28 Lug 2020

Quando la sostenibilità sboccia poco lontano dal mare: Samantha e il suo Berzuaia B&B

Scritto da: Valentina D'Amora

La storia di Samantha Alborno, che ha cambiato vita per dar vita al b&b La Berzuaia, una struttura nascosta tra le colline di Alpicella, nell'immediato entroterra di Varazze, dove ci si rilassa, tornando indietro nel tempo, circondati da campi coltivati, galline libere e una natura che si affaccia sul mare. Con un occhio di riguardo alla sostenibilità.

Savona - Alpicella si trova a venti minuti di auto dalle spiagge di Varazze. Lungo il tragitto, curve e bivi descrivono passaggi senza tempo, attraverso un entroterra al confine tra Alpi e Appennini (da queste parti la differenza tra gli uni e gli altri è spesso solo una questione di punti di vista). Il paese è costituito da un pugno di case raccolte attorno a una piazzetta e all’immancabile chiesa. Mi aspettavo di vedere solo qualche anziano devoto e invece mi accorgo che Alpicella “non è un paese per vecchi”.

Si vedono escursionisti e bikers aggirarsi per il paese e il rituale è pressoché uguale per tutti: un caffè al bar, il pranzo al sacco all’alimentari (che, all’occorrenza, noleggia anche le bici) e via verso il monte Beigua.

Oltre l’abitato, dopo qualche tornante, lascio la strada principale per uno sterrato che immette in un’aia. Scendo dalla macchina tra un fuggi fuggi di galline. Proprio dal pollaio sbuca Samantha con una manciata di uova in mano: «Oggi frittata con le zucchine dell’orto!».

Berzuaia Terrazza
La terrazza della Berzuaia

Mi accoglie e mi porta visitare il suo b&b, La Berzuaia. Il nome è quello originale, così si chiamava il casale che ha ristrutturato nel 2017, e l’approccio è ecofriendly, con la stufa a legna e pannelli solari per ridurre al minimo l’impatto ambientale. Le camere sono semplici, ma arredate con sobrietà e gusto.

Dalla terrazza del piano superiore, dove vengono servite le colazioni, riesco ad apprezzare la pace del luogo: qui la vista si ricongiunge con il mare e si sente solo il fruscio di rami mossi dalla brezza e qualche battibecco tra galline.

«Qui ho realizzato un sogno», dice facendomi sedere a un tavolino affacciato sul verde, mentre mi offre un bicchiere di vino locale e qualche cruditè. Mi racconta del suo amore per il cibo genuino e per la natura in generale. Mentre lo fa, i suoi occhi brillano e un sorriso le illumina il volto.

pulcino

Non posso fare a meno di pensare che, per essere una persona che passa le sue giornate a contatto con la natura, ha un aspetto quasi telegenico. Non mi sbaglio, perché Samantha, da anni, fa della cucina uno stile di vita votato alla sostenibilità. Dal 2010 il suo blog cucinasamantha.it è un punto di riferimento per migliaia del presone che amano coniugare la cucina tradizionale con la sperimentazione.

Dall’esperienza del blog si sono susseguite conduzioni di programmi TV e rubriche radiofoniche, anche se l’apice della notorietà è arrivato nel 2016, con il trionfo al reality di La5 “La ricetta perfetta”. «È lì che ho deciso che era tempo di investire su un cambio di vita». Così ha trasformato le sue convinzioni in un progetto duraturo.

Berzuaia3
I ravioli rosa di Samantha. Foto di Silvia Aresca

Il b&b si allinea alla perfezione con un contesto, Alpicella, che crede fortemente nelle potenzialità di un territorio, spesso sottovalutato a favore del rumoroso turismo balneare. Al b&b arrivano i bikers e gli escursionisti, ma anche i cercatori di funghi in autunno. E anche chi punta alle spiagge, spesso non disdegna l’idea di passare una notte in un luogo fresco e tranquillo come la Berzuaia, per ristorarsi dal rumore urbano.

Per commentare gli articoli abbonati a Italia che Cambia oppure accedi, se hai già sottoscritto un abbonamento

Articoli simili
Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente
Turismo evoluto ed evolutivo: quando il viaggio genera benessere per persone, comunità e ambiente

Ecotono collettivo endemico: “Le esperienze in natura in compagnia sono ancora più belle”
Ecotono collettivo endemico: “Le esperienze in natura in compagnia sono ancora più belle”

Max e il suo bed and breakfast Döit, dove l’accessibilità è sinonimo di inclusione
Max e il suo bed and breakfast Döit, dove l’accessibilità è sinonimo di inclusione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Iran, tre giorni di sciopero contro il regime – #633

|

Coca-Cola è la regina dei rifiuti plastici: cosa fare per fermare le multinazionali inquinanti?

|

Cosa porta sofferenza e cosa porta felicità? Alcune riflessioni sulla ricerca spirituale

|

Tra falafel e cultura, a Palermo Fateh Hamdan si batte per la Palestina e i diritti civili

|

RECUP Roma: “Ridiamo un valore sociale a quel cibo che ha perso valore economico”

|

Il Gridas e il “modello Scampia”: unire le forze per far rinascere le periferie – Dove eravamo rimasti #6

|

Gigliola Sigismundi: “Medicina forestale e olii essenziali, le grandi passioni che ho trasformato in lavoro”

|

Alla riscoperta di un’Italia poco conosciuta, fra borghi e piccoli contadini