Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
23 Ott 2019

Partono da Collegno gli incentivi per chi va a lavoro in bicicletta!

Scritto da: Lorena Di Maria

Bögia è la prima sperimentazione piemontese in ambito di mobilità sostenibile che premia chi si sposta in bici, attraverso incentivi economici sulla base dei chilometri percorsi. L’iniziativa, avviata nei comuni della zona ovest di Torino, di cui Collegno è capofila, fa parte di un più ampio e virtuoso progetto attivo sul territorio che da tempo offre ai cittadini alternative ecologiche per disincentivare l’uso dell’auto e per contribuire attivamente a una politica indirizzata a una maggior consapevolezza ambientale.

Bögia! è un invito della Città di Collegno e dei comuni della Zona Ovest di Torino indirizzato ai propri cittadini che, come i piemontesi ben sanno, ha un solo e chiaro significato: Muoviti!
Con questo nome è stato presentato il progetto innovativo che prevede un sistema di incentivi al chilometro per utilizzare la bici negli spostamenti casa-scuola e casa-lavoro, all’interno del progetto “Vivo – Via le Vetture dalla zona Ovest di Torino“, per lanciare un segnale di fiducia a tutti coloro che ogni giorno decidono di spostarsi in maniera sostenibile sul territorio e a chi ha deciso di imboccare una nuova strada verso una maggior sostebilità.

Si tratta della prima sperimentazione sul territorio piemontese del cosiddetto “bike to work” finanziato dal Ministero dell’Ambiente nell’ambito del Programma nazionale sperimentale per la mobilità sostenibile, che servirà per rafforzare buone e nuove abitudini sull’utilizzo di mezzi alternativi all’automobile creando una positiva routine quotidiana e favorendo una mobilità sostenibile a 360 gradi che coinvolga il maggior numero di persone.

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

ATTIVATI

Come funziona Bögia?
Grazie alla piattaforma realizzata da Pin Bike, sarà possibile monitorare il percorso tramite un dispositivo bluetooth che certifica i chilometri effettivamente effettuati in bici, sia per il tragitto casa-lavoro/casa-scuola che per tutti gli spostamenti, riconoscendone il contributo economico. Basterà quindi posizionare il dispositivo di tracciamento sulla propria ruota, installare l’applicazione sul telefono e configurarla.

Per ogni chilometro percorso nei tratti casa-lavoro e casa-scuola saranno riconosciuti 25 centesimi per chi pedala con una bici tradizionale e 15 centesimi per chi pedala con una bici a pedalata assistita, fino ad un massimo di 50 euro al mese per quattro mesi. Per incentivare gli ulteriori spostamenti effettuati nella settimana, coloro che avranno percorso più chilometri potranno ricevere un contributo aggiuntivo di 25 euro (bici tradizionale) o 20 euro (pedalata assistita).

A chi è rivolto il servizio?
L’iniziativa è rivolta a lavoratori e studenti maggiorenni che risiedono nei Comuni della Zona Ovest e lavorano o studiano nei Comuni della Città metropolitana di Torino e viceversa. Si chiuderanno oggi le candidature per i partecipanti alla prima fase del progetto. Trattandosi di uno strumento totalmente innovativo saranno coinvolte un totale di 500 persone di cui 100 in questa prima fase e 400 in primavera, per un totale di 105.000 euro di contributi.

Sappiamo bene che la risposta politica all’emergenza dell’inquinamento atmosferico della pianura padana deve necessariamente partire da azioni comuni. E ciò che contraddistingue il progetto è stata proprio la volontà delle diverse amministrazioni di unirsi per lo stesso obiettivo, attraverso un’iniziativa collettiva quale unico ed efficace strumento per avviare sui nostri territori un vero cambiamento di abitudini.

«Bögia è un incentivo alla mobilità sostenibile che tocca primi in Piemonte i lavoratori e gli studenti della Città di Collegno e dei comuni della Zona Ovest – ha affermato il Sindaco di Collegno Francesco Casciano – e che ci auguriamo in futuro possa essere preso da esempio da un sempre maggior numero di realtà del territorio. Premiare chi si sposta in bici non vuole solo dare un contributo a chi percorre più chilometri, significa realizzare una visione europea delle politiche di mobilità attenta a cui aderiamo con convinzione, dove le scelte quotidiane dei cittadini in termini di spostamenti possono contribuire al cambiamento delle abitudini dannose per il territorio e la salute: così si divulga una maggiore consapevolezza ambientale nella Comunità».

Sono diversi i progetti improntati alla mobilità sostenibile che i comuni del patto ovest hanno portato avanti in questi anni. Uno tra gli ultimi è stato biciXtutti che, come raccontato in un precedente articolo, assegna incentivi economici ai cittadini per l’acquisto di biciclette tradizionali, pieghevoli, a pedalata assistita, mountain bike, cargo bike e molte altre tipologie.

«Bögia segue i bandi di incentivazione per l’acquisto di biciclette, che ad oggi contabilizzano più di 650 beneficiari, pensati da Zona Ovest nell’ambito di ViVO, che a sua volta ha previsto anche la realizzazione di velostazioni e bike-box, percorsi ciclabili protetti, progetti di educazione nelle scuole e innovative azioni di comunicazione volte alla sicurezza sulle strade», afferma Ezio Bertolotto, Presidente di Zona Ovest di Torino srl.

«Il tutto in una logica armonica e coesa dei Comuni dell’Area Ovest, che intendono proseguire nella direzione di contrastare il fenomeno in atto del cambiamento climatico a partire dai gesti quotidiani che ognuno di noi può adottare, come usare la bicicletta non solo per svago e non solo nella bella stagione, condividere i passaggi in auto con amici e colleghi, orientandosi sempre di più verso un’economia condivisa come, di fatto, sono condivise tutte le risorse naturali disponibili sul Pianeta».

#IoNonMiRassegno 23/1/2020

|

Così le compagnie fossili denunciano gli Stati per bloccare la transizione ecologica

|

Vazapp, l’hub che insegna ai contadini a coltivare… le relazioni! – Io faccio così #276

|

Un chilometro al giorno: la passeggiata che diventa lezione nelle scuole

|

Costituita a Roma la RIES, Rete Italiana per l’Economia Solidale

|

Blocco del traffico contro lo smog? Servono misure a lungo termine

|

Alessia d’Epiro: “Aiuto le donne a diventare imprenditrici… e ad essere felici!”

|

Il Piano rom nella città di Roma, tra diritti violati e marginalità sociale

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l'editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.