14 Lug 2021

SeaTrek e ciclopedonale Maremonti: alla scoperta (ecologica) delle Cinque Terre

Scritto da: Valentina D'Amora

Con immersioni e pedalate si possono scoprire angoli nascosti, sia sopra che sotto il livello del mare, attraversando zone meno battute per godersi paesaggi mozzafiato senza la calca. Oggi vi portiamo nello spezzino a scoprire SeaTrek e la ciclopedonale Maremonti.

La Spezia - Può una semplice uscita in snorkeling trasformarsi anche in un incontro scientifico? Con Seatrek, sì: si tratta di una serie di percorsi educativi sul mare, ideati e realizzati dagli operatori del Centro di Educazione Ambientale del Parco delle Cinque Terre, che da anni avvicinano bambini, ragazzi e adulti all’Area Marina Protetta, per scoprirla da nuove angolazioni.

Un modo diverso di vivere e conoscere il territorio, a partire dal mare e dalla costa, con pinne, maschera e boccaglio, acquisendo le basi di biologia marina

Quest’edizione dell’iniziativa si rivolge a tre fasce di età: 9-13 anni (con diversi livelli e tipologie di attività), 14 -17 anni e maggiorenni. Gli appuntamenti di lunedì 12 e martedì 13 luglio si rivolti ai gruppi più giovani, Adavanced 3.2 Underwater bio scientist a tappe. Il percorso previsto per il 14 e 15 luglio, invece, è un Senior marine scientist, per gli adolescenti. A Levanto, il 4 e 5 agosto due giorni Discovery per la fascia 9-13 anni, mentre il 6 e il 20 agosto sarà la volta degli adulti, con due esperienze di Citizen science.

seatrek cop
Un momento di Seatrek

L’ORGANIZZAZIONE DEI CORSI SEATREK

Ti interessa questo articolo? Aiutaci a costruirne di nuovi!

Dal 2013 raccontiamo, mappiamo e mettiamo in rete chi si attiva per cambiare l’Italia, in una direzione di maggiore sostenibilità ed equità economica, sociale, ambientale e culturale. 

Lo facciamo grazie al contributo dei nostri lettori. Se ritieni che il nostro lavoro sia importante, aiutaci a costruire e diffondere un’informazione sempre più approfondita.

Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana.
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Gli appuntamenti prevedono uscite partendo dalla spiaggia e, dal livello Advanced 2.0, con il gommone. L’equipaggiamento? Mute da snorkeling, manuali e guide subacquee impermeabili che accompagnano nel riconoscimento delle specie, fotocamere subacquee, materiale scientifico per rilevamenti e campionamenti. A supporto dell’escursione un mini battello di appoggio e, in conclusione, l’attestato finale. Le attività sono totalmente gratuite per i residenti a Monterosso, Riomaggiore e Vernazza, mentre per gli altri ragazzi è previsto un contributo dai 20 e i 40 euro a corso. 

LA “MAREMONTI”

La Maremonti è una ciclopedonale che collega Levanto, Bonassola e Framura ed è un esempio di riconversione a fini turistici: la pista si snoda lungo la ex tratta ferroviaria dismessa che costeggia il mare. La distanza è quasi interamente coperta dalle nove gallerie, all’interno delle quali, anche in piena estate, la temperatura è decisamente più bassa che all’esterno. Questa particolarità permette di andare in bicicletta o passeggiare sia nelle giornate piovose che in quelle particolarmente afose. Le gallerie sono illuminate, sia artificialmente che dalle numerose aperture nella roccia, con viste incantevoli sul mare turchese delle Cinque Terre.

ciclopedonale bonassola Dasha Demma
Foto di Dasha Demma

Ora, in programma c’è la richiesta di un prolungamento della ciclopedonale da Levanto fino a Monterosso. Sarebbe un nuovo collegamento sia per i ciclisti che per i pedoni, semplicemente sfruttando la vecchia linea ferroviaria che venne abbandonata negli anni ’70. «Verrebbe ripristinata la lunga galleria di circa 3 km, – spiegano i curatori della pagina Facebook dedicata al percorso – tuttora esistente e ancora in discrete condizioni. Se questo progetto verrà realizzato, avremo un ulteriore collegamento diretto con le Cinque Terre oltre all’auto, al treno e al battello e, naturalmente, ai sentieri già esistenti che però passano da Punta Mesco o i promontori adiacenti. Questo prolungamento sarà come l’attuale tratto della ciclopedonale Maremonti, tra Framura, Bonassola e Levanto: gratuito e aperto 7 giorni su 7, 24 ore su 24. Ora non ci resta che attendere che anche questo sogno diventi realtà».

Vuoi cambiare la situazione
del viaggiare in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto
La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler
L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo
Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Il Green Deal parte dalla Sicilia: approvata la legge sull’Agroecologia

|

La biofilia e l’educazione in Natura negli spazi educativi all’aperto

|

1000 Metri: Un hotel abbandonato rivive per far ripartire la montagna

|

Cosmic Fest: cibo, salute e salvaguardia del pianeta

|

Il Mare Colore dei Libri, la Sicilia celebra la natura e la cultura

|

Altravia, da Torino a Savona un viaggio lento per scoprire terre inesplorate

|

énostra: l’impresa di comunità dalla parte dell’ambiente