1 Lug 2020

Nasce Liguria che Cambia!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Il team di Italia che Cambia è felice di annunciare la nascita di Liguria che Cambia, il nuovo progetto locale dedicato al racconto, la mappatura e la messa in rete delle realtà virtuose della regione. Vi invitiamo a scoprirlo, seguirlo e partecipare!

In principio fu il Casentino, poi venne il Piemonte. Ed ecco che finalmente… Nacque Liguria che Cambia! Sì, ci siamo. Con qualche mese di ritardo, causa coronavirus, siamo lieti di annunciare l’inaugurazione della nostra nuova redazione locale.

Da oggi, tutte le settimane, dal lunedì al venerdì, troverete pubblicate – sulle nostre pagine – notizie e racconti di esperienze di cambiamento dalle diverse province liguri. Non solo. Verrà costantemente implementata la mappa delle esperienze virtuose di questa regione, verranno pubblicati gli annunci cerco/offro (possibilità di cambiamento) che voi ci invierete, verranno sviluppate le pagine social di promozione dei nostri articoli e quelle che incentivano e permettono la connessione tra le persone, verranno offerte occasioni di incontro tra i diversi attori del cambiamento che costellano questa regione.

incontro liguria che cambia
Daniel Tarozzi incontra alcuni agenti del cambiamento della Liguria

Crediamo che questo lavoro sia quanto mai importante, proprio in questo momento storico, in Liguria. Questa regione, infatti, nell’immaginario, è quella dei “mugugni”, delle lamentele. La regione dei ponti che crollano, delle fabbriche che chiudono, dell’età media che avanza, di un turismo sempre più mordi e fuggi e della cementificazione selvaggia, accompagnata da incendi e frane.

Ma esiste anche un’altra Liguria. Una regione caratterizzata da un entroterra meraviglioso che da qualche anno sta conoscendo una rinascita, da spiagge poco note, da paesi dai centri storici incantevoli. Una terra che ospita storici ecovillaggi, borghi riabitati, esperienze artistico/culturali d’avanguardia, ciclovie, agricoltura tipica, turismo responsabile, esperienze pioniere legate alla bioedilizia, parchi marini, fiumi che nonostante tutto scorrono rigogliosi, e tante straordinarie genti che abitano o riabitano ponente e levante.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il tutto senza dimenticare le esperienze sociali dei quartieri di Genova, le centinaia di progetti che stupiscono e sorprendono la provincia di La Spezia, Savona e Imperia e le tantissime altre iniziative che si possono scovare un po’ in tutto l’arco di questa lunga e stretta regione. Quali? Beh, venite a scoprirlo sulla nostra mappa, nelle nostre pagine, nei nostri articoli. Il viaggio nella Liguria che Cambia sta iniziando adesso. Percorriamolo insieme. Ci sarà da divertirci!

Articoli simili
Un carrello di design per curare gli spazi comuni

L'Europa ha consumato tutte le proprie scorte di pesce

Fair Trade, quando l'informazione combatte la schiavitù

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”