24 Set 2019

Torna il festival del cinema Rurale, alla scoperta del mondo contadino

Scritto da: Lorena Di Maria

Corto e Fieno è il festival che, da dieci anni, indaga attraverso modi e forme del cinema la persistenza del rurale nella società contemporanea, facendoci immergere, attraverso una rassegna di film e documentari, nella vita di campagna e nel recupero delle tradizioni attraverso le storie dei protagonisti. L’evento avrà luogo i giorni 4-5-6 ottobre nei comuni di Ameno, Miasino e Omegna sulle colline che separano il Lago Maggiore dal Lago d’Orta, alla scoperta del rapporto tra l’uomo e la terra.

«Corto e Fieno è un festival del cinema. Ma un festival che guarda a un particolare tipo di cinema, quello rurale, che racconta il mondo contadino e la vita in campagna».
Così si presenta il festival di tre giorni che, nella meravigliosa cornice del lago d’Orta, tra le province di Verbania e Novara, rivela il sacro rapporto tra l’uomo e la sua terra. Saranno tre giorni interamente dedicati al mondo agricolo che ripercorrerà lo scandire del tempo e il succedersi delle stagioni in una ciclicità che racconta storie di vita di intere generazioni di contadini e pastori, di villaggi agricoli e del rapporto tra città e campagna.

 torna-festival-cinema-rurale-scoperta-mondo-contadino

Attraverso la proiezione di film e documentari, mostre e incontri coi registi, la rassegna vuole raccogliere testimonianze dell’identità rurale e promuovere il recupero delle tradizioni della terra in chiave innovativa, attraverso il coinvolgimento delle nuove generazioni.
«I film di Corto e Fieno parlano della campagna come luogo dove abitare, scegliere, fuggire o tornare, spazio vitale dimenticato e retroterra di resistenza», si legge sul sito del festival. «Corto e Fieno non vuole essere apocalittico o nostalgico, non rimpiange l’esistenza bucolica dei tempi passati e non demonizza la vita moderna ma riflette sulla dialettica tra ruralità e progresso, esplorandone le implicazioni virtuose e viziose, evidenziandone i conflitti e soppesando le possibili soluzioni».

 

Curata da Paola Fornara e Davide Vanotti, direttori artistici, la rassegna è frutto dell’idea e della creatività dell’associazione culturale Asilo Bianco che nasce con l’obiettivo di indagare, attraverso il cinema, la persistenza del rurale e la cultura di un territorio all’interno della società contemporanea.
«Il festival nasce per creare nuovi mondi magici e poetici a partire dal confronto con lo scarto, con ciò che è abbandonato, buttato, dimenticato» si legge sul sito. Così facendo, l’associazione non solo intende valorizzare la comunità e il paesaggio ma è capace di creare una consapevolezza sociale che racconta quel rapporto radicale e genuino tra uomo e agricoltura.

 torna-festival-cinema-rurale-scoperta-mondo-contadino-2

Anche quest’anno il Festival sarà accompagnato da laboratori, colazioni con registi, mercatini agricoli, picnic ed eventi collaterali in più sedi. Le proiezioni saranno itineranti e spazieranno tra i comuni di Ameno, Miasino e Omegna, in un’immersione in quei luoghi che più rievocano la tradizione contadina. Sarà infatti possibile ritrovarsi nelle storie attuali o d’altri tempi all’interno di un antico granaio ora diventato museo come nel caso del Museo Tornielli di Ameno o all’interno di una stalla, tra balle di fieno, animali e prodotti agricoli come ne è esempio il Caseificio Baragiooj o ancora nella sala cinematografica dello storico Teatro Sociale di Omegna gestito dai volontari della Società Operaia di Mutuo Soccorso.

 

Saranno quattro le sezioni del Festival: Frutteto, Germogli, Mietitura e Sempreverde. I film che verranno proiettati giungono da ottantaquattro diversi paesi del mondo e saranno a ingresso libero (fino a esaurimento posti disponibili). Saranno 26 i cortometraggi selezionati e 14 le animazioni in competizione dedicate ai più giovani.

 torna-festival-cinema-rurale-scoperta-mondo-contadino-3

Inoltre, ad accompagnare le proiezioni, il Museo Tornielli di Ameno, inaugurerà domenica 6 ottobre la mostra “Radici – The Earth, The Sea, The Fire” di Gianluca Sgarriglia e Emanuele Scicolone, grande progetto fotografico sul mondo epico e poetico del lavoro manuale in Italia che racconterà le coltivazioni di tabacco, le risaie, le montagne bianche delle saline e i pascoli sugli alpeggi a 2.000 metri.

 

«Perché organizzare un Festival internazionale del cinema sulla campagna?» E’ la domanda che si sono dati gli organizzatori. E si sono dati anche una risposta: «Perché oggi più che mai è importante tornare alla terra, fermarsi e osservare quel mondo rurale che c’è, resiste e continua non solo a sfamarci, ma anche e soprattutto a meravigliarci».

 

 

Foto copertina
Didascalia: Pastore
Autore: Corto e Fieno
Licenza: Sito Ufficiale Corto e Fieno

 

Articolo tratto da Piemonte che Cambia

Verbania - Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
I vini “eroici” della Liguria:  La Polenza racconta la vita in vigna
I vini “eroici” della Liguria: La Polenza racconta la vita in vigna

Con il pretesto della guerra in Ucraina il Parlamento invita il Governo ad aprire alla coltivazione di OGM
Con il pretesto della guerra in Ucraina il Parlamento invita il Governo ad aprire alla coltivazione di OGM

In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355
In Sardegna c’è una Food Forest che riduce l’impronta ecologica facendo piantare alberi ai viaggiatori – Io Faccio Così #355

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

La transizione di Biden svanisce fra petrolio e trivelle? – #554

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo

|

Guglielmo Rapino si racconta a I(n)spira-Azioni: “Da anni viaggio per il mondo per difendere i diritti umani” – #13

|

Comunicazione nonviolenta, Covid, Ucraina: in cerca di dialogo in tempo di polarizzazione sociale

|

Eugenio: “Vi racconto la mia esperienza di vita in val Borbera”

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra