5 Feb 2021

Oggi è la giornata contro lo spreco di cibo: cosa possiamo fare noi?

Il 5 febbraio si celebra la Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, evento che ha lo scopo di attirare l'attenzione sul gravissimo problema dell'enorme quantità di cibo che viene buttato. Ecco una panoramica delle iniziative in programma.

Secondo Waste Watcher, il primo osservatorio nazionale sugli sprechi, fra le mura domestiche ogni italiano spreca circa 27 chilogrammi di cibo all’anno. Tra gli alimenti più colpiti svettano verdura e frutta fresca, seguite da pane fresco, cipolle e aglio, latte e yogurt, formaggi, salse e sughi.

Per sensibilizzare l’opinione pubblica e ciascuno di noi su questo problema con ripercussioni negative sul piano sociale, ambientale ed economico, si tiene oggi l’8° edizione della Giornata nazionale di prevenzione dello spreco alimentare, ideata e istituita da Spreco Zero e dall’Università di Bologna, insieme al Ministero dell’Ambiente.

spreco di cibo

A partire dalle 11:30, proprio Spreco Zero – campagna permanente lanciata da Last Minute Market nel 2010 – lancia un forum virtuale ricco di ospiti per discutere questo importante tema. Si partirà analizzando i dati dell’osservatorio che riguardano sia il nostro paese lo scenario globale, per poi passare alla proposta di buone pratiche per combattere gli sprechi, con il presentazione delle tre migliori idee di buone pratiche di prevenzione e recupero degli sprechi alimentari pervenute da direttamente dai cittadini.

Dalle 12 alle 13 si svolgerà un’altra diretta facebook in cui da cinque piazze italiane si spiegheranno i 5 punti del manifesto utilizzando le lettere di P.R.I.D.E.; altre ed eventuali piazze aderenti si collegheranno per un saluto. A organizzarla è FoodPRIDE, una rete di enti e associazioni che torinese che vuole unire le forze e dare una risposta concreta allo spreco alimentare. diffondendo azioni virtuose di recupero delle eccedenze alimentari, favorendo azioni di sensibilizzazione ed educazione, sviluppando solidarietà e una comunità di buone pratiche.

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

La creazione di un’alleanza virtuosa è anche l’obiettivo del Patto contro lo Spreco Alimentare lanciato dal team dell’app Too Good To Go, coinvolgendo aziende, supermercati e consumatori con l’obiettivo di abbattere gli sprechi alimentari nei prossimi tre anni con azioni e iniziative concrete a tutti i livelli della filiera agroalimentare. L’iniziativa è strutturata in diverse azioni, dall’attenzione all’etichettatura al monitoraggio della produzione a monte.

Sui territori, fra i tanti progetti virtuosi ne segnaliamo uno interessante che arriva da Milano, la Carovana Salvacibo, attiva da aprile 2020 per far fronte alla crescente emergenza alimentare dovuta all’insorgere del Coronavirus e per intercettare le eccedenze ortofrutticole dell’ortomercato di Milano. Le cifre dell’attività di recupero sono considerevoli: in media nei mercati vengono recuperati 675 chili cibo a settimana. Un quantitativo notevole di rifiuti evitati che ha impatti sia ambientali sia sociali. Ogni settimana, infatti, si stima che vengano in questo modo aiutati più di 120 nuclei familiari.

Come sottolinea Coldiretti, la pandemia ha avuto un paradossale effetto positivo sugli sprechi, poiché ha impresso una vera e propria svolta green nei comportamenti degli italiani proprio a partire dalla tavola, spinta dal fatto che le misure anti contagio portano la gente a stare di più a casa con il recupero di riti domestici come il cucinare che diventa oltre che necessità quotidiana anche un momento di aggregazione familiare più sicura di un pasto o di un aperitivo in mezzo a estranei o a persone che vivono fuori dal proprio nucleo domestico.

Vuoi cambiare la situazione di
cicli produttivi e rifiuti in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!
Siamo alla frutta: la natura non è una catena di montaggio!

Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?
Etichetta Consapevole: voi sapete come leggerla?

Recup: salviamo il cibo ancora buono donandolo a chi ne ha bisogno
Recup: salviamo il cibo ancora buono donandolo a chi ne ha bisogno

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza