1 Lug 2020

Nasce Liguria che Cambia!

Scritto da: Daniel Tarozzi

Il team di Italia che Cambia è felice di annunciare la nascita di Liguria che Cambia, il nuovo progetto locale dedicato al racconto, la mappatura e la messa in rete delle realtà virtuose della regione. Vi invitiamo a scoprirlo, seguirlo e partecipare!

- In principio fu il Casentino, poi venne il Piemonte. Ed ecco che finalmente… Nacque Liguria che Cambia! Sì, ci siamo. Con qualche mese di ritardo, causa coronavirus, siamo lieti di annunciare l’inaugurazione della nostra nuova redazione locale.

Da oggi, tutte le settimane, dal lunedì al venerdì, troverete pubblicate – sulle nostre pagine – notizie e racconti di esperienze di cambiamento dalle diverse province liguri. Non solo. Verrà costantemente implementata la mappa delle esperienze virtuose di questa regione, verranno pubblicati gli annunci cerco/offro (possibilità di cambiamento) che voi ci invierete, verranno sviluppate le pagine social di promozione dei nostri articoli e quelle che incentivano e permettono la connessione tra le persone, verranno offerte occasioni di incontro tra i diversi attori del cambiamento che costellano questa regione.

incontro liguria che cambia
Daniel Tarozzi incontra alcuni agenti del cambiamento della Liguria

Crediamo che questo lavoro sia quanto mai importante, proprio in questo momento storico, in Liguria. Questa regione, infatti, nell’immaginario, è quella dei “mugugni”, delle lamentele. La regione dei ponti che crollano, delle fabbriche che chiudono, dell’età media che avanza, di un turismo sempre più mordi e fuggi e della cementificazione selvaggia, accompagnata da incendi e frane.

Ma esiste anche un’altra Liguria. Una regione caratterizzata da un entroterra meraviglioso che da qualche anno sta conoscendo una rinascita, da spiagge poco note, da paesi dai centri storici incantevoli. Una terra che ospita storici ecovillaggi, borghi riabitati, esperienze artistico/culturali d’avanguardia, ciclovie, agricoltura tipica, turismo responsabile, esperienze pioniere legate alla bioedilizia, parchi marini, fiumi che nonostante tutto scorrono rigogliosi, e tante straordinarie genti che abitano o riabitano ponente e levante.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Il tutto senza dimenticare le esperienze sociali dei quartieri di Genova, le centinaia di progetti che stupiscono e sorprendono la provincia di La Spezia, Savona e Imperia e le tantissime altre iniziative che si possono scovare un po’ in tutto l’arco di questa lunga e stretta regione. Quali? Beh, venite a scoprirlo sulla nostra mappa, nelle nostre pagine, nei nostri articoli. Il viaggio nella Liguria che Cambia sta iniziando adesso. Percorriamolo insieme. Ci sarà da divertirci!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Pet and Breakfast: il luogo per un soggiorno green con i nostri amici animali

|

#pagenotfound, la campagna “salvanegozi” che vuole tenere in vita i piccoli produttori

|

Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api

|

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

|

Dedichiamo più tempo all’immaginazione: possiamo cambiare la nostra vita!

|

AIED: consultori, contraccezione ed educazione sessuale ieri, oggi e domani – Amore Che Cambia #17

|

“Vi racconto la mia esperienza di wwoofing nei campi di lavanda”