5 Nov 2019

Liberi Nantes: la squadra di migranti gioca il suo primo campionato in classifica

Scritto da: Redazione

Primo campionato in classifica per la ASD Liberi Nantes, la squadra di calcio romana composta da giocatori rifugiati e richiedenti asilo politico. Una svolta storica nata dalla caparbietà di una piccola realtà della borgata storica di Pietralata, a Roma.

Roma, Lazio - Domenica 20 ottobre la Liberi Nantes, squadra di calcio dilettantistica composta da ragazzi rifugiati e richiedenti asilo politico, ha giocato la sua prima partita in classifica nel campionato della Lega Nazionale Dilettanti: un grande traguardo per l’affermazione dei diritti umani e della cultura dello sport.

liberi nantes 1

Dopo dieci campionati giocati fuori classifica pur di non escludere chi, a causa di difficoltà burocratiche legate alla residenza anagrafica di rifugiati e richiedenti asilo, non poteva tesserarsi ed accedere al campionato dilettantistico, la squadra ha guadagnato il suo primo punto, che segna definitivamente un cambiamento di pagina; vuol dire uscire dalla classifica fantasma per veder riconosciuto il fatto che lo sport può e deve essere uno strumento di affermazione dei diritti e di cittadinanza, uno spazio di crescita, un esempio di affermazione dei principi di eguaglianza e dei diritti umani.

 “Si tratta di una svolta storica per Liberi Nantes e per tutte le realtà che, come noi, si occupano di sport inclusivo e si interfacciano con le nostre stesse difficoltà e inibizioni – ha dichiarato David D’Agnelli, coordinatore dell’attività del calcio per i Liberi Nantes – Un ringraziamento per la fattiva collaborazione va al Comitato Regionale Lazio della LND nella figura del presidente Melchiorre Zarelli e del segretario Claudio Galieti”.

Il presidente dell’associazione Alberto Urbinati: “Siamo entusiasti di aver tagliato questo traguardo, il primo risultato concreto di un percorso cominciato ormai 12 anni fa, che ha avuto una forte spinta con la presentazione di una proposta di tesseramento di rifugiati e richiedenti asilo politico al Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Calcio, lo scorso marzo, assieme a ASGI, UNHCR, UISP. Abbiamo ottenuto una prima semplificazione del processo di tesseramento, continueremo a lavorare affinché i processi di coinvolgimento di tutti i soggetti nel calcio e nello sport siano sempre più inclusivi e semplificati”.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

liberi nantes 3
Alberto Urbinati con alcuni giocatori della Liberi Nantes

Liberi Nantes nasce nel 2007 a Roma come Associazione Sportiva Dilettantistica che promuove e garantisce la libertà di accesso allo sport a rifugiati e richiedenti asilo politico, offrendo a donne e uomini in fuga da paesi in guerra e da situazioni umanitarie drammatiche un’occasione unica di evasione, di recupero della dignità umana, di ricostruzione personale e dei rapporti di amicizia e di fiducia nel prossimo.

Dal 2010 l’associazione gestisce il XXV Aprile, un campo sportivo storico nel cuore del quartiere popolare di Pietralata a Roma e porta avanti un’attività di recupero, riqualifica e di restituzione dello spazio al quartiere e alla città, rispondendo alla sua vocazione originale di fulcro dell’identità culturale e dell’aggregazione sociale di Pietralata.

Negli anni, oltre a costituire una squadra di calcio maschile, l’associazione si è occupata di sport per donne rifugiate e richiedenti asilo politico – con una squadra femminile di calcio ad oggi attiva – e per minori non accompagnati, di un’attività di escursionismo, di una scuola di italiano gratuita per stranieri e di altre molteplici attività.

Articoli simili
Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto
Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328
Humus Job, la rete di aziende etiche per un’agricoltura consapevole – Io faccio così #328

Della Terra riparte dalla “contadinanza” per favorire la giustizia sociale e ambientale
Della Terra riparte dalla “contadinanza” per favorire la giustizia sociale e ambientale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente

|

Alleniamoci ad ascoltare gli altri per creare un mondo migliore

|

Il benessere? Secondo Lara Lucaccioni e Matteo Ficara è questione di energia

|

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”