28 Apr 2021

Seminare Comunità, per un abitare condiviso nelle aree rurali e montane

Attivare percorsi formativi e momenti di confronto sul tema dell’agricoltura sostenibile, esplorando anche i nuovi modi di “abitare” e condividere servizi che possono supportare lo sviluppo sociale ed economico del territorio. È questo l’obiettivo di Seminare Comunità, progetto che vuole coinvolgere sempre più persone aiutandole a diventare protagoniste nella costruzione di nuove economie agricole.

Seminare Comunità è un corso aperto a coloro che vogliano avvicinarsi ai temi dell’agricoltura sostenibile e dell’abitare collaborativo, ma pensato anche per chi è interessato alla vita in campagna, lontano dalla città. Il progetto si articolerà in tre fasi (formazione, sperimentazione pratica e momenti di incontro) tra aprile e agosto 2021 e vuole offrire nuove occasioni alle aziende agricole sul tema dell’agricoltura sostenibile.

Seminare Comunita1

Da aprile a luglio 2021 avrà luogo un percorso formativo strutturato in corsi tematici che affrontano i temi dell’agricoltura sostenibile e che saranno dedicati ad aspiranti agricoltori e aziende. Durante il corso si potrà apprendere come accedere in modo facilitato al “contratto di rete”, strumento che facilita la messa in condivisione di manodopera formata, terreni, attrezzature agricole, strutture e la creazione di progettualità commerciali condivise. Verrà spiegato come avviare il lavoro in azienda attraverso tirocini, anche coperti da borse lavoro. Infine, ci si concentrerà sulla possibilità di costruire comunità rivolgendosi ad aziende, aspiranti agricoltori, possessori di immobili in disuso, per comprendere come contribuire ad attrarre nuove energie e finanze sul territorio costruendo reali opportunità di inserimento lavorativo e di riqualificazione edilizia sostenibile per accogliere nuovi abitanti.

Il corso tematico prevede diversi moduli formativi di due ore con cadenza settimanale che saranno costruiti insieme agli attori locali, con opportune integrazioni di esperti esterni. L’obiettivo sarà aggiornare/acquisire nuove competenze agricole e di gestione aziendale, votate allo sviluppo sostenibile e ad un modello economico integrato. I topic che verranno affrontanti nei moduli teorici sono numerosi: i prodotti locali, il territorio, la comunità; l’orticoltura; la frutticoltura; i giardini, i fiori ornamentali e le erbe spontanee; i sistemi di allevamento; l’agricoltura, l’allevamento e l’ecosistema; l’autoimprenditorialità di comunità; le offerte turistiche, artistico-culturali e gli altri settori economici del territorio.

A questa parte seguirà un’esperienza, ossia un weekend agricolo del corso “Agricoltura sostenibile”, che prevede la messa in pratica di alcune competenze trasmesse durante i corsi teorici e la possibilità di trascorrere insieme un momento di convivialità, piacevole oltre che utile alla costituzione del gruppo.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Seminare Comunita2

Il primo modulo

Il modulo iniziale intitolato Agricoltura Sostenibile – organizzato e curato da Humus Job – è iniziato il 22 aprile e, per 8 giovedì consecutivi, coinvolgerà esperti del tema e aziende agricole dei territori del biellese e dell’eporediese nell’approfondimento di argomenti come agricoltura e territorio, orticoltura, frutticoltura, allevamento, trasformazione, agricoltura ed ecosistema. Il focus del modulo sarà un modello di agricoltura attento all’ambiente e alla persona e, attraverso le testimonianze degli imprenditori agricoli che su questi valori hanno costruito le proprie aziende, cercherà di veicolare ai partecipanti anche elementi pratici del fare impresa e dell’essere agricoltore. Il modulo si concluderà con un weekend esperienziale in programma per sabato 19 e domenica 20 giugno, un evento che prevede la messa in pratica di alcune competenze trasmesse durante i corsi teorici e la possibilità di scambio di idee e buone pratiche tra i partecipanti e le aziende agricole coinvolte.

