25 Nov 2019

Torino avrà il suo Bici Park per promuovere la mobilità sostenibile

Scritto da: Lorena Di Maria

A Torino è in arrivo la nuova velostazione per promuovere in città la mobilità sostenibile e creare un luogo di interscambio per disincentivare l’utilizzo dell’automobile. Sarà un parcheggio custodito per biciclette collocato in corrispondenza della stazione dei treni nonché un progetto che si andrà a sommare alle sempre più numerose realtà che stanno nascendo nelle nostre città e che dimostrano che una crescente sensibilità ambientale è già in atto.

Torino - Da Bologna a Firenze, da Bari a Milano. A breve anche Torino avrà la sua velostazione, il cui obiettivo è mettere a disposizione delle persone un luogo sicuro per depositare le proprie biciclette, incentivando, da un lato, i cittadini ad utilizzare le due ruote e dall’altro facilitando uno sviluppo della mobilità alternativa a quella motorizzata proprio in virtù della sua posizione nel centro città.

Si tratterà infatti di un polo di interscambio che consentirà di combinare l’utilizzo di diversi mezzi rapidamente e con facilità, aumentando la fruizione sia della bicicletta che del trasporto pubblico, anche per lunghe percorrenze.

Incentivare l’intermodalità è un approccio fondamentale che promuove lo sviluppo di una nuova sensibilità, più rispettosa dello spazio pubblico e più reattiva nei confronti di un inquinamento costantemente al di sopra dei limiti consentiti. Si parla, infatti, di “trasporto intermodale” quando vi è un utilizzo combinato di differenti mezzi di trasporto: una scelta necessaria e indispensabile sulla quale stanno scommettendo sempre più città e che sta assumendo un ruolo centrale nelle politiche trasportistiche urbane, andando a rappresentare un compromesso più equo tra costi e attenzione all’ambiente.

A Torino questo progetto diventerà presto realtà con la realizzazione della nuova velostazione che verrà attivata entro fine 2020 nella stazione di Porta Nuova e che permetterà un collegamento diretto coi treni, la metropolitana e le fermate degli autobus che qui confluiscono.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il “Bici Park” verrà realizzato nell’ambito del progetto “Torino Mobility Lab” grazie alla convenzione tra il Comune e Grandi Stazioni Rail e, come riporta il comunicato stampa, il progetto è pensato per «chi abbina la bicicletta al trasporto pubblico o al car sharing per spostarsi da e verso Torino, o semplicemente non vuole lasciarla incustodita preferendo muoversi a piedi nel centro cittadino».

Come funzionerà?
Il nuovo Bici Park ospiterà almeno 100 stalli e sarà aperto 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e l’accesso alla struttura sarà automatizzato e possibile attraverso l’utilizzo di una tessera magnetica o con tecnologia wireless. Nel nuovo parcheggio si troveranno almeno cinque postazioni per la ricarica delle bici elettriche e offrirà agli utenti un servizio di ciclofficina, con funzioni di assistenza e piccole riparazioni oltre che un’area caffè.

«Parcheggiare la propria bicicletta non potrà costare più di 80 centesimi al giorno, mentre il prezzo dell’abbonamento mensile non dovrà superare i 12 euro. Inoltre, sono previste agevolazioni per gli abbonati al trasporto pubblico.

Per muoversi le persone mischiano sempre più i diversi mezzi di trasporto – ha riferito l’assessora Maria Lapietra, come riportato nella nota stampa del progetto –. La realizzazione del parcheggio custodito nella stazione di Porta Nuova, atteso da tempo, renderà più facile e sicuro l’interscambio tra la bicicletta e il trasporto pubblico e offrirà un ulteriore incentivo ai cittadini a preferire una mobilità intermodale».

Vuoi cambiare la situazione
della mobilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Nicola: “In Africa ho scoperto che la bici è il mezzo migliore per esplorare un territorio”
Nicola: “In Africa ho scoperto che la bici è il mezzo migliore per esplorare un territorio”

SeaTrek e ciclopedonale Maremonti: alla scoperta (ecologica) delle Cinque Terre
SeaTrek e ciclopedonale Maremonti: alla scoperta (ecologica) delle Cinque Terre

Teatro a Pedali, lo spettacolo a basso impatto alimentato dalle biciclette
Teatro a Pedali, lo spettacolo a basso impatto alimentato dalle biciclette

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza