14 Lug 2021

La Via del Cerchio: come cambia la nostra vita se impariamo ad ascoltare ed essere ascoltati?

Scritto da: Lisa Donati

Nella Via del Cerchio si ascolta e si viene ascoltati. Si parla e ci si esprime guardandosi dentro, senza alcun timore del giudizio. Ma cosa succede se proviamo a esportare queste modalità anche fuori dal cerchio, nella vita di tutti i giorni? Scopriamolo attraverso la testimonianza di un partecipante a un'iniziativa organizzata sull'appennino bolognese dalle sorelle Lisa e Sara Donati.

Bologna, Emilia-Romagna - Nell’agosto 2020, al termine del Summer Camp sulla Via del Cerchio tenutosi presso l’ecovillaggio Tempo di Vivere, in mezzo alle colline piacentine, fra i e le partecipanti si insinuano felici idee di possibilità: “Continuiamo a portare questo modo di stare insieme e di comunicare nella nostra quotidianità, nelle nostre case, nelle nostre città!”, una voce potente dalla collettività dice.

La potenza di questa pratica comunicativa così semplice, derivante dalla saggezza nativo americana e diffusa in Europa negli ultimi quarant’anni dal nativo della tribù dei Wampanoag Manitonquat, spesso si sprigiona nei cuori di chi la vive, anche solo per una sera. Fra quei e quelle partecipanti ci siamo anche io e Sara, due sorelle di anima e di sangue, accomunate dalla scelta di metterci a servizio nella diffusione di una pratica in cui crediamo molto.

A partire da settembre 2020 dunque, nel paese di Vergato, a un’ora da Bologna, abbiamo cominciato a distribuire volantini della nostra iniziativa volta a diffondere questa pratica, insolita per un paese appenninico. L’incontro si è svolto prima in presenza nel centro sociale del paese, per poi proseguire online, su consiglio e richiesta di una delle partecipanti della prima sera. Siamo state felici di accogliere questa richiesta proseguendo la pratica su Zoom, con la sorpresa di scoprire che i cuori non conoscono distanze.

manitonquat
Manitonquat

In occasione di ogni serata abbiamo proposto domande aperte che facilitassero il contatto con il proprio sentire, a partire dal chiederci: come ti senti nel corpo? Di cosa senti di aver bisogno ora? L’espressione di ogni persona avveniva in un tempo a sé dedicato, quello in cui si ha simbolicamente il bastone della parola in mano. In questo tempo, tutte le altre persone ascoltano e si accolgono ed è proprio questo accordo, esplicitato a inizio serata, che consente grande accettazione e contatto fra i e le partecipanti.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

La Via del Cerchio può prevedere condivisioni di parola, di respiri, di silenzi, di canzoni, di ciò che c’è nel cuore di ciascuno nel momento presente, sapendo che lo spazio sicuro del cerchio tutela questi doni. Alla fine di ogni espressione si usa dire Aho, che vuole dire “ho parlato” e che ripetuto dagli altri significa “ho ascoltato”. Questo lo abbiamo fatto sia nello spazio del grande Cerchio, sia nelle coppie, dette mini.

Un piccolo seme, dunque, una sera ogni due settimane. Mi piace dire che è qualcosa di piccolo, ma al contempo significativo, che ha accompagnato un gruppetto, sempre aperto a tutte e tutti, fra gennaio e giugno 2021. Verso la fine degli incontri ho chiesto ad Alberto, che ha sempre partecipato alle serate, come ha vissuto questa esperienza e quali cambiamenti ha provocato nel suo cuore e nella sua vita.

Alberto, per te cos’è la Via del Cerchio?

«Nelle nostre serate ho avuto l’opportunità di sentirmi, di ascoltare profondamente me stesso, grazie al confronto. Nel Cerchio ci possiamo esprimere liberamente ed essere noi stessi e noi stesse. Proprio questa espressione libera mi ha fatto prendere coscienza di come volevo che ripartissero le cose, perché nel Cerchio ho sentito davvero cosa stava succedendo dentro di me e negli altri, sentendomi parte di un pizzico di umanità. Grazie all’apertura di cuori sono venuto in contatto con l’autenticità di ognuno».

via del cerchio

Cosa ti ha portato a partecipare ai nostri incontri?

«Una grande fiducia. Non posso dire che sia stato un pensiero a portarmi a iniziare il percorso insieme, ma piuttosto l’intuito, una scelta emotiva, a cui mi sono affidato. E ora sono felice di quella scelta, che mi diceva di partecipare perché lì c’era qualcosa di buono».

Che cambiamento ha prodotto dentro di te e nelle tue scelte di vita la Via del Cerchio?

«Dentro di me ho trovato ancor più fiducia nel rapporto con gli altri, che non avevo perso, ma che ho rinnovato, sentendo l’anima nutrita dalle condivisioni con persone sconosciute (con le quali poi è nato un grande affetto!). Nella mia vita ho cominciato a vedere come i Cerchi cominciassero a intersecarsi e unirsi, creando energia esponenziale. Cerchi fatti di ciò che mi piace e che la Via del Cerchio mi ha aiutato a mettere a fuoco, perché nel parlare e nell’essere ascoltato facevo il punto con me stesso rispetto ai miei bisogni e ai miei desideri. Questo mi ha aiutato a esprimerli all’esterno e quindi a dare priorità a ciò che mi nutre davvero. È stato quindi esplicitando i miei obiettivi che poi ho potuto realizzarli in diversi ambiti di vita.

Mi sono dato la possibilità di cambiare e ripartire da zero, lasciando un lavoro dove non trovavo soddisfatto il mio bisogno di instaurare relazioni sane. Ho imparato a dire dei no e porre dei limiti che salvaguardassero il mio benessere. Il fatto di aver preso Riccio, il mio cane, dà ancor più gioia alle mie giornate e le arricchisce di tante passeggiate, una delle mie passioni. Infatti mi sono messo in gioco nell’organizzare in prima persona camminate nel Bosco della Panfilia, nel ferrarese, vicino a dove abito, con coraggio e curiosità. Mi sono buttato nel fare proposte e accettare ogni tipo di feedback. Ad esempio, ho proposto una camminata silenziosa, a occhi chiusi, seguendo il suono del tamburo, andando verso una meta ignota, per sperimentare fiducia. Dopo l’esperienza ho portato lo stile della Via del Cerchio nell’ascolto empatico, nella forma del cerchio e nei turni di parola. Ho meno paura di sbagliare e sento più accettazione e fiducia per ciò che porta la vita, perché sono più in contatto con me stesso».

Ringrazio Alberto e ringrazio la Via del Cerchio, per l’opportunità di aprirci e connetterci umanamente che ci siamo dati e date. Da un piccolo passo, una messa a servizio per andare in direzione di umanità e di connessione, possono davvero nascere idee ed iniziative che portano a cascata frutti di gioia e benessere per la comunità. Ho avuto la fortuna di conoscere nel concreto parte di questa onda, ma chissà quali altre storie e quali altri semi si trasformeranno e cresceranno. La nostra esperienza continuerà, sempre a Vergato, in un residenziale intensivo il 4 e 5 settembre 2021, immersi nel verde dell’Appennino bolognese.

Articoli simili
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità
Fra agroecologia e abitare sostenibile prosegue il percorso di Seminare Comunità

Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api
Nell’antico borgo di Oscata si impara a fare ceste e cera d’api

Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture
Orto Condiviso Vesuviano, dove si crea comunità e si recuperano antiche colture

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Sea-ty e le reti fantasma: “Liberiamo i fondali dalle attrezzature da pesca abbandonate”

|

Nasce il Badante agricolo di comunità che aiuta le persone anziane nella cura dell’orto

|

L’apprendimento non va in vacanza: cronaca di un’estate da homeschooler

|

Caltanissetta ricorda i “carusi di Sicilia”, i piccoli schiavi delle miniere di zolfo

|

Paolo Rumiz: i viaggi e la riscoperta dei monti naviganti

|

Sensuability: per uscire vivi, gioiosi e gaudenti dalla morsa dei tabù – Amore Che Cambia #18

|

Alla facoltà di infermieristica gli studenti imparano la gentilezza