13 Lug 2020

Una vecchia edicola diviene portineria di comunità

Scritto da: Roberto Vietti

Nel cuore di Torino, a Porta Palazzo, nasce la portineria di comunità: luogo dove trovare un aiuto per le piccole commissioni in posta, per fare la spesa al mercato, o un supporto informatico, piccole traduzioni, e dove ritessere relazioni fondate sulla solidarietà e sulla fiducia.

Torino - Una vecchia edicola che non dimentica il suo passato, ma torna a essere il punto di riferimento in una delle piazze più importanti della Città, a cavallo fra due quartieri molto diversi, ma adiacenti.
Lo spaccio di cultura – Portineria di comunità si trova nell’edicola di Piazza della Repubblica 1/F e con la regia della Rete Italiana di Cultura Popolare dà vita a una rete di soggetti pubblici e privati, del mondo del commercio, dell’artigianato, del terzo settore e della cittadinanza attiva che rimette al centro l’idea di prossimità.

portineria comunita 2

Una Portineria di comunità

«Quando iniziammo a pensare alla Portineria di comunità – riportiamo dal comunicato stampa di Rete Italiana di Cultura Popolare – sognavamo uno spazio che fosse un luogo un po’ magico, dove poter trovare ciò che si cerca: persone, servizi, consigli, cultura. Ma anche un posto bello, una piazza dove potersi incontrare senza avere l’obbligo di consumare.
Poi è arrivata la pandemia, che ha cambiato le nostre vite: ci ha costretti a chiuderci nelle case, per chi ha la fortuna di avere una casa, ha coperto i sorrisi con le mascherine, isolato i corpi, ci ha separato dagli affetti, ha portato via amici, parenti, uomini e donne di ogni età. A molti ha portato via reddito e lavoro. Alcuni hanno imparato a comunicare, persino a costruire legami di comunità, senza la mediazione dell’incontro fisico: dai balconi, sui social networks, utilizzando le nuove piazze virtuali. C’è chi ha mobilitato le proprie risorse di solidarietà per aiutare chi aveva bisogno di una mano. Tutti hanno sperimentato ciò che la natura comunica da sempre agli esseri viventi: l’interconnessione e l’interdipendenza, al di là delle porte chiuse, dei confini visibili e invisibili. Ma l’isolamento e la chiusura di molte attività, inclusa la scuola, hanno anche fatto esplodere disuguaglianze e vulnerabilità, creato incertezze e paure».

portineria1

La Portineria di comunità, che ha avuto un primo battesimo virtuale durante l’emergenza, si propone allora come luogo insieme fisico e relazionale dove cominciare a ricostruire una comunità di prossimità, dove potersi fidare gli uni degli altri, dare e ricevere aiuto, scambiare informazioni, suggerimenti e idee.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

La portineria è il luogo dove trovare un aiuto per le piccole commissioni in posta, per fare la spesa al mercato, o un supporto informatico, piccole traduzioni, e dove ritessere relazioni fondate sulla solidarietà e sulla fiducia. Vuole essere un punto di riferimento per la comunità che rende possibile l’incontro e lo scambio tra competenze e bisogni.

Un’azione di welfare di comunità che genera attività sociali, culturali ed economiche capace di connettere e far conoscere i vicini di casa e condividere bisogni e soluzioni ai problemi quotidiani.
La portineria vuole mettere in rete le risorse commerciali, professionali, artigianali e del terzo settore, del territorio affinché diventino fornitori primari di beni e sentano la partecipazione alla costruzione di un progetto di comunità.

portineria comunita

I portinai

E allora, non sarebbe bello se ricevere l’aiuto di cui hai bisogno fosse allo stesso tempo un modo per aiutare gli altri e il territorio in cui vivi? I Portinai sono persone di fiducia che possono aiutarci a risolvere alcuni problemi della nostra vita quotidiana: una consulenza informatica, piccole traduzioni, aiuto compiti, fare la spesa a Porta Palazzo, lasciare chiavi e ritirare pacchi, ma anche portare scatole in cantina, fissare il bastone delle tende, montare un mobile, dog sitting, baby sitting, piccoli lavori di sartoria, curare le piante durante le vacanze e altre cose, tante quante sono le risorse della comunità. La Portineria tuttavia non va intesa solo come un servizio, tramite gli scambi che attiva, si pone come uno strumento di costruzione di comunità.

Tutti insieme, un patto per (ri)costruire fiducia

Convinti del ruolo di attivazione di comunità della Portineria, i firmatari di questo patto si impegnano, ciascuno con le proprie competenze, risorse, sogni e punti di vista a rinnovare il tessuto delle relazioni, provando a coltivare insieme idee e capacità e riconoscere bisogni, per fare crescere atti di reciproco aiuto. Se avremo compreso che “una catena è forte quanto il suo anello debole”, allora potremo dire di avere imparato qualcosa da questo periodo.

Articoli simili
Le donne di Vittoria: spezzare l’isolamento per uscire dalla violenza
Le donne di Vittoria: spezzare l’isolamento per uscire dalla violenza

A Torino gli abitanti del quartiere rispondono all’emergenza con la cultura del dono
A Torino gli abitanti del quartiere rispondono all’emergenza con la cultura del dono

Sulla stessa barca: dal teatro ad un nuovo modello di accoglienza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Germania, un governo “semaforo”? – #417

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa

|

Re-sisters: l’arte e la cultura per dire no alla violenza sulle donne

|

Il primo Asilo nel Bosco altoatesino, dove le maestre sono la neve e la pioggia

|

La storia di Esma, il musicista che ha lasciato la città per vivere e cantare la campagna

|

Camilla Rossi, educatrice: “Attivismo quotidiano, educazione e messa in discussione per combattere la violenza contro le donne”