7 Dic 2020

Lockdown e alimentazione, il 44% degli italiani aumenta di peso

Un'analisi di Coldiretti basata sui dati Crea, il Centro di ricerca alimenti e nutrizione, ha messo in luce come le restrizioni per il contenimento del contagio da Covid-19 abbiano contribuito a far crescere di peso quasi la metà degli italiani. Situazione delicata, in quest'ottica, anche per i bambini.

Il lockdown – con i relativi dpcm – non ha portato con sé solo una serie di limitazione dei rapporti sociali e delle azioni che compongono la nostra quotidianità, ma ha fatto venir meno il “movimento” e l’attività fisica di tutti i giorni. Lo smart working, l’impossibilità di praticare con regolarità una disciplina sportiva, la tendenza a cucinare di più (e/o a mangiare cibo spazzatura) e, indirettamente, numerose restrizioni imposte dal lockdown hanno portato quasi la metà degli italiani ad aumentare di peso

È addirittura il 44% dei nostri connazionali ad essere ingrassato, come emerge da un’analisi di Coldiretti basata sui dati Crea, il Centro di ricerca alimenti e nutrizione, diffusa in occasione della presentazione dei dati relativi al 2019 elaborati da”‘Okkio alla Salute“, il sistema di sorveglianza nazionale coordinato dal Centro Nazionale per la Prevenzione delle malattie e Promozione della Salute (CNaPPS) dell’ISS

La maggiore associazione di rappresentanza e assistenza dell’agricoltura italiana, in una nota sul proprio sito, ha evidenziato le cause alla base del problema per adulti e bambini: la difficoltà di fare movimento all’aria aperta e di seguire una dieta corretta con la chiusura delle mense scolastiche, l’aumento del tempo trascorso davanti agli schermi (come TV o PC) e il consumo di alimenti conservati. «Computer, divano e tavola hanno tenuto lontano dal moto e dallo sport – ha spiegato Coldiretti – addirittura il 53% degli italiani».

Questa emergenza nutrizionale riguarda anche i più piccoli: sempre secondo l’indagine Okkio alla Salute, rispetto al 2019 la situazione si è aggravata, con un bambino su due che non fa una colazione adeguata al mattino, uno su 4 che beve quotidianamente bevande zuccherate gassate e consuma frutta e verdura meno di una volta al giorno e uno su 5 che non fa attività fisica.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

«Per contrastare questa tendenza – ha spiegato Coldiretti – siamo impegnati nel progetto “Educazione alla Campagna Amica”, che coinvolge alunni delle scuole elementari e medie in tutta Italia che partecipano a lezioni in programma nelle fattorie didattiche e nei laboratori del gusto organizzati nelle aziende agricole e in classe. L’obiettivo è quello di formare dei consumatori consapevoli sui principi della sana alimentazione e della stagionalità dei prodotti per valorizzare i fondamenti della dieta mediterranea e ricostruire il legame che unisce i prodotti dell’agricoltura con i cibi consumati ogni giorno e fermare il consumo del cibo spazzatura».

Come affermato in una nota stampa da Coldiretti Piemonte, allo stesso tempo, «l’allarme globale, provocato dal Coronavirus, ha fatto emergere una maggior consapevolezza sul valore strategico rappresentato dal cibo e dalle necessarie garanzie di qualità e sicurezza e ha sottolineato l’importanza  dei controlli lungo la filiera alimentare e la tracciabilità di quanto portiamo sulle nostre tavole. Ci sono le condizioni per rispondere alla domanda dei consumatori ed investire sulla nostra agricoltura che è in grado di offrire produzioni di qualità realizzando rapporti di filiera virtuosi».

Non va quindi dimenticato, a prescindere che la nostra regione sia in zona rossa, arancione o gialla, di seguire un’alimentazione sana ed equilibrata per rafforzare le nostre difese immunitarie e il benessere del nostro organismo. Facciamo il pieno di frutta e verdura – ancor meglio se locale, stagionale e naturale – a dispetto di cibi pronti o spazzatura. La bilancia aspetta.

Articolo tratto da: Journal Cittadellarte

Vuoi cambiare la situazione di salute e alimentazione in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

Tazze Pazze: «Per noi caffè significa sostenibilità, dalla piantagione alla tazzina» #8
Tazze Pazze: «Per noi caffè significa sostenibilità, dalla piantagione alla tazzina» #8

Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?
Canapa industriale: perché in Italia siamo così indietro?

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Negozio Leggero, dove fare la spesa alla spina per un nuovo commercio di vicinato

|

Il passo della sosta: quando la vita rinasce mentre si siede su una panchina

|

EcoPlanner, eventi green perché a festeggiare sia anche la Terra

|

Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

|

Abusi edilizi: ecco cosa sta succedendo in Sicilia

|

Giufà come Godot: gli attori scendono dal palco e diventano attivisti

|

Orsigna Arum Festival: ritroviamoci nel bosco per rigenerare noi stessi e gli altri