5 Nov 2019

Liberi Nantes: la squadra di migranti gioca il suo primo campionato in classifica

Scritto da: Redazione

Primo campionato in classifica per la ASD Liberi Nantes, la squadra di calcio romana composta da giocatori rifugiati e richiedenti asilo politico. Una svolta storica nata dalla caparbietà di una piccola realtà della borgata storica di Pietralata, a Roma.

Domenica 20 ottobre la Liberi Nantes, squadra di calcio dilettantistica composta da ragazzi rifugiati e richiedenti asilo politico, ha giocato la sua prima partita in classifica nel campionato della Lega Nazionale Dilettanti: un grande traguardo per l’affermazione dei diritti umani e della cultura dello sport.

liberi nantes 1

Dopo dieci campionati giocati fuori classifica pur di non escludere chi, a causa di difficoltà burocratiche legate alla residenza anagrafica di rifugiati e richiedenti asilo, non poteva tesserarsi ed accedere al campionato dilettantistico, la squadra ha guadagnato il suo primo punto, che segna definitivamente un cambiamento di pagina; vuol dire uscire dalla classifica fantasma per veder riconosciuto il fatto che lo sport può e deve essere uno strumento di affermazione dei diritti e di cittadinanza, uno spazio di crescita, un esempio di affermazione dei principi di eguaglianza e dei diritti umani.

 “Si tratta di una svolta storica per Liberi Nantes e per tutte le realtà che, come noi, si occupano di sport inclusivo e si interfacciano con le nostre stesse difficoltà e inibizioni – ha dichiarato David D’Agnelli, coordinatore dell’attività del calcio per i Liberi Nantes – Un ringraziamento per la fattiva collaborazione va al Comitato Regionale Lazio della LND nella figura del presidente Melchiorre Zarelli e del segretario Claudio Galieti”.

Il presidente dell’associazione Alberto Urbinati: “Siamo entusiasti di aver tagliato questo traguardo, il primo risultato concreto di un percorso cominciato ormai 12 anni fa, che ha avuto una forte spinta con la presentazione di una proposta di tesseramento di rifugiati e richiedenti asilo politico al Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Calcio, lo scorso marzo, assieme a ASGI, UNHCR, UISP. Abbiamo ottenuto una prima semplificazione del processo di tesseramento, continueremo a lavorare affinché i processi di coinvolgimento di tutti i soggetti nel calcio e nello sport siano sempre più inclusivi e semplificati”.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

liberi nantes 3
Alberto Urbinati con alcuni giocatori della Liberi Nantes

Liberi Nantes nasce nel 2007 a Roma come Associazione Sportiva Dilettantistica che promuove e garantisce la libertà di accesso allo sport a rifugiati e richiedenti asilo politico, offrendo a donne e uomini in fuga da paesi in guerra e da situazioni umanitarie drammatiche un’occasione unica di evasione, di recupero della dignità umana, di ricostruzione personale e dei rapporti di amicizia e di fiducia nel prossimo.

Dal 2010 l’associazione gestisce il XXV Aprile, un campo sportivo storico nel cuore del quartiere popolare di Pietralata a Roma e porta avanti un’attività di recupero, riqualifica e di restituzione dello spazio al quartiere e alla città, rispondendo alla sua vocazione originale di fulcro dell’identità culturale e dell’aggregazione sociale di Pietralata.

Negli anni, oltre a costituire una squadra di calcio maschile, l’associazione si è occupata di sport per donne rifugiate e richiedenti asilo politico – con una squadra femminile di calcio ad oggi attiva – e per minori non accompagnati, di un’attività di escursionismo, di una scuola di italiano gratuita per stranieri e di altre molteplici attività.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Colombia, polizia fuori controllo – Io Non Mi Rassegno #364

|

Caso o destino? Storia di un ritorno nella Calabria Che Cambia

|

La battaglia di Claudia per salvare le acque curative dalle speculazioni

|

Eticoscienza, per un’etologia applicata alle nuove sfide ambientali

|

Plogging: un gruppo di amiche contagia l’intera città

|

Cose che dovreste sapere (e nessuno vi dice) sul trasferirsi in campagna

|

Riutilizzo sociale dei beni confiscati alla mafia: l’Italia fa scuola

|

Stella Pulpo: Memorie di una vagina, ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #5