Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
17 Set 2019

Rete MediAttiviste/i: un nuovo incontro tra attivisti e giornalisti indipendenti

Scritto da: Redazione

Si svolgerà il 5/6 ottobre 2019 presso il Parco di Studio e Riflessione di Attigliano il secondo incontro nazionale della rete MediAttiviste/i, la rete tra giornalisti indipendenti e attivisti sociali nata per colmare quel buco informativo lasciato dai media tradizionali e costruire una narrazione alternativa a quella mainstream, spesso carente e fuorviante.

Al Parco di Studi e Riflessione di Attigliano (Terni) dal 5 al 6 di ottobre si svolgerà la seconda riunione nazionale di MediAttiviste/i, la rete tra attivisti di base e giornalisti indipendenti lanciata da Pressenza di cui fa parte anche Italia Che Cambia e a cui hanno aderito e continuano ad aderire realtà sociali e giornalistiche delle più diverse.

 

MediAttiviste/i, rete tra giornalisti indipendenti e attivisti, si è formata con un percorso molto partecipato iniziato nel gennaio 2019 con incontri di città a Milano, Roma, Firenze e Napoli e un incontro nazionale tenutosi in aprile al Monastero del Bene Comune (Verona). In questi mesi la partecipazione alla mailing list creata fin dal primo incontro è cresciuta continuamente, arrivando a oltre 100 iscritti tra giornalisti di diverse testate, blog, siti e attivisti di diversi campi, dall’ambiente ai diritti umani, dal disarmo alla nonviolenza.

Il nome e il logo MediAttiviste/i sono stati scelti dopo un’intensa consultazione online, con varie proposte e molto dibattito ed è stata poi creata una pagina Facebook e un blog in cui vengono pubblicate via via notizie, commenti e iniziative. Tutto su base volontaria, tutto animato da uno spirito positivo di coesione e collaborazione e dalla spinta a trovare sempre nuove forme di appoggio reciproco.

 

È ora di fare un altro passo avanti e dopo la riunione nazionale di aprile trovarci un’altra volta, ancora più numerosi, con alcuni per conoscerci di persona e non solo con scambi via mail e con tutti per delineare priorità di azione, definire progetti comuni e individuare iniziative da appoggiare in modo congiunto, creando una sorta di task force che segua eventi di particolare interesse.

 

Il programma della riunione è ancora in fase di elaborazione, ma alcuni dei temi che verranno trattati sono:

 

– La creazione di una rete di media indipendenti a livello europeo
– L’elaborazione di un sistema di pacchetti informativi che contrastino le fakes news
– Un sistema di segnalazione degli eventi di base
– L’appoggio alle iniziative della Fondazione “E’ stato il vento”, nata per diffondere e rafforzare l’esperienza di Riace e i valori da essa rappresentati.
– La creazione di un giornale cartaceo indipendente, gratuito e diffuso sul territorio nazionale.
– L’appoggio alle Ong che salvano vite in mare, sia dal punto di vista giornalistico che di sostegno e diffusione di iniziative come La giusta rotta, la campagna di  informazione e sensibilizzazione appena lanciata da Open Arms, Sea-Watch e Mediterranean Hope.
– L’appoggio alle iniziative sul cambiamento climatico di Extinction Rebellion e Fridays for Future.
– L’appoggio alla Marcia Mondiale per la Pace e la Nonviolenza, che partirà il prossimo 2 ottobre da Madrid e vi tornerà l’8 marzo 2020, dopo aver attraversato tutti i continenti con iniziative su pace, disarmo, ambiente, non discriminazione, diritti umani, educazione alla nonviolenza.
– La gestione della pagina FB di MediAttiviste/i.
– La ripresa della campagna sugli hate speech.

 

L’incontro, aperto a tutti gli interessati, si terrà sabato 5 e domenica 6 ottobre (se possibile, si consiglia di arrivare il venerdì sera) al Parco di Studio e Riflessione di Attigliano, in provincia di Terni, a meno di un’ora di treno e macchina da Roma. Si comincerà sabato mattina e si terminerà domenica alle 15, in modo da permettere un comodo rientro ai partecipanti arrivati dalle diverse città.

 

Per partecipare è necessario compilare questa tabella.

 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Surgisphere e gli studi sull’Idrossiclorochina – Io Non Mi Rassegno #152

|

Allevatori che ballano coi lupi (e coi cani da guardiania)

|

Il progetto R2020: intervista a Sara Cunial

|

“Cambio vita e coltivo canapa industriale”: Francesco Procacci e il suo ritorno alla terra

|

Altipiano: le maestre del bosco che in cinque mesi hanno ribaltato la loro scuola – Scuola che Cambia #2

|

Che cos’è e come funziona la nutripuntura

|

Adotta il tuo Orto, scegli quali verdure seminare e aspettale a casa!

|

Imprese: come stringere partnership vincenti ed evitare clamorosi errori