16 Dic 2020

Abbiamo fatto un tour virtuale nella fiera EXCO sulle ecotecnologie

Siamo stati invitati dagli organizzatori a fare un tour dentro a EXCO, la prima fiera virtuale d’Italia dedicata a energie rinnovabili e innovazione tecnologica. Ecco un resoconto della nostra esperienza, con cronaca, impressioni, commenti a caldo di un pomeriggio "virtualmente" particolare.

Lo ammetto: non avevo mai fatto un tour virtuale. Non ho mai usato un visore, né provato l’ebbrezza della realtà aumentata. Nonostante mi si possa considerare ancora relativamente giovane e il mio lavoro si svolga per un buon 70-80% nel mondo del digitale ho la dimestichezza di mio nonno nel campo delle nuove tecnologie (e ringraziate che non le ho chiamate “queste diavolerie moderne”, ci sono andato a tanto così).

Perciò quando Fabio Roggiolani, uno degli ideatori del Festival Ecofuturo – assieme a Michele Dotti e Jacopo Fo – mi ha telefonato per chiedermi se mi andava di fare un giro dentro EXCO, la prima fiera virtuale d’Italia dedicata a energie rinnovabili e innovazione tecnologica, l’ho trovata una buona occasione per aggiornarmi ai tempi correnti e fare un’esperienza nuova. E poi, mi sono detto, chi meglio di me potrebbe offrire una recensione da “utente medio” di questa nuova modalità di fruizione dello storico appuntamento con le ecotecnologie?

Il Tour

Il primo passo, quello della registrazione, fila liscio. Mi registro gratuitamente sul sito e nel giro di pochi minuti ricevo una mail di conferma con il Ticket da inserire per accedere alla fiera. Vado all’indirizzo segnalato nella mail e attendo che si carichi il software. Il primo caricamento è un po’ lento, ma se tornate più volte quelli successivi sono quasi istantanei. Devo scegliere il mio avatar: fra un signore distinto e calvo, apparentemente sulla cinquantina, una giovane donna in tailleur e un ragazzo in maglietta a maniche corte, per coerenza con quanto scritto inizialmente, scelgo la prima opzione.

avatar exco
Il mio avatar

Perciò, nei panni di un Michael Stipe versione manager vengo catapultato all’interno del mondo virtuale di EXCO. Scelgo la modalità a schermo intero (che consiglio, ben più immersiva) e inizio il mio tour. Mi trovo in un disimpegno con ampie vetrate; l’edificio ha un’ossatura simile al ventre di una balena e ricorda un’opera di Calatrava. La visione è in “Point of view” (ma la si può cambiare premendo il tasto “G”) e posso muovermi attraverso gli spazi usando il mouse e le frecce della tastiera. Capirò più avanti che la forma della struttura assomiglia a una sorta di Trinacria, con un disimpegno centrale da cui partono tre corridoi che conducono agli altrettanti padiglioni. 

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Mi dirigo verso il primo padiglione, affollato di gente. Mi chiedo se siano gli avatar di altri visitatori reali oppure delle semplici simulazioni vettoriali. Nel primo caso – mi dico – sarebbe bello se fossero permesse delle interazioni. 

Al centro, di fronte all’ingresso della sala, c’è un infopoint con una mappa per avere un’utile panoramica degli espositori. A destra e a sinistra due file di stand. Mi dirigo subito verso destra perché scorgo un’insegna molto familiare, quella delle B-Corp. Dietro lo stand c’è una signora dai capelli rossi (la stessa signora in tailleur che avrei potuto scegliere come avatar all’inizio). Una volta che mi sono avvicinato a sufficienza, premendo la barra spaziatrice posso accedere al menù relativo a quella realtà e scegliere fra visitare il sito web, vedere un video informativo, scaricare un depliant o chattare con l’espositore.

5
Il menù degli espositori.

Provo a chattare, ma resto un po’ deluso: nel caso di questo espositore la chat è disabilitata. In altre occasioni la chat sarà  attiva ma quasi sempre sarà un bot a rispondere, che dopo qualche domanda mi chiederà di inviare un indirizzo e-mail o un numero di telefono per essere ricontattato. Lo strumento che invece ho trovato più utile e immediato per farsi un’idea dell’espositore è (quasi sempre) il video. Quello delle B-corp, ad esempio, è molto ben fatto, breve ed efficace, e riassume perfettamente lo spirito della rete di imprese che affiancano al profitto i principi di responsabilità ambientale e sociale.

Allontanandomi dallo stand, il menù scompare e la mia attenzione viene attirata dallo stand a fianco, su cui campeggia il nome “Hub del territorio Er”. Non conosco questa realtà e scopro così l’esistenza di questa nuova rete che opera nel territorio dell’Emilia Romagna per diffondere una cultura della sostenibilità e affiancare istituzioni, enti e imprese nell’applicazione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’Agenda 2030 dell’ONU.

Trascorro le successive due ore a visitare i padiglioni, saltellare da uno stand all’altro, conoscere nuove imprese e associazioni e ritrovare vecchie conoscenze. Do uno sguardo al catalogo di Edizioni Ambiente, faccio un salto al banco di Change.org, scopro Kilowapp, un dispositivo per monitorare la produzione di energia elettrica dai propri impianti fotovoltaici casalinghi, e Casa sinergia, che produce case in legno antisismiche. Faccio anche cose stupide tipo allontanarmi dalla fiera lungo il prato cercando di raggiungere le tre (irraggiungibili) bandiere sullo sfondo. Ma devo dire che la vista da fuori vale la pena.

fiera esterno exco
La struttura vista da lontano, durante la mia passeggiata esterna.

Riflessioni

Dopo aver girovagato un bel po’ per EXCO posso tirare qualche conclusione e condividere le mie impressioni. Passeggiare per la fiera virtuale è divertente e piacevole. La grafica non sarà quella dei migliori videogiochi (nel frattempo è ulteriormente migliorata rispetto alla mia visita) ma se non siete dei fanatici del gaming l’esperienza è godibile e immersiva.

Ho trovato inizialmente un po’ scomodo l’impossibilità di saltare da un padiglione all’altro senza dover passare dal disimpegno iniziale (magari c’è, ma io non l’ho trovata), ma ripensandoci, che sia una scelta o no, è una trovata azzeccata perché ti fa sentire veramente come se fossi ad una fiera fisica. Stesso discorso per i tre padiglioni, dall’architettura molto simile e difficili da distinguere, che ti obbligano a girovagare un po’ fra gli stand per ritrovare qualcosa che ti aveva colpito all’inizio.

4

Per quanto riguarda gli espositori c’è una grande varietà: imprese, associazioni, reti, startup. Anche la qualità, ad essere onesto, è varia. Ho incontrato esperienze davvero interessanti, tecnologie dall’alto potenziale trasformativo, così come iniziative di cui non ho ben compreso il legame con le tematiche ambientali, o altri progetti più controversi, su cui sarebbe utile aprire una discussione.

Ecco, se devo trovare una pecca a questa fiera virtuale è l’assenza di spazi di confronto, che invece hanno da sempre caratterizzato Ecofuturo. Mi sarebbe piaciuto trovare, ad esempio, un padiglione in cui poter visionare filmati di approfondimento sulle varie tecnologie, o dibattiti fra esperti, professionisti, scienziati (ma su questo aspetto ci sono degli aggiornamenti importanti che trovate a fine articolo!). Così come troverei interessante la possibilità di lasciare messaggi e commenti agli espositori, o avere una sorta di caffè virtuale dove scambiare impressioni con gli altri visitatori.

Tutti aspetti che si potrebbero – più o meno facilmente – implementare. Detto ciò, ho trovato l’idea della fiera virtuale e la sua realizzazione molto interessanti, un tocco di novità nel panorama italiano, spesso poco avvezzo a questo tipo di innovazione. 

Se poi avete a casa un visore, potete fare anche cose di questo genere:

Aggiornamento importante. Poche ore prima della pubblicazione dell’articolo mi arriva un messaggio che mi segnala che ci sono delle novità in fiera. La grafica è stata migliorata e, udite udite, è stata aperta la sala webinar, dove si può assistere a filmati, documentari, dibattiti fra esperti sui temi delle energie rinnovabili, delle ecotecnologie (ma anche tanto altro, ad esempio quando accedo io c’è un documentario su Dario Fo). Era prevista fin dal principio, ma l’inaugurazione era stata rimandata per via di inconvenienti tecnici. Che dire, mai feedback fu recepito più in fretta!

Vuoi cambiare la situazione
dell'imprenditoria in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti
Terre del Magra, la cooperativa di comunità che valorizza il territorio e supporta gli abitanti

Il Piemonte è la regione più innovativa d’Italia
Il Piemonte è la regione più innovativa d’Italia

Tribal Italia: portiamo etica e sostenibilità nel mondo degli integratori
Tribal Italia: portiamo etica e sostenibilità nel mondo degli integratori

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Parte la raccolta di firme per una legge contro il greenwashing delle lobbies del petrolio

|

I Medici per l’Ambiente: “Basta allevamenti intensivi, senza biologico non c’è futuro”

|

E se il Covid ci avesse indicato la via per risolvere la crisi della scuola italiana?

|

In Piemonte c’è una “foresta condivisa” di cui tutti possono prendersi cura

|

IT.A.CÀ: in viaggio per il levante ligure per riconquistare il diritto a respirare

|

Pitaya: «Realizzo assorbenti lavabili per diffondere consapevolezza e sostenibilità»

|

Te Araroa: un viaggio per sé stessi e gli altri oltre i propri limiti