consumare meno energia, autoprodurre cibo collettivamente, coinvolgere le diverse culture e produrre meno rifiuti.
Sant’Agabio Resiliente” vuole essere il quartiere che rinasce mostrando la capacità dei singoli abitanti di generare insieme un cambiamento.

 racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia-5

Dopo un’ora di viaggio arriviamo ad Arona, dove ci incamminiamo verso il “Circolo Wood”. Qui incontriamo Barbara e Federico ed il loro amore per questo progetto, che ci sanno trasmettere con forza e passione.
Il circolo Wood, con il suo Ristorante Solidale che offre pasti caldi ai senzatetto, attività ed incontri per tutte le età, nasce con la volontà di ricostruire legami sociali e favorire l’inclusione tra persone appartenenti a mondi diversi.
Cresce con l’impegno di persone ed associazioni presenti sul territorio che in questi anni hanno contribuito alla vita del Circolo con le loro idee, proposte ed attività, facendo nascere un “luogo di incontri, spesso inusuali, un luogo del fare, un luogo dello “stare”, o meglio, “dello “stare con”.

 racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia-6

Giungiamo in seguito ad Alessandria. E’ tardi e siamo un po’ stanchi della giornata trascorsa ma sappiamo che il viaggio fin qui ne varrà la pena, perché ci aspetta una storia unica nel suo genere. Gianluca Pagella, in arte “Gianggiusta“, vive da sempre ad Alessandria e, con la sua inseparabile cargo bike, ci racconta la sua storia di trasformazione da imprenditore nell’ambito dell’automotive ad aggiustatutto in bicicletta. Un racconto di vita che fa riflettere, commuovere e allo stesso tempo divertire, grazie alla capacità di Gianluca di farci immergere in una storia vivendola insieme a lui.

 

L’ultima tappa del nostro viaggio ci porta a nord in provincia di Verbania. Siamo arrivati qui, quasi al confine con la Svizzera, per far conoscere quelle storie virtuose che descrivono l’indissolubile legame tra le persone e i territori in cui vivono, proprio come ci raccontano le esperienze di ripopolamento di borghi che veniamo presto a scoprire.

 

Ne è esempio la comunità buddista che da anni, nella frazione di Albagnano, ha contribuito, a partire dalla realizzazione del centro buddista dal nome “Albagnano Healing Meditation Centre” alla rivitalizzazione di un villaggio ormai abbandonato, creando un luogo di incontro per le persone provenienti da tutto il mondo, per riavvicinarsi alla natura e condividere un senso di comunità basato su uno stile di vita semplice; oppure la storia di Maurizio e Paola che vivono nel borgo di Ghesc, un piccolo villaggio di otto edifici, abbandonato da decenni e che, grazie a loro, è diventato centro delle attività e delle ricerche sull’architettura tradizionale e sull’uso di materiali sostenibili che coinvolge giovani provenienti da tutto il mondo per riscoprire l’utilizzo di queste pratiche.

 racconti-on-the-road-viaggio-nel-piemonte-che-cambia-7

Torniamo infine dalla provincia di Verbania ripercorrendo i paesaggi più suggestivi di questo viaggio. Mi trovo ad osservare le distese di alberi che veloci sfrecciano al di là del finestrino e con il naso all’insù, ad ammirare alcune vette ancora innevate. La stanchezza si fa sentire, ma questa volta è accompagnata da una sensazione di leggerezza.
Ripenso a tutte le incredibili storie di coraggio e trasformazione che mi sono state raccontate in questi giorni e che testimoniano un cambiamento reale, in atto proprio intorno a noi, fatto del sudore e dell’ottimismo di persone che in modi diversi, in contesti territoriali differenti stanno contribuendo con passione ad un obiettivo comune, alla ricerca di un mondo migliore.
Penso a ciò e non posso negare il grande insegnamento di vita che ognuna di queste persone mi ha regalato, condividendo, con le sue parole e il suo calore, un pezzetto della sua storia. Sono grata di tutto questo e torno a casa con un grande bagaglio, che mi fa sorridere, ricordandomi che da un viaggio non si torna mai uguali a quando si è partiti.

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Lo strano caso dei cereali al cipollotto (e altre storie) – Io Non Mi Rassegno #179

|

L’Italia contadina si ribella alle monocolture delle multinazionali

|

Capitale Sociale, nasce una scuola per imparare a riprogettare il futuro

|

Pronti alla vera contaminazione?

|

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

|

Il riciclo della plastica segna il riscatto di una comunità in Etiopia

|

La tana di Jo: letture e movimento per crescere in natura

|

Fianco a fianco: “Aiutiamo i ragazzi stranieri a realizzarsi in Italia”