3 Set 2019

“Cerco persone per dar vita ad un ecovillaggio in Sardegna”

Scritto da: Redazione

Pubblichiamo il messaggio di una nostra lettrice, Chiara Fadda, alla ricerca di persone con valori e intenti a lei affini per creare insieme un Ecovillaggio in Sardegna e condividere altri progetti basati sull'ecosostenibilità e la creatività socialmente utile, nonché ispirati a principi di giustizia sociale ed equità.

Sardegna - Da una quindicina d’anni sento che il modello di vita adatto a me non è né la vita da sola, né la vita in coppia, ma la vita in gruppo, come una famiglia allargata, in cui, a differenza di quella biologica, si possono scegliere i componenti in base alle affinità di valori e la loro messa in pratica, e d’intenti.

 

Credo che la scelta di unire le proprie forze, capacità, creatività e affettività con quelle di altre persone, per realizzare un intento comune, sia il futuro per il benessere e la felicità dell’umanità.

 

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Per questo motivo cerco persone interessate a formare un gruppo di affinità per la nascita di un Ecovillaggio in Sardegna. Come luogo per la sperimentazione di questo intento di condivisione propongo un terreno confinante con il mare, situato a due chilometri da Santa Teresa Gallura, in Sardegna. Il terreno è caratterizzato da suggestive conformazioni granitiche tipiche della Gallura, e da macchia mediterranea alta, tra cui predominano alberi di corbezzolo e mirto.

Capo testa, a pochi chilometri da Santa Teresa di Gallura

Capo testa, a pochi chilometri da Santa Teresa di Gallura

Per verificare le affinità sto organizzando un incontro guidato da facilitatori nel periodo tra il 15 e il 30 Settembre, all’Isola dell’Asinara, cui precederà l’invio di un questionario che sarà utile per iniziare, o continuare, a riflettere approfonditamente sui propri bisogni e su ciò che ciascuna/o vuole creare insieme ad altre persone.

 

Con le persone del futuro Ecovillaggio vorrei condividere, tra le altre cose che esploreremo insieme durante l’incontro, anche i miei progetti: Il Parco delle Relazioni e il Parco della Sostenibilità. Nel mentre che il momento propizio per creare un gruppo di affinità si presentasse, ho seminato infatti mie idee e progetti, tra cui il Parco delle Relazioni, che è passato alla selezione di un bando.

 

Ora dunque vado più concreta che mai alla ricerca di persone cui quest’idea stimola curiosità e interesse, e lancio la “call” per trovare persone affini con cui realizzare questo ed altri progetti, che abbiano come comuni denominatori stili di vita ecosostenibili, creatività socialmente utile, principi di giustizia sociale ed equità, in una forma di vita comunitaria pensata e scelta in base alle proprie esigenze.

 

Per maggiori informazioni scrivi a 
ecovillaggiosantateresa@gmail.com

o chiama il 079-4924497 (risponde Mauro)

 

 

Vuoi cambiare la situazione
dell'abitare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Nelle Marche il primo passo verso un ecovillaggio sostenibile e autosufficiente

Io faccio così #53 – Il Giardino della gioia, un ecovillaggio nel cuore del Gargano

MeditAmare: scollocarsi in un ecovillaggio a pochi passi dal mare

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa