17 Giu 2020

Il turismo lento in Sardegna: le proposte per un’estate in cammino

Scritto da: Redazione

Scoprire la Sardegna a passo lento, percorrendo un lungo itinerario tra mare, monti, miniere, punteggiato dalle testimonianze della millenaria epopea mineraria della Sardegna. La Fondazione CMSB promuove la ripresa del Cammino Minerario di Santa Barbara ed il rilancio del turismo sostenibile sull'isola, per ripartire in sicurezza dopo il lockdown.

«Si tornerà alla normalità a piccoli passi e per l’estate 2020 confidiamo in particolare nel turismo di prossimità per consentire ai sardi di conoscere l’unico cammino sardo inserito nell’Atlante Nazionale dei Cammini». È quanto ha affermato Giampiero Pinna, il Presidente della Fondazione CMSB che ha condiviso l’hashtag #rESTATEincammino (proposto dall’Ufficio Nazionale Pellegrinaggi e Turismo della CEI) per promuovere la ripresa del Cammino Minerario di Santa Barbara, un lungo itinerario tra mare, monti e miniere, punteggiato dalle testimonianze della millenaria epopea mineraria della Sardegna.

Is Zuddas 1
Le g​rotte di Is Zuddas

Per favorire la percorrenza dei pellegrini/escursionisti lungo il Cammino dopo il lockdown, la Fondazione CMSB promuove da giugno e settembre numerosi itinerari che prevedono da uno a tre notti di pernottamento. L’ospitalità avverrà con la formula a donativo nelle Posadas organizzate dalla Fondazione CMSB e nelle strutture ricettive convenzionate dove i pellegrini/escursionisti potranno pernottare consegnando un voucher fornito dalla stessa Fondazione prima della partenza.

«Contiamo in questo modo di riprendere assieme il nostro cammino sulla terra più antica d’Italia, attraverso le testimonianze di 8.000 anni di storia, nella bellezza del paesaggio tra monti, mare e miniere – scrive la Fondazione – Sarà l’occasione per far ritornare la gioia, lo stupore e la speranza. Siamo pronti a rimetterci in Cammino ma vogliamo farlo in sicurezza nel rispetto delle disposizioni emanate dalle autorità competenti per l’attività all’aria aperta e per la ricettività».

Pan di Zucchero
Scoglio Pan di Zucchero, frazione di Iglesias, nella zona sud-occidentale della Sardegna

A tal proposito la Fondazione CMSB e le strutture ricettive convenzionate si sono già impegnate nella stesura delle Linee Guida per implementare operativamente il servizio necessario e garantire la massima incolumità ai pellegrini/escursionisti adottando scrupolose misure di prevenzione.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

«Nonostante le necessarie cautele e restrizioni, la nostra mission, in questo delicato momento storico, è quella di tenere vivo il Cammino per favorire l’animazione del territorio attraverso la pratica del turismo lento e sostenibile», ha aggiunto Giampiero Pinna.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Festa del Pratomagno 2016
Festa del Pratomagno 2016

Matera, Melfi, Potenza: Basilicata profonda. E poi Cilento!

Emanuele Sapuppo: “Giro l’Italia in monopattino barattando libri”
Emanuele Sapuppo: “Giro l’Italia in monopattino barattando libri”

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”