12 Lug 2021

Una legge per assegnare il medico di famiglia anche ai senzatetto

Scritto da: Redazione

La legge proposta dal consigliere regionale emiliano-romagnolo Antonio Mumolo – presidente della Onlus “Avvocato di Strada” – chiede che venga assegnato un medico di famiglia anche alle persone senza fissa dimora. L'iter prosegue: pochi giorni fa il provvedimento è stato approvato in Commissione Sanità.

Emilia-Romagna - I clochard potranno avere un proprio medico di base. Disco verde della Commissione Sanità al progetto di legge del consigliere Antonio Mumolo: una “piccola rivoluzione”, visto che le persone senza fissa dimora non hanno un medico di famiglia di riferimento, non possono curarsi e, anche in caso di malattie infettive come il Covid, possono usufruire solo dei servizi del Pronto Soccorso.

Questo comporta non solo l’impossibilità per le persone di curarsi tempestivamente e di fare prevenzione, ma anche un costo molto alto per la sanità regionale. La proposta di Mumolo invece, prevede che gli homeless, a seguito di segnalazione dei servizi sociali, possano iscriversi alle liste Ausl e avere un medico di base di propria fiducia, prenotare esami e visite specialistiche.

medico di famiglia senzatetto

«Questa è la prima legge regionale in questo senso», spiega Mumolo. «Se qualcosa il Coronavirus ci ha insegnato è l’importanza della salute intesa come diritto collettivo e non solo individuale perché se non si curano tutte le persone ne soffriamo tutti e non solo chi non riesce a ottenere le cure. L’obiettivo di questa legge è quella di ampliare la platea di coloro che possono esercitare il diritto alla salute e anche quella di razionalizzare l’uso delle risorse pubbliche visto che i costi per il sistema sanitario sono esponenzialmente molto più alti se gli homeless devono rivolgersi al Pronto Soccorso piuttosto che a un medico di base».

Per il consigliere regionale, «la pandemia in corso ci ha poi insegnato che il diritto alla salute è un diritto collettivo oltre che individuale; dare un medico anche alle persone senza dimora garantirà la loro salute e quella di tutti noi». Per quanto riguarda i risparmi rispetto alla situazione attuale i numeri parlano chiaro: oggi ogni singolo accesso al Pronto Soccorso comporta per ogni singolo utente una spesa per l’erario da 150 a 400 euro, mentre il medico di base “costa” meno di 100 euro all’anno a persona.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Contribuisci all’informazione libera!

Mentre la gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i meravigliosi cambiamenti in atto del nostro paese, noi abbiamo scelto di farlo con un’informazione diversa, autentica, che sia d’ispirazione per chi vuole veramente attivarsi per cambiare le cose. 

Per farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Attivati anche tu per cambiare l’immaginario!

Antonio Mumolo, autore della proposta, è anche presidente della onlus Avvocato di Strada, iniziativa nata a Bologna nel 2001 – diventata ufficialmente un’organizzazione di volontariato nel febbraio del 2007 – con l’obiettivo di garantire una tutela legale gratuita e qualificata alle persone senza dimora e alle vittime di tratta. In piena pandemia lo avevamo intervistato per chiedergli di raccontarci il progetto della onlus “Io vorrei restare a casa” e, in generale, di aggiornarci sulla situazione delle persone senza fissa dimora in periodo di lockdown.

Articoli simili
Musicainsieme a Librino: nella periferia catanese è la musica che “salva” i giovani
Musicainsieme a Librino: nella periferia catanese è la musica che “salva” i giovani

Eufemia: quando l’inclusione sociale passa per una moltitudine di attività sostenibili e interculturali
Eufemia: quando l’inclusione sociale passa per una moltitudine di attività sostenibili e interculturali

La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa
La Mia Banda è Pop: la devianza giovanile si combatte attraverso cura e giustizia riparativa

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne