Informarsi
conoscere
agire

italia che cambia
8 Set 2020

Dal recupero alla gestione sostenibile di un paesaggio secolare: la storia di Podere Case Lovara

Scritto da: Valentina D'Amora

Case Lovara è un podere agricolo nel Parco delle Cinque Terre. Affacciato sul mar Ligure di levante, è il fulcro di un progetto di recupero di tradizioni agricole e di sviluppo sostenibile delle risorse locali.

Raggiungibile solo a piedi, da Levanto oppure lungo il sentiero panoramico da Punta Mesco, Podere Case Lovara è stato donato al FAI, Fondo Ambiente Italiano, nel 2009 e in questi undici anni di gestione, grazie al supporto della Fondazione Zegna, ha riportato l’intera superficie alla sua storica funzione di produzione agricola.

I quarantacinque ettari di proprietà comprendono, oltre all’edificio principale, boschi di lecci e pini, alternati a zone di macchia mediterranea. In quest’area, dove nei secoli la presenza dell’uomo ha forgiato con delicatezza il territorio, senza alterare i fragili equilibri ecologici, la compresenza tra mare e vegetazione ha permesso lo sviluppo di un’eccezionale biodiversità.

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

ATTIVATI

Sebbene oggi il bene sia soggetto agli ultimissimi lavori di restauro in alcune aree, viene aperto ai visitatori tutto l’anno, durante il fine settimana. «A seguito dell’emergenza sanitaria, – spiega Roberto Moretti, responsabile operativo della struttura – le aperture estive sono state sospese, ma sono riprese il 5 settembre». Allo stato attuale, il podere sta per trasformarsi in una struttura ricettiva: «L’iter, parecchio rallentato dal lockdown, sarà concluso entro autunno/inverno e a partire dalla prossima primavera verrà inaugurata una stagione di degustazioni di prodotti locali». A ruota ci sarà il lancio del b&b.

Mi sono fatta raccontare del progetto di sostenibilità che ruota attorno a Case Lovara: il bene farà da modello per la corretta gestione dell’opera umana in aree soggette a vincolo storico e paesaggistico, come quella del Parco delle Cinque Terre.

In che modo Casa Lovara porta avanti il modello di turismo sostenibile?
Da quando abbiamo preso in mano la proprietà, abbiamo deciso di incidere il meno possibile sull’ambiente, da tutti i punti di vista. Per questo, il fabbisogno energetico del podere viene fornito da fonti rinnovabili: l’energia elettrica viene generata con impianto fotovoltaico, grazie alle superfici pannellate del tetto dell’edificio principale, la cui produzione di energia si aggira intorno ai 10-12kw in condizioni ideali, cioè nelle giornate molto assolate. La vocazione alla sostenibilità riguarda anche l’approvvigionamento idrico: qui viene recuperata l’acqua piovana dai tetti e prelevata dai ruscelli che scorrono nella proprietà, sottraendo però solo il 20% del flusso, per non impedire la vita della microfauna, mediante drenaggi sulle acque che scendono a valle. Tutta l’acqua viene poi stoccata in cisterne interrate, purificata e resa potabile. In un’ulteriore ottica di circolarità, l’acqua delle docce viene nuovamente utilizzata, mentre le acque nere, provenienti dagli scarichi dei wc, passano attraverso un depuratore che trasforma la parte solida in concime e quella liquida a uso irriguo.

Questo approccio basato sul minor impatto possibile sull’ambiente riguarda anche l’azienda agricola?
Sì, anche l’agricoltura segue questi valori. Frutta e ortaggi vengono coltivati negli orti ricavati sui terrazzamenti tipicamente liguri, senza uso di diserbanti o pesticidi. Utilizziamo esclusivamente concime organico, calce idrata e dolomia, roccia di dolomite sbriciolata, secondo i dettami dell’agricoltura biologica. La stesso vale per il nostro piccolo allevamento di api: nei nostri quindici/venti apiari ci dedichiamo principalmente del benessere delle api, fondamentale sostegno all’ecosistema grazie al loro lavoro di impollinazione. Il miele, quindi, è estratto solo sul “surplus”: nei nostri alveari, l’ape non è stressata, vive in ambiente protetto e non entra in contatto con fertilizzanti o elementi chimici di alcun tipo.

Da ogni parola, emerge il profondo intento di chi lavora a Case Lovara di aiutare la natura a essere il più rigogliosa possibile, per questo, ogni dettaglio è stato studiato e progettato in tal senso.

Un’escursione (a piedi) che vale la pena fare quando si passa dalle Cinque Terre per lasciarsi alle spalle la calca e godersi il silenzio del Parco.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Grazie per contribuire all’Italia che Cambia

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un’informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Natale col Covid – Io Non Mi Rassegno #266

|

LaCasaRotta: da cascina abbandonata ad ecovillaggio diffuso dove ritornare a essere comunità – Io faccio così #309

|

Boscopiano: un gruppo di giovani realizza il sogno di far rivivere la propria valle

|

Pace, inclusione e solidarietà: l’impegno di Melagrana per la tutela dei diritti umani

|

The Great Reset, il futuro prossimo. Come la crisi del Covid potrebbe cambiare il mondo

|

Progetto Happiness: in viaggio intorno al mondo alla ricerca della felicità

|

Irene, la pittrice che dipinge gli sguardi delle donne vittime di violenza

|

Undici proposte per salvare i nuovi centri culturali a rischio chiusura