Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
16 Giu 2020

Comunità sostenibili, le risposte resilienti alla pandemia e per costruire il futuro

Ideata da ECOLISE e portata in Italia dalla Rete di Reti si svolgerà il 19 settembre prossimo la quarta edizione della Giornata Europea delle Comunità Sostenibili che quest'anno sarà incentrata sulla condivisione delle iniziative scaturite in risposta alla pandemia del Covid-19.

È confermata la quarta edizione della Giornata Europea delle Comunità Sostenibili, che “si svolgerà il 19 settembre e offrirà l’opportunità di conoscere migliaia di iniziative locali in tutta Europa che stanno immaginando un futuro diverso e contribuendo a creare un ambiente di vita più sicuro, più sano, più sostenibile e più equo”, ha riportato Eamon O’Hara, direttore esecutivo di ECOLISE.

L’iniziativa è stata ideata appunto da ECOLISE, una variegata rete europea di movimenti e organizzazioni della società civile e verrà portata in Italia attraverso la Rete di Reti, l’ecosistema di associazioni e movimenti che da anni sperimentano alternative alla crisi ecologica, economica, sociale e culturale del nostro Paese e che dal 2017 si sono impegnate in un percorso di convergenza.

Dall’edizione del 2019 della Giornata Europea delle Comunità Sostenibili

Obiettivo cardine della Giornata Europea delle Comunità Sostenibili è l’amplificazione della voce delle realtà e delle comunità quotidianamente impegnate per il bene comune. Quest’anno, in particolare, le realtà e le comunità che vorranno partecipare sono esortate a raccontare e a condividere le iniziative – relative all’approvvigionamento alimentare, alla coesione sociale e alla valorizzazione dell’economia locale – scaturite in risposta alla pandemia del Covid-19.

“La pandemia di Coronavirus ha messo in evidenza il ruolo fondamentale delle comunità locali in tempo di crisi: garantire l’approvvigionamento di alimenti e di altri servizi essenziali, prendersi cura dei più deboli, e sostenere la coesione sociale di fronte a un’emergenza mondiale”, si legge nel comunicato stampa. “La resilienza delle comunità e dei cittadini attivi è essenziale, non solo nel soddisfare le necessità impellenti della popolazione, ma anche in relazione all’impegno più a lungo termine di ricostruire la nostra società e la nostra economia in modo da affrontare adeguatamente l’emergenza climatica ed ecologica, che si sta aggravando sempre di più”.

Gli snodi presenti all’interno di Rete di Reti, come gli ecovillaggi e i distretti di economia solidale, ma anche le comunità locali, i paesi e i quartieri cittadini, e tutte le realtà più o meno formali che stanno remando in direzione di un futuro più sano e più giusto sono invitati a pensare, organizzare e registrare i propri eventi sulla mappa della Giornata Europea delle Comunità Sostenibili.

Le edizioni precedenti sono state costellate da numerosi open day, in cui le porte si sono aperte e le persone dietro ai progetti si sono raccontate, ma anche da iniziative di raccolta agricola o di cura e pulizia degli spazi comuni, o azioni più legate all’attivismo che hanno portato avanti richieste “verdi”. Quest’anno le comunità locali, le associazioni e i movimenti sono invitati a organizzare piccoli eventi in presenza oppure eventi online.

Il momento cardine, ovviamente, sarà il 19 settembre, ma sono benvenute iniziative lungo l’intero arco di tempo che va dal 12 al 26 settembre. Anche perché, come sottolineato da Evan, portavoce del progetto in Italia, “l’aspetto centrale della Giornata Europea delle Comunità sostenibili non è la giornata in sé, ma la presa di coscienza di quante realtà e comunità sono già attive ogni giorno”. Che siate parte di realtà impegnate per il bene comune e abbiate voglia di partecipare, o cittadini curiosi di saperne di più sulle comunità e sugli eventi attivi sul vostro territorio, segnatevi la data e tenete d’occhio la mappa!

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Covid-19, seconda ondata: quali differenze? – Io Non Mi Rassegno #218

|

“Ragazzi irresponsabili” e Italia che Cambia a Torino per il festival di Cinemambiente

|

Leila, la biblioteca degli oggetti apre alla condivisione dei saperi

|

Francesco Bernabei: dall’istruzione parentale alla finanza etica, storia di uno “sviluppatore del cambiamento”

|

Largo all’immaginazione e alla libera creatività: le scuole steineriane di Vallebona

|

Gli assorbenti lavabili e solidali che promuovono l’integrazione e la salute di tutte le donne

|

Sebastiano, il giovane contadino che per cambiare il mondo coltiva la terra

|

Comunità energetiche rinnovabili: una via per la transizione? – A tu per tu #6