13 Lug 2021

A Palermo i ragazzi di Borgo Vecchio si raccontano in una canzone rap

Scritto da: Alessia Rotolo

I pensieri di un gruppo di adolescenti sono stati prima messi in rima e poi sono diventati un brano e un videoclip. I ragazzi vogliono cantare l'orgoglio di essere del Borgo Vecchio di Palermo. Tutto questo è stato possibile anche grazie alla passione di alcuni educatori che hanno seguito il progetto e aiutato i ragazzi a trovare la giusta forma d'espressione.

Palermo, Sicilia - “Di questo stivale siamo ciò che c’è sotto, quindi bisogna amplificare la voce a ogni picciotto” [i picciotti in palermitano sono i ragazzi, ndr]. Questo uno dei versi di “Così”, il brano rap realizzato dalle ragazze e dai ragazzi di Borgo Vecchio, a Palermo, che racconta com’è vivere il quartiere, lo stereotipo a cui è legato e ciò che provano ogni giorno. Perché oltre al disagio di vivere al Sud c’è quello di vivere in un quartiere difficile.

“Così” è canzone e un videoclip, ma è soprattutto il frutto dei pensieri dei ragazzi che hanno partecipato al laboratorio di rap e scrittura creativa realizzato a Palermo all’interno del programma REACT (Reti per educare gli adolescenti attraverso la comunità e il territorio) – progetto selezionato da Con i bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile – da WeWorld e da Per Esempio Onlus, partner locale del programma.

Con i ragazzi e le ragazze del quartiere anche gli operatori del centro, Christian “Picciotto” Paterniti e Ferdinando Brunetti. Un percorso che, partendo dalla fase di scrittura arriva fino a quello della registrazione del brano e della realizzazione del videoclip.

«Questo progetto nasce in piena pandemia attraverso dei laboratori a distanza in cui i ragazzi e le ragazze s’impegnavano a scriverci dei pensieri su cosa stessero provando in quel periodo», spiega Christian, che oltre a essere educatore è anche rapper. «Quando abbiamo riaperto il centro ed è stato possibile vederci in presenza abbiamo approfittato dell’occasione di U Game, gioco di strada finale che facciamo ogni anno, per raccogliere varie scritte sui muri e costruire un gioco di parole. Da lì, vista la grande partecipazione, mi è sembrato naturale proporre un laboratorio di scrittura creativa in rap – cosa che faccio in varie scuole e quartieri da quindici anni – per agevolare il percorso e con la consapevolezza di quanto questo linguaggio sia diventato alla portata degli adolescenti, che infatti hanno risposto con grande entusiasmo».

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Il progetto è partito ad ottobre scorso, prima con una fase di brainstorming di pensieri, poi con vari esercizi sulle rime e la costruzione di un testo, quindi si sono susseguiti gli step musicali e interpretativi sulle basi e in studio di registrazione.

Al laboratorio di rap hanno partecipato una dozzina di ragazzi. «Successivamente abbiamo deciso di far convergere questo laboratorio con quello di Urban Dance – continua il rapper –, sfumatura di un percorso al femminile portato avanti dalle nostre operatrici con una decina di ragazze che hanno creato una coreografia ad hoc per la canzone e alcune di loro hanno pure cantato il ritornello. Così abbiamo evitato ogni steccato di genere e mischiato arti e ragazzi e ragazze. L’urgenza che cantano i ragazzi in questo brano è quella di riscattarsi da una condizione marginale, di uscire, confrontarsi e raccontare il bello del senso di appartenenza al proprio quartiere».

«A loro è piaciuto tantissimo e spesso, anche per me che lo faccio da quando avevo la loro età, il confronto con gli adolescenti è un continuo stimolo a ricercare, ad ascoltare e a migliorarsi», conclude “Picciotto”. «Il rap nasce e si evolve proprio in contesti come quello di Borgo Vecchio. Io spero che qualcuno di loro continui, ma noi come educatori dobbiamo creare anche un immaginario diverso, dobbiamo fare capire loro che possono essere altro. Se qualcuno continuerà su questa strada dipende anche dal proseguo delle nostre attività al Borgo Vecchio che sono legate a finanziamenti e a fondazioni. Ma è importante piantare semi che magari cresceranno anche in altri modi».

Articoli simili
Bando Scuola+, ispirarsi all’agenda 2030 per potenziare la comunità educante
Bando Scuola+, ispirarsi all’agenda 2030 per potenziare la comunità educante

L’Italia delle màtrie, radicate nella cultura popolare e ignorate dalla politica
L’Italia delle màtrie, radicate nella cultura popolare e ignorate dalla politica

Rientro a scuola: come stanno i bambini? L’opinione della pedagogista
Rientro a scuola: come stanno i bambini? L’opinione della pedagogista

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Le contraddizioni della transizione ecologica nella voce degli indigeni – #418

|

Migliaia di partecipanti e un manifesto del turismo responsabile: ecco IT.A.CÀ 2021

|

Avete passato un buon Black Friday? Ecco a cosa è servita la vostra “felicità”

|

SUQ, il bazar dei popoli dove l’arte si intreccia con le culture del mondo – #10

|

Mondeggi, la fattoria senza padroni, chiama a raccolta il mondo della permacultura per riprogettarsi

|

Il diritto dei bambini all’aria pulita: le strade scolastiche come antidoto a traffico e inquinamento

|

Fuga dalla città. Una seconda vita sulle colline piacentine

|

Assamil: una delle comunità più giovani d’Italia cresce e cerca una nuova casa