14 Feb 2020

Giovani ed economia circolare: la rivoluzione dell’impresa parte da qui

Ecco una panoramica del mondo dell'impresa etica, ecologica e consapevole che verrà presentato ai partecipanti del corso Fashion Revolution is Young, organizzato dall'associazione La Terza Piuma con il supporto di Italia Che Cambia e Smarketing.

Bergamo, Lombardia - Che il mondo dell’imprenditoria e dell’economia in generale abbia bisogno di essere rimodellato è chiaro a tutti. La maggior parte delle imprese oggi crea povertà per molti e ricchezza per pochi, sfrutta i lavoratori e le risorse naturali, inquina e si affida a meccanismi perversi che spingono al consumo e all’indebitamento. Ma da dove può partire questa rivoluzione?

La bella notizia è che è già partita! Sono molti gli esempi che arrivano dal mondo delle imprese che si fondano su concetti come economia circolare, utilizzo consapevole delle risorse naturali, cooperazione anziché competizione, relazioni umane e di fiducia con i lavoratori. Tutte queste belle idee saranno al centro di un percorso di formazione dedicato ai giovani imprenditori, per dare ai protagonisti di domani gli strumenti per compiere finalmente la grande rivoluzione.

giovani ed economia ostello il sentiero

Lo faremo noi di Italia Che Cambia, insieme agli amici di Smarketing, grazie a un’iniziativa promossa da La Terza Piuma, una realtà che partendo dal campo della moda – da qui il titolo del progetto: Fashion Revolution – vuole proporre un modo nuovo di fare impresa.

Il concetto fondante è presentare ai giovani partecipanti un mondo che forse non immaginano neanche, poiché raramente e con difficoltà trova spazio sui media, ma che non solo dà sostanza a un’economia etica ed ecologica, ma lo fa anche premiando gli imprenditori “illuminati” con risultati concreti.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Proprio così: contrariamente a quello che si potrebbe pensare, gestire la propria azienda in maniera virtuosa e responsabile aumenta anche i fatturati. Ce lo ha spiegato in questa intervista Christian Felber, il fondatore del movimento dell’Economia il Bene Comune – che sarà una delle case histories che presenteremo durante il corso.

L’economia etica dunque funziona e lo dimostrano anche i numeri di due realtà ormai storiche di questo settore, che saranno anch’esse oggetto di studio e approfondimento: Sardex e Banca Etica. Il circuito di credito commerciale nato in Sardegna nel 2010 ha recentemente superato il mezzo miliardo di crediti transati, mentre un rapporto presentato lo scorso anno dalla Fondazione Culturale Banca Etica ha dimostrato che le banche etiche rendono tre volte più di quelle sistemiche e fanno bene all’economia reale.

E non si pensi che questa nuova economia sia ad appannaggio esclusivo di un “attivismo imprenditoriale”: sono centinaia le aziende italiane e mondiali che si stanno convertendo ora a un modello consapevole di gestione d’impresa, come dimostra la rete delle B-Corps, esempio concreto e di successo di come si possa fare business ottenendo, oltre che un valore economico, anche un impatto positivo nel mondo, in termini di rigenerazione ambientale e giustizia sociale.

giovani ed economia bcorps

Questi esempi incoraggianti verranno presentati ai giovani partecipanti del corso Fashion Revolution is Young: costituiranno un aggiornamento professionale per acquisire maggiore consapevolezza sull’economia circolare e sostenibile, suggeriranno utili criteri per creare filiere brevi, con pochi intermediari, con minore esposizione bancaria e aiuteranno a favorire la comunicazione diretta coi clienti e la collaborazione con i “con-correnti”. Lo scopo di fondo: generare nuovi orizzonti occupazionali e nuove prospettive di relazione per tutti e in particolare per i nuovi lavori, i giovani lavoratori e tutti coloro che vogliono un’economia più sostenibile.

Il corso sarà anche un’occasione per tessere relazioni e valorizzare ciò che già esiste fra le pieghe del tessuto socio-economico della Valle Imagna, location dell’evento. La sede principale sarà infatti l’ostello Il Sentiero, tra natura e paesaggi tutti da scoprire. L’ostello è gestito dalla cooperativa Giovani Orme, frutto di un percorso di cittadinanza attiva avviato nel 2009 dal Comune di Corna Imagna, in provincia di Bergamo, insieme ad un gruppo di giovani del paese.

Le cene invece si svolgeranno presso altre due realtà significative della zona: Cà Berizzi, una bibliosteria dove poter consultare l’archivio storico, letterario e musicale della Valle Imagna, una sala multimediale per incontri, conferenze, corsi di formazione ed eventi e un’osteria dove poter degustare un’offerta enogastronomica legata principalmente alla tradizione culinaria locale; La Capra Campa, agriturismo e giovane azienda agricola che produce frutta e verdura naturale, senza l’utilizzo di alcun pesticida, diserbante o fertilizzante chimico, ricorrendo al metodo biointensivo.

Per maggiori informazioni sul programma clicca qui!

Per info e iscrizioni:
tel. +39 371 3503510
info@farebergamo.it

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Tappeti Volanti: la nuova vita della juta, trasformata in oggetti d’arredo
Tappeti Volanti: la nuova vita della juta, trasformata in oggetti d’arredo

Decine di realtà della Sicilia virtuosa si ritrovano al Festival dello Scarto
Decine di realtà della Sicilia virtuosa si ritrovano al Festival dello Scarto

Barò Cosmetics: dagli scarti dell’uva nascono i cosmetici naturali
Barò Cosmetics: dagli scarti dell’uva nascono i cosmetici naturali

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Gli Usa cancellano il diritto all’aborto: conseguenze e reazioni – #549

|

RAEE e riciclo di rifiuti elettronici: a che punto siamo in Italia?

|

Officina AgroCulturale Cafeci, alla scoperta della Sicilia in modo lento ed ecologico

|

Simone: “Ho scelto di diventare Kids Coach per aiutare ogni bambino a scoprire il proprio potenziale”

|

Ucciso un altro ciclista, ma chi sceglie di spostarsi in maniera sostenibile va protetto

|

La finanza, il Covid e il controllo sociale: a I(n)spira-Azioni arriva Fabio Vighi – #12

|

Parte The Climate Route: oggi i primi passi della spedizione che vuole testimoniare il cambiamento climatico

|

Riabitare un borgo abruzzese: NEO lancia l’appello per nuove esperienze ospitali