17 Gen 2022

La storia di Matteo: “Non ho più l’orologio, il mio tempo lo scandiscono le api e la natura”

Scritto da: Lorena Di Maria

Matteo Mana è uno dei custodi del suolo che, tra le valli occitane e i piccoli paesini del cuneese, si impegna per promuovere stili di vita più sostenibili. A Verzuolo, dopo diversi lavori, ha scoperto una passione: l’apicoltura. Così ha avviato la sua piccola attività, insieme a una vita il più possibile connessa con la natura. Oggi vi raccontiamo la sua storia.

Cuneo - Matteo Mana è un ragazzo di 36 anni che vive a Verzuolo, piccolo paese della provincia di Cuneo. Prima di dedicarsi all’apicoltura ha sperimentato diversi impieghi: ha rilevato una panetteria di paese che ha gestito per sei anni con sua mamma. Poi ha iniziato a lavorare in un supermercato, ma le luci artificiali e tutta quella plastica, tra imballaggi e rifiuti, non facevano al caso suo. Sì, perché Matteo è uno di quei giovani che trova nelle attività all’aria aperta il suo ambiente ideale e sa riconoscere nella natura una casa sempre pronta ad accoglierlo. E così un giorno, un po’ per caso, ha bussato alla sua porta, entrando in un magico mondo mai conosciuto prima: quello delle api.

Come ci racconta, «mi ha sempre affascinato il mondo dell’agricoltura e dell’apicoltura. Delle api però, lo ammetto, conoscevo ben poco: a parte il fatto che facessero il miele, ero ignaro di tantissimi aspetti». Il momento di svolta nella vita di Matteo arriva quando incontra Giovanni, un amico di sua mamma che faceva l’apicoltore. Da quel momento Matteo inizia pian piano a scoprire che dietro alle api c’è un mondo tutto da conoscere. Allora si forma, studia, impara e scopre che queste piccole e simpatiche creature, così come altri insetti impollinatori, giocano un ruolo essenziale per l’equilibrio degli ecosistemi e per la vita e la salute del nostro pianeta.

Matto Mana4

Il magico mondo delle api

Quando è stato il momento di concretizzare le conoscenze acquisite, Matteo ha iniziato a occuparsi di poche api che, con il passare del tempo, sono cresciute di numero: così ha creato il suo progetto di apicoltura a Manta, un territorio della provincia di Cuneo che, come ci racconta, è ancora poco contaminato dall’agricoltura “industriale“. La sua area boscata, conosciuta per i suoi castagneti e particolarmente apprezzata dalle api nei periodi di fioritura, gli da la certezza che le api possano vivere in salute, producendo un buonissimo miele millefiori e castagno, che Matteo vende in valle.

Non di rado Matteo organizza visite per mostrare alle persone, curiose di conoscere il fantastico mondo delle api, il suo lavoro quotidiano. «Credo sia questo il tipo di attività che mi fa felice: le api di cui mi occupo si trovano vicino a me, a trenta metri di distanza dalla mia abitazione, e questo mi rende sereno se penso alla vita che ho scelto. Una vita dove il tempo non è obbligatoriamente scandito da un orologio, ma corrisponde al tempo dettato dalla natura. Così quell’orologio non è più, per me, uno strumento essenziale e nelle mie giornate cinque minuti prima o cinque minuti dopo non fanno più la differenza».

Matto Mana1

I custodi del suolo della Val Varaita

Il suo è un piccolo progetto di apicoltura pensato per affiancarsi a un progetto agricolo di cui sta gettando le basi, per concretizzare a tutti gli effetti il suo sogno di essere un vero “Custode del suolo”. Custode, proprio come tanti altri abitanti della Val Varaita che come lui hanno scelto di dedicare la loro vita alla terra e alla sua salvaguardia. Ne sono esempio La Milpa, la storia di Davide Provenzano e di Dino e Anne-Marie Matteodo. Vi abbiamo raccontato le loro storie all’interno del progetto dei Custodi del Suolo, di cui stiamo raccogliendo le testimonianze per mostrare le scelte di vita di coloro che tutti i giorni garantiscono un’agricoltura basata sul rispetto del suolo e della vita delle comunità.

Custodi del Suolo della Val Varaita, come abbiamo spiegato in questo e in quest’altro articolo, sono aziende della valle, realtà produttive e hobbisti che, in maniera condivisa, si sono assunti l’impegno di essere responsabili del suolo da loro coltivato e considerano la salute della terra un obiettivo importante da raggiungere insieme alla sua produttività.

Matto Mana3

«Durante il corso ho conosciuto molte persone che, vicino a me, portano avanti i loro progetti. Ho imparato l’importanza che ha la lombricoltura per il terreno, come interagire con l’ambiente circostante e le tecniche per prendersi cura del suolo. Sono felice di fare parte del progetto dei Custodi del suolo che, tradotto nella lingua della natura, considero come un seme: le conoscenze che acquisisci durante i corsi e le formazioni sembrano all’inizio lontane da te ma pian piano ti accorgi che riesci a metterle in pratica nel tuo lavoro quotidiano e ti permettono di fare la differenza».

Articoli simili
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”
Andrea di Nebraie: “Sono tornato in val Borbera per far rinascere il territorio”

Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica
Quali agricolture per il futuro? Il caso di Agriponos, una delle prime startup italiane di acquaponica

Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici
Giovani, sensibili e motivati: ecco a voi la nuova generazione di aspiranti contadini ecologici

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Rimonta Bolsonaro, sarà testa a testa con Lula al ballottaggio – #591

|

Da Albenga a Capo Nord in bici: ecco il viaggio di Emanuele Mei

|

We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

|

Sognitudo, in Puglia avanza il cambiamento all’insegna di sostenibilità e consapevolezza

|

Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”

|

Mediblei, la prima cooperativa di comunità per scoprire l’area iblea

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia