3 Set 2019

Venice Climate Camp: al via a Venezia il campeggio per la giustizia climatica

Grandi opere, ecofemminismi e migrazioni. Intorno a questi tre grandi temi si articolerà il confronto che prenderà vita a partire da domani al Venice Climate Camp, un campeggio internazionale per la giustizia climatica organizzato a Venezia in concomitanza con la Mostra del Cinema dal Comitato No Grandi Navi e Fridays for Future. Dopo tre giorni di dibattiti e approfondimenti, il 7 settembre gli attivisti raggiungeranno il red carpet con una marcia climatica per ricordare che il cambiamento climatico non è un film di fantascienza ma la realtà che stiamo vivendo.

Si terrà da domani all’8 settembre a Venezia, in concomitanza con la 76esima Mostra Internazionale del Cinema, il Venice Climate Camp, un campeggio per il clima organizzato dal Comitato No Grandi Navi Venezia e dai giovani attivisti di Fridays for Future che si ritroveranno al Lido di Venezia in uno spazio occupato e allestito all’insegna del minimo impatto ambientale.

Batteria Ca' Bianca dove si terrà il Climate Camp

Batteria Ca’ Bianca dove si terrà il Climate Camp


“Anche in Italia, come nel resto d’Europa e del mondo, gli ultimi mesi hanno visto centinaia di migliaia di persone scendere in piazza contro il cambiamento climatico e contro le grandi opere – scrivono i promotori dell’evento – Importanti sono state le piazze oceaniche di Fridays For Future il 15 marzo e quella dei comitati a Roma, il 23 dello stesso mese.

 

Del resto l’ultimo rapporto IPCC chiarisce la drammaticità della situazione e nei pochi anni che rimangono per arrivare allo zero netto di emissioni, ci è richiesto un cambiamento di rotta radicale. Una rivoluzione che deve trasformare il nostro modello energetico (fuoriuscita dal fossile), il nostro sistema di gestione territoriale (stop alle grandi opere, al consumo di suolo, alla devastazione ambientale) e quello che regola il ciclo dell’alimentazione”.

 

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Venezia è sembrato il luogo giusto per questo campeggio internazionale, non solo per l’occasione della Mostra del cinema che già richiama l’attenzione sul Lido, ma anche per la particolare condizione di questa città. “Venezia, in quanto città costiera, città in cui acqua e pietra si compenetrano, sarà particolarmente soggetta agli effetti del climate change e dell’innalzamento del medio mare”, evidenziano gli organizzatori del Venice Climate Camp.

venice-194835_960_720

“Eppure – continuano – anziché pensare a come affrontare questa grande sfida, miliardi di fondi pubblici sono stati dirottati verso una grande opera come il MOSE, utile solo ad ingrassare politici ed imprenditori corrotti. Tutto ciò mentre le grandi navi da crociera, inquinanti e devastanti per l’ambiente, continuano a transitare a pochi metri da Piazza S. Marco. Facciamo allora di Venezia un simbolo della lotta al cambiamento climatico, usiamo la Mostra Internazionale del Cinema, che si svolgerà proprio in quei giorni, come cassa di risonanza globale!”.

 

A Lido di Venezia sono attesi almeno 700 attivisti da tutta Europa che proveranno a costruire una riflessione condivisa articolata in tre approfondimenti tematici: grandi opere, ecofemminismi e migrazioni.

 

Dopo tre giorni di dibattiti e approfondimenti, il 7 settembre gli attivisti del Climate Camp raggiungeranno il red carpet della Mostra del cinema con una marcia climatica per ricordare “che il cambiamento climatico non è un soggetto da film di fantascienza, ma è la realtà che stiamo già vivendo, una spirale che il capitalismo estrattivo ha innescato e non vuole fermare”, come scrivono gli organizzatori della marcia.

marcia-clima-venice-climate-camp

“Dobbiamo fare in modo che il cambiamento climatico diventi il fulcro di ogni discussione o evento, politico e non – scrivono in un appello gli attivisti di Fridays for Future Venezia-Mestre – E anche le stelle del cinema devono oscurarsi e lasciare la scena al Pianeta, il tema del riscaldamento globale è il protagonista indiscusso del nostro tempo ed è l’unico che si merita di calcare il red carpet. Per questo il 7 settembre saremo con il Comitato No Grandi Navi e con tutti i nostri corpi al Lido in occasione delle premiazioni della Mostra Internazionale del Cinema”.

 

Gli attivisti invitano quindi tutti i comitati di FFF del Veneto e di tutta Italia a raggiungerli il 7 settembre al Lido di Venezia e partecipare a questa marcia climatica di respiro internazionale. “La nostra casa è in fiamme, è tempo di agire”.

 

 

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

A Gaza è di nuovo guerra, ma diversa – Io Non Mi Rassegno #368

|

Lo sviluppo delle aziende nella transizione ecosostenibile

|

La storia di Simone: “Sono tornato in Sardegna per diffondere la cultura dello sport”

|

Un albero mi ha chiesto di danzare: la storia di due artiste che imparano dalla foresta

|

“Ci siamo trasferiti nel piccolo borgo di Velva e ora la nostra vita ha ritmi più lenti”

|

Mediazione tra pari: ecco la scuola dove i bambini fanno pace senza adulti

|

Parte Sicilia Che Cambia! Volete salire a bordo?

|

Fabrizio Cotza: un cambiamento culturale per non essere più schiavi del lavoro – Meme #36