16 Mar 2020

Greta Thunberg e un anno di Fridays For Future: non si ferma la protesta per il clima!

Scritto da: Redazione

Un anno dopo il primo grande sciopero globale per il clima, gli organizzatori di Fridays For Future in diversi paesi ribadiscono che la protesta per la giustizia climatica non si ferma e annunciano che sostituiranno gli scioperi in piazza con azioni online a causa del rischio rappresentato dal nuovo coronavirus.

Salva nei preferiti

Il nuovo coronavirus si sta rapidamente diffondendo in tutta Europa. Gli assembramenti di persone rappresentano un rischio perché favoriscono un’ulteriore diffusione del virus. Per questo motivo, gli organizzatori di Fridays For Future, in rappresentanza di diversi paesi europei, hanno deciso di iniziare a scioperare online lanciando l’hashtag: #ClimateStrikeOnline. Con questa campagna invitiamo tutti gli attivisti a pubblicare una loro foto con un cartello sui social media usando lo stesso hashtag.

fridays for future
Dallo sciopero dello scorso settembre a Roma

Si tratta di un’azione online inclusiva e priva di rischi per chiedere azione politica sul clima. Chiediamo a tutti coloro che ne hanno la possibilità di partecipare agli scioperi online del venerdì. Tutti sono invitati a scattarsi una foto con un cartello di protesta e pubblicarlo sui social media usando l’hashtag #ClimateStrikeOnline e taggando il proprio gruppo locale Fridays for Future di riferimento (ndr. Fridays for Future Italia) per diffondere il messaggio.   

Gli organizzatori dei gruppi FFF di vari paesi europei chiedono che tutti i maggiori scioperi per il clima siano rinviati a causa del rischio per la salute attualmente rappresentato dai raduni di massa. Fridays For Future è un movimento pacifico e non vuole infliggere danni diretti o indiretti, né tanto meno perpetuare una crisi. 

La crisi climatica ed ecologica è la più grande minaccia che l’umanità abbia mai affrontato. Non sarà vinta senza un’azione politica significativa. Ciò non significa però che il nuovo coronavirus debba essere preso meno sul serio. Ogni crisi deve essere trattata come una crisi. «Vi chiediamo di seguire le procedure che le autorità stanno mettendo in atto e di aiutare in ogni modo possibile», dice l’attivista Saoi O’Connor, 17 anni, irlandese.

greta roma
Greta Thunberg a Roma (aprile 2019)

«Fridays For Future sta ascoltando le autorità, la scienza e gli esperti, e in questo momento gli esperti stanno incoraggiando la gente ad evitare le folle e i raduni pubblici – afferma l’attivista Greta Thunberg, 17 anni, dalla Svezia, e aggiunge che – Noi giovani siamo i meno colpiti da questo virus, ma è essenziale che agiamo in solidarietà con i più vulnerabili e nel miglior interesse per la nostra società comune».

Abbiamo deciso di agire in base alla situazione di crisi che stiamo vivendo, nello stesso modo in cui si aspettano che i politici e i governi agiscano nell’affrontare la crisi climatica. «Il nostro obiettivo non è creare panico, ma contribuire in modo costruttivo a fermare questa crisi. Anche in tempi come questi, è fondamentale ricordare che la crisi climatica è ancora qui, ed è ben lontana dall’essere risolta. Unitevi a noi nel #ClimateStrikeOnline, per continuare la nostra protesta e ricordare costantemente ai leader mondiali e all’opinione pubblica che siamo sempre qui, e che non ci arrenderemo».

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Siccità, la Sicilia è tra le regioni più colpite dal 2020 a oggi
Siccità, la Sicilia è tra le regioni più colpite dal 2020 a oggi

Scettici, attiviste, ansiosi, scienziate: si può parlare di clima senza “scannarsi”?
Scettici, attiviste, ansiosi, scienziate: si può parlare di clima senza “scannarsi”?

Con Alberea si pianta il futuro adottando o regalando un albero
Con Alberea si pianta il futuro adottando o regalando un albero

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Europee 2024: politici o influencer? C’è stata l’ondata nera? – #948

|

Agroecologia, sostenibilità, comunità: la Sardegna al centro del festival “Challenge Naturalmente locale”

|

Clara Vitaggio, enologa tra vin de garage e ricerche sui vitigni reliquia

|

Rina e basta, il libro per bambini sulla ricerca di identità ambientato nel mar Ligure

|

Archingreen: bioedilizia e materiali naturali per case a misura di persona e di Pianeta – Dove eravamo rimasti #32

|

Magarìe, la fattoria “magica” dove la disabilità si trasforma in opportunità

|

Save My Ocean, il movimento per proteggere l’ambiente marino fondato da una giovane ogliastrina

|

Francesco Piobbichi, il disegnatore sociale che mette la sua arte al servizio delle persone migranti

string(9) "nazionale"