Il secondo modulo

Il secondo modulo, intitolato Costruire Comunità – organizzato e curato da E’One con la collaborazione di EdilCasa –, inizierà il 29 giugno e si articolerà in quattro appuntamenti. Gli incontri in programma si porranno come momenti di scambio e co-progettazione sul tema dell’abitare collaborativo e avranno come finalità “la costruzione di una mappa co-costruita di esperienze di questo tipo e di condivisione con stakeholders e possibili finanziatori del processo che si svilupperà nel corso degli incontri”. Questa parte del corso sarà sviluppata da esperti sul tema dell’abitare collaborativo e da soggetti competenti locali. A fare da trait d’union tra i due moduli, è previsto per il 24 giugno un incontro sulla Responsabilità sociale d’impresa a cura del Raggio Verde Cooperativa Sociale e di Banca Etica.

Seminare Comunita

Il gruppo di lavoro

Il progetto Seminare Comunità, finanziato dalla Fondazione Finanza Etica, nasce dalla collaborazione tra diverse realtà del Piemonte e della Lombardia come Humus Job, rete nazionale di aziende agricole, piattaforma di ricerca lavoro e Job Sharing, marchio etico per le aziende che assumono regolarmente; Èone – abitarègenerativo s.r.l., realtà che si occupa di ri-generazione di immobili obsoleti, inutilizzati o sottoutilizzati in chiave relazionale, sostenibile ed equa; NEMO – Nuova Economia in Montagna, cooperativa impegnata a creare reti di sostegno allo sviluppo di comunità e opportunità imprenditoriali sostenibili in contesti montani ed infine ERI Educational, agenzia formativa accreditata, emanazione dello European Research Institute, che offre corsi formativi che vanno dall’ambito sociale a quello della comunicazione. Il progetto si avvale sul territorio della conoscenza e delle competenze degli animatori del progetto Slow Food Travel Montagne Biellesi.

Le iscrizioni

Per prendere parte ai corsi è necessaria l’iscrizione*. Per la partecipazione ai moduli, essendo questi focalizzati sui territori del biellese e dell’eporediese, gli organizzatori daranno priorità alle persone che vivono in queste zone e a coloro che si iscriveranno a entrambi i corsi. Tutti gli appuntamenti sono gratuiti e, per le disposizioni sanitarie dovute alla pandemia di Covid-19, si svolgeranno on line sulla piattaforma Zoom dalle ore 21 alle ore 23, fatta eccezione per il weekend esperienziale che si svolgerà in presenza. L’intero corso prevede il rilascio dell’attestato regionale di “Valutazione delle competenze” grazie all’ente accreditato Eri Educational.

*Per iscrizioni e informazioni: Agricoltura sostenibile, rete@humusjob.it – Luca 340 2530983; Responsabilità sociale d’impresa, progetti@nemoinrete.org – Francesco 349 1771634; Costruire comunità, abitare@rivitabitare.org – Diana 335 5469497.

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Italia che cambia

Sempre più persone, come te, comprendono la necessità di un giornalismo indipendente e costruttivo.
Italia che Cambia è da sempre impegnata nella diffusione di notizie che contribuiscano a costruire un nuovo immaginario sul nostro Paese, fornendo esempi concreti per la transizione verso un mondo migliore. Abbiamo scelto di mantenere le nostre notizie gratuite e disponibili per tutti, riconoscendo l’importanza che ciascuno di noi abbia accesso a un giornalismo accurato e costruttivo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Se ne hai la possibilità contribuisci a Italia che Cambia oggi anche con un piccolo contributo.

Il contributo di ogni lettore, piccolo o grande, ha grande valore ed è essenziale per proteggere l’editoria indipendente.

Contribuisci

Riforestiamo il mondo? – Io Non Mi Rassegno #367

|

Emilia Romagna prima regione italiana a bandire le gabbie dagli allevamenti

|

In un terreno confiscato alla mafia nasce la prima food forest della Sicilia

|

Il mutuo garantito al 100%? In realtà non è utile per i giovani

|

Ri-nascere cre-attivamente dalla sofferenza. BB, parole di dolore e resilienza

|

AAA cittadini cercasi per rivitalizzare piccolo borgo umbro

|

GasparOrto, l’orto urbano che sfida cemento e degrado

|

La prima volta che mi hanno chiesto il permesso