16 Dic 2020

Altavia: così è nato il primo agribirrificio della Liguria

Scritto da: Emanuela Sabidussi

Oggi vi raccontiamo la storia di un ingegnere ambientale che sei anni fa partecipa ad un bando per provare a rendere reale un suo sogno: produrre birra, partendo dalla coltivazione della materia prima. Dalla vincita del bando nasce il Birrificio dell'Altavia, che od oggi è l'unico agribirrificio della Liguria e conta dieci tipologie di birre differenti e oltre cinque ettari di terreno coltivati a luppolo e orzo.

Savona - Era il 2014 quando Giorgio Masio, all’epoca studente di ingegneria ambientale all’università di Savona, incappa in ReStartApp, un bando promosso dalla Fondazione Edoardo Garrone, che ha l’obiettivo di incentivare il ritorno dei giovani nelle aree appenniniche, in un’ottica di sviluppo sostenibile, innovazione e inclusione sociale.

88286621 3052919898054154 2878526286240677888 o

Giorgio decide così di parteciparvi con un business plan dedicato ad una delle sue più grandi passioni: la birra. Il progetto che decide quindi di presentare basa la propria attività principale sull’intera filiera produttiva, ovvero dalla coltivazione di luppolo e orzo, alla lavorazione e trasformazione della materia prima in birra. Il progetto vince il primo premio del bando e, anche grazie alle nozioni acquisite da una serie di corsi e consulenze incentrate sull’economia rurale e la gestione d’impresa offerte a seguito della vincita, prende vita il primo agribirrificio ligure.

L’avvio e la produzione
Essendo il progetto pioniere nella regione in questo genere d’impresa, le difficoltà non sono state poche: il luppolo non era previsto tra i prodotti coltivabili né tanto meno la trasformazione e produzione in birra, tra le attività possibili sino a quel momento, secondo le normative.
Anche il trovare terreni adatti alla produzione è stata un’ulteriore complicazione, in quanto gli appezzamenti nell’appennino ligure sono di piccole dimensioni e molto spesso frazionati a livello catastale: il che rende oneroso e complesso utilizzare terreni provenienti da diversi proprietari.
«Ma nonostante le difficoltà —mi racconta Giorgio — siamo riusciti a partire! Ed è nato così il Birrificio dell’Altavia. Abbiamo creato una società in quattro soci. Il progetto ha continuato a crescere e ad oggi coltiviamo circa cinque ettari di terreni di orzo e quattromila metri di luppolo. Sono tutti a Sassello, paese dell’entroterra savonese a circa 600 metri di altitudine».

agribirrificioAltavia2

La squadra vincente
Oltre a Giorgio, che si occupa della produzione della birra e da un anno è affiancato anche da Davide Marenco, vi sono altre due figure fondamentali per il progetto imprenditoriale: l’agronomo Emanuele Olivieri che segue in prima persona tutta la parte di produzione agricola (sia di luppolo e orzo, che dei profotti ortofrutticoli) e l’ingegnere informatico Marco Lima, che gestisce invece la parte amministrativa.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

90794837 3085597144786429 4778230998896738304 n 1

I prodotti
L’azienda agricola produce e vende prodotti ortofrutticoli di stagione e miele millefiori che viene sia venduto in barattoli, che utilizzato all’interno di alcune birre. «Per quanto riguarda invece le birre, sono circa di dieci tipologie, di cui alcune prodotte tutto l’anno, e altre proposte solo in alcuni periodi. Sono tutte a bassa fermentazione, perché dopo diverse prove abbiamo compreso che sono quelle che si adattano meglio al tipo di acqua che abbiamo qui a Sassello.»

Vuoi cambiare la situazione
dell'agricoltura in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Ora in Piemonte una nuova legge per l’agricoltura

La fotografia sociale di Giulio Di Meo, il reporter che aiuta i contadini senza terra
La fotografia sociale di Giulio Di Meo, il reporter che aiuta i contadini senza terra

#4 – Roberto Burdese e Slow Food: tradizione e innovazione per un cambiamento reale
#4 – Roberto Burdese e Slow Food: tradizione e innovazione per un cambiamento reale

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Microfinanza: l’economia a misura di persona riparte dalla Calabria

|

In Sudafrica per proteggere gli animali: la storia di Alberto e Francesco

|

“È stregoneria”, ovvero come il colonialismo europeo ha cancellato millenni di storia africana

|

Maghweb: raccontare il cambiamento è parte integrante dell’azione sociale

|

La nuova vita di Claudio e Lara, custodi di un antico castagneto sul Pratomagno

|

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”