13 Feb 2020

Un centro ecologico e olistico immerso nella natura della Calabria

Scritto da: Redazione

Un gruppo di persone cerca altri soci per realizzare insieme il suo “Fabulagreen project”, un progetto imprenditoriale che prevede la creazione di un centro ecologico e olistico immerso nella natura della Calabria. L'obiettivo è quello di dar vita ad uno spazio rigenerante e, al contempo, valorizzare il territorio promuovendo un turismo responsabile e collaborativo.

Cosenza, Calabria - Creare un centro ecologico-olistico completamente immerso nel silenzio della natura dell’alto Tirreno cosentino, a Sangineto, nel Parco Nazionale del Pollino. Questa l’idea imprenditoriale di un gruppo di persone ora alla ricerca di altri soci, anche senza capitale, che amano vivere a contatto con la natura e vogliano condividere questo progetto, cui è stato dato il nome di “Fabulagreen project”.

centro olistico pollino villa
La villa, il nucleo centrale della struttura

L’obiettivo è quello di offrire al territorio un centro attivo durante la stagione estiva – da maggio ad ottobre – che organizzerà iniziative legate all’ecologia e attività ricreative e incentrate sul benessere individuale: yoga, meditazione, tai chi e altri trattamenti che aspirano ad equilibrare corpo, mente e spirito. Lontano dal caos ed ai ritmi frenetici della vita urbana, il centro, inoltre, proporrà una cucina semplice e sana con piatti vegetariani, vegani, crudisti preparati con cibo biologico locale e a Km0.

“La mostra mission – scrivono i promotori del progetto – è quella di poter offrire uno spazio rigenerante e meditativo che aiuti le persone a vivere in equilibrio e in armonia con se stessi e con la natura, sperimentando uno stile di vita sostenibile”.

Al contempo, l’intento è anche quello di valorizzare il territorio della Calabria, aumentando l’offerta di attività culturali sia per i turisti che per i cittadini residenti, partecipando così insieme ad altre realtà locali, alla promozione e allo sviluppo della regione come meta di attrazione di turismo responsabile. “Vorremmo collaborare con le altre realtà imprenditoriali locali cercando ove è possibile di creare rete per rafforzare l’offerta ecoturistica”, scrivono.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

centro olistico pollino pianta
Pianta Fabulagreen project: gli edifici e le aree esterne

La struttura
La struttura è composta da 4 edifici in legno muratura e pietra con un nucleo centrale di una villa di 130 mq su un unico piano e da un ettaro di terreno. Il centro sarà dotato di un agro-campeggio con tende attrezzate, di una grande sala polifunzionale per convegni e seminari, uno spazio esterno per le attività ricreative e olistiche, un ristorante ed un bio-market per la vendita e diffusione di prodotti biologici e a km0 e prodotti di manifattura artigianale locali.

Nell’area circostante la struttura verranno realizzati un orto ed un piccolo frutteto composto di alberi di ciliegi, albicocche, fichi, corbezzoli, cachi, un vigneto, cedri e melograni.

Nell’area esterna verrà poi allestito un palcoscenico a forma di anfiteatro con materiali di riuso e naturali per spettacoli culturali e non solo. È prevista inoltre la realizzazione di un Parco avventure e sarà offerta l’opportunità di camminare, fare sport e di stare a contatto con gli alberi.

In tutta l’area circostante e in vari punti del terreno verranno posizionate opere d’arte e installazioni con materiale di riuso e di riciclo donate da artisti calabresi e non solo, creando così nel tempo un ecomuseo permanente.

centro olistico pollino

Il territorio di Sangineto
Il centro sorgerà in Calabria nell’Alto tirreno cosentino a nord della regione, nella splendida e naturalistica Riviera del cedro, sulle montagne di Sangineto in località Pantana sul confine con Belvedere Marittimo in provincia di Cosenza.

Sangineto è un piccolo comune che si articola principalmente in due nuclei: il centro storico, molto caratteristico che si trova in collina e la località marina. La località Marina di Sangineto è un’ambita meta turistica nel periodo estivo e incrementa la sua attrattività turistica dato che fa parte del Parco Nazionale del Pollino.

La Riviera del cedro è un tratto di costa tra i più belli della Calabria, un intreccio di spiagge chilometriche alternate ad alte scogliere attorniate da foreste, fiumi, borghi antichi e tramonti infuocati, oltre a fondali ricchi di vita, protetti dal parco marino regionale della Riviera dei Cedri, un tratto di costa in alcuni punti selvaggio e incontaminato.

Se siete interessati a saperne di più e condividere questo progetto scrivete a: fabulagreenproject@gmail.com

Articoli simili
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte
Terra Terra: due giovani a piedi lungo gli Appennini per riscoprire la vita nelle terre alte

Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi
Smart Walking: vivere in cammino e lavorare quando e dove si fermano i piedi

Autosufficienza Live: costruiamo insieme un nuovo mondo a contatto con la Natura
Autosufficienza Live: costruiamo insieme un nuovo mondo a contatto con la Natura

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Tremendo terremoto in Afghanistan – #548

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali

|

Siccità: il Piemonte ha sete e chiede lo stato di calamità

|

Ripopolare i borghi: oltre l’utopia ci sono litigi, problemi e possibili soluzioni

|

In Puglia insieme alla Fondazione Vincenzo Casillo alla scoperta del territorio che cambia

|

Cuoche combattenti, il laboratorio culinario dove le donne vittime di violenza riprendono in mano la loro vita

|

L’Ucraina, l’Italia e l’informazione malata. Intervista alla giornalista ucraina Olga Tokariuk