7 Lug 2020

Nel borgo di montagna arriva una “scuola ispirazionale” per combattere lo spopolamento

Scritto da: Davide Artusi

Dall’1 al 6 Settembre a Sant’Anna Valdieri avrà luogo la terza edizione della ormai ben rodata Inspirational Travel School, figlia di una agenzia nata anni fa, l’Inspirational Travel Company. Una scuola per imparare e progettare un nuovo turismo, dove vicinanza, prossimità, conforto, desiderio di (ri)partenza si fanno capisaldi di una esperienza diversa, più intima e interiore.

Cuneo - Circa un anno fa ha preso vita l’Inspirational Travel School; si tratta di una vera e propria scuola dove si parla principalmente della psicologia del viaggio, di come quest’ultimo possa essere visto non solo come luogo fisico, il posto in cui passare qualche giornata, ma anche e soprattutto come luogo interiore, capace di ispirare un diverso stile di vita. Dall’1 al 6 Settembre si terrà presso Sant’Anna Valdieri, un piccolo borgo di montagna a rischio spopolamento in provincia di Cuneo, la terza edizione, organizzata dalla bolognese Silvia Salmeri, 34 anni, fondatrice di Inspirational Travel Company, l’agenzia che ha dato vita al turismo ispirazionale.

«Si tratta di una realtà nata ben 6 anni fa che si occupa dell’organizzazione viaggi attraverso il brand del nostro tour operator, Destinazione Umana, e della realizzazione di corsi di formazione per aspiranti consulenti di viaggio che vogliono unire nozioni di psicologia alla parte d’organizzazione del viaggio. Inoltre, realizziamo progetti di comunicazione per operatori del mondo del turismo che desiderano promuoversi in questa nicchia. Abbiamo ideato il concetto di turismo ispirazionale, per cui abbiamo spostato il focus dalla meta alla persona e nello specifico all’ispirazione che essa stessa sta cercando da un determinato viaggio».

2 2

Ci racconta in questo modo Silvia di cosa, in generale, si occupa l’Inspirational Travel Company, un piccolo mondo, ma nemmeno troppo piccolo, fatto di luoghi da scoprire, non solo a livello spaziale ma in special modo a livello interiore, grazie a un’organizzazione che punta e investe soprattutto nell’individuo come fulcro di una esperienza che non vuole esaurirsi nella mera vacanza di qualche giorno in cui spengere del tutto mente e spirito, anche grazie ai cosiddetti Inspirational Travel Designer, consulenti di viaggio che disegnano l’esperienza psicologicamente più giusta per il loro cliente.

È ormai da diversi anni che si sta intensificando un problema ormai da troppo tempo presente nel nostro territorio, si tratta dello spopolamento di aree lontane dai grandi centri urbani, zone rurali, piccoli borghi; un’emergenza che richiede di essere fermata al più presto, terribilmente attuale e difficile da far cambiare rotta. Una minaccia per quella parte d’Italia che fa vivere le vecchie tradizioni e che si adopera per valorizzare un patrimonio che sta andando perduto. Piano piano, l’abbandono sempre più spinto di queste terre, ci sta facendo dimenticare tesori paesaggistici e artistici, per nulla valorizzati da un turismo di massa che impiega mezzi e denaro in mete blasonate e ‘scacciapensieri’.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

«Nella nostra Inspirational Travel School cerchiamo di trovare soluzioni innovative contro lo spopolamento dei borghi e la perdita di identità dei piccoli centri a carattere rurale. Una scuola di formazione di marketing territoriale itinerante per esplorare il mondo del turismo ispirazionale e le sue opportunità di creazione di valore, soprattutto in aree interne e a rischio spopolamento. L’ Inspirational Travel School è pensata per consulenti e operatori del settore turistico e culturale, proprietari di strutture ricettive e in generale per chiunque voglia attrarre nuove energie sul proprio territorio per fermarne lo spopolamento e dare vita a progetti di rinascita».

3 2

Una scuola che cerca di arricchire un mondo, quello del turismo, attraverso una complessa varietà di competenze e un’ottica rivolta maggiormente all’importanza dell’ambiente e del territorio, con una grande inclinazione verso il singolo e le esigenze interne, più riflessive che lo muovono.
Le prime due edizioni dell’Inspirational Travel School si sono tenute in Calabria, ora, con la terza, ci si è voluti spostare per raggiungere quella parte del Piemonte caratterizzato da borghi a rischio spopolamento.

Questa terza edizione avrà luogo a Sant’Anna Valdieri, luogo che è stato rianimato anche grazie alla presenza e all’opera di sette donne imprenditrici che hanno deciso di spostarsi e vivere in quella zona e nella quale hanno aperto e avviato attività come ostelli, rifugi, case vacanza, bar, ristoranti. Si tratta di una settimana, forma residenziale, caratterizzata da un programma formativo nel quale la mattina ci saranno professionisti che andranno a portare delle testimonianze complete in questo ambito, spunti che gli studenti potranno applicare nei loro territori, e nel pomeriggio ci sarà il tempo per fare delle escursioni sul territorio al fine di conoscerlo meglio.

«Durante il lockdown non abbiamo potuto organizzare viaggi ma ci siamo adattati nel campo dell’insegnamento, grazie ai corsi non più in sede ma per via telematica. Adesso siamo ripartiti e, a differenza di altri tour operator, non dobbiamo reinventarci; questo rappresenta un forte vantaggio competitivo in questo periodo: ci concentriamo nei viaggi per piccoli gruppi in mete decisamente non affollate perché fuori dai circuiti del turismo di massa, sempre molto a contatto con la natura e, inoltre, coltiviamo un forte aspetto introspettivo, cosa di cui dopo quello che è successo se ne sente di più il bisogno. Siamo stati quindi in grado di riprenderci probabilmente meglio rispetto ad altri».

5

Un’azienda che è riuscita a raccogliere, anche in un tempo difficile come questo, i suoi frutti, grazie a idee vincenti e a una base costituita da un ideale rivolto all’altro e all’ambiente; un’offerta che punta non sulla quantità ma nella qualità di un viaggio, e specifichiamo ‘viaggio’ e non ‘meta’, che si fa via, strada, nella quale apprendere qualcosa su di sé, nella scoperta di luoghi in via di spopolamento che tanto hanno da offrire a chi desidera scoprirli.

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Quante emozioni…, quante gioie, quante delusioni

Camminare fa bene: ecco perché scegliere i viaggi a piedi

Bike Tour della Decrescita: un invito fuori confine

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti