9 Dic 2019

Storie di persone che hanno scelto la vita in campagna

La fattoria biologica Il Rosmarino, d'ispirazione vegetariana e fondata sull'autosufficienza e sulla sostenibilità, cerca soci per lanciare nuove attività. In questo articolo riportiamo le testimonianze di chi ha già risposto alla chiamata. Vi piacerebbe unirvi a loro?

Veneto - Quest’estate avevamo pubblicato un appello di Cristina, Piergiorgio e Matthias, le tre anime della fattoria biologica e didattica Il Rosmarino, un progetto rurale che da anni porta avanti attività di diffusione della cultura contadina e dell’autosufficienza e che sta attraversando una fase di rinnovamento e di ampliamento.

I tre erano e sono tutt’ora in cerca di soci, persone che condividano i valori del Rosmarino e che abbiano voglia di mettersi in gioco per contribuire alla crescita di questo progetto. La chiamata di Cristina, Piergiorgio e Matthias è ancora valida e per ispirare i curiosi e convincere gli indecisi hanno deciso di inviarci le testimonianze di alcune persone che hanno risposto all’appello e che in questi mesi hanno cominciato a svolgere attività presso la fattoria.

Mattia è appassionato di fotografia e per lui la campagna è sempre stata ispiratrice di nuovi scatti creativi. Per questo motivo ha deciso di collaborare con il Rosmarino e dare una mano al proseguimento di questo splendido progetto: «Ho scoperto la fattoria per caso e me ne sono innamorato, sia per la bellezza naturale e rurale in connessione con gli animali e la terra, sia per la cordialità e la passione delle persone che ci lavorano ogni giorno».

«Per me avvicinarmi a questa fattoria e alle persone che ci vivono – racconta invece Marcello – è un’occasione per sperimentare un diverso percorso di vita, più vicino a quello che ho sempre desiderato, con la consapevolezza che la strada da intraprendere non è così semplice, ma è quello che mi avvicina di più a un’esistenza al contatto con la natura».

Adelina frequenta il Rosmarino da circa due mesi e per lei questa esperienza ha rappresentato un ritorno al passato: «La vita qui mi permette di rivivere le stesse emozioni, la tranquillità, il contatto con gli animali di quando ero una bimba, quando andavo in vacanza dai nonni e c’erano gli animali da cortile liberi, compreso un asino che aiutava il nonno nel lavoro nei campi. Solo che qui ci sono più terreno e più animali, che sono felici di stare in contatto con noi, tutto ciò accompagnato dalla gentilezza di Piergiorgio, Cristina Matthias e Alessia».

A Monica piace sperimentare preparazioni di dolci e qui ha trovato uno spazio accogliente e familiare dove poterlo fare, «per adesso nei momenti liberi, ma datemi un po’ di tempo, non è detto che in futuro non possa diventare anche un progetto che mi permetta un cambio di vita. In fattoria ho conosciuto persone che vengono da ogni parte del mondo per vivere l’esperienza di vita che offre un’azienda agricola biologica e questo è semplicemente straordinario!».

Se i racconti delle persone che stanno già sperimentando la vita di campagna al Rosmarino vi hanno ispirato perché non provate anche voi a contattare Cristina, Piergiorgio e Matthias? Chiunque fosse interessato a conoscerli può andare a trovarli (sempre meglio avvertire prima), chiamandoli al 3938428327 oppure scrivendo una mail a info@fattoriailrosmarino.it.

Articoli simili
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5
Autosufficienza e consumo critico: ecco come vivere in maniera etica ed ecologica – Un viaggio lungo dieci anni #5

Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili
Da Berrino a Lumera, appuntamento al Macrolibrarsi Fest per parlare di stili di vita sostenibili

Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium
Alan e Francesca, due “itineranti della domenica” che riscoprono attivamente le Valli dell’Ossola col progetto Itinerarium

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

No, la Cina non ha voltato le spalle alla Russia – Io Non Mi Rassegno #590

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia

|

In val di Vara uno storico mulino del settecento tornerà a macinare castagne e cereali

|

Scegliere: la piccola rivoluzione di chi decide come vuole costruire la propria vita

|

La storia di Roberta, da Genova alla val Borbera: “La mia nuova vita circondata dalla lavanda”

|

Dal kintsugi al boro sashiko, le arti giapponesi che insegnano a ricomporre gli oggetti rotti valorizzandoli

|

Decennale di Italia Che Cambia: le emozioni di una settimana speciale