27 Ago 2021

La cultura è di tutti e per tutti: Pop-Eat si fa in pillole per diventare capillare

Scritto da: Valentina D'Amora

Valorizzare un territorio attraverso l'arte: come farlo rispettando le limitazioni dell'attuale situazione sanitaria? Il festival Pop-Eat | Nutriamo il Borgo, che si terrà a Castelnuovo Magra sabato 28 agosto, quest'anno propone una versione ripensata dell'evento con una mostra diffusa. L'obiettivo? Diffondere, nonostante tutto, l'arte proprio a tutti. Nessuno escluso.

La Spezia - Mostre d’arte contemporanea, fotografia, illustrazione e grafica, installazioni, sculture, mercatino handmade, ma anche concerti, performance, talk, workshop e laboratori. Lo scorso anno il festival Pop-Eat|Nutriamo il Borgo, con la direzione artistica di Orianna Fregosi, ha animato le vie del centro storico di Castelnuovo Magra con diversi incontri e manifestazioni, tutti legati al mondo dell’arte.

La nuova edizione dell’evento propone una fruizione della cultura in una modalità insolita e collettiva nella quale, ancora una volta, l’arte valorizzerà la cittadina. «Questo – spiega Orianna – è il motivo per cui, per il 2021, abbiamo pensato di offrire una serie di “pillole” d’arte attraverso le quali diffondere la cultura a un pubblico ampio e il più possibile eterogeneo».

UNA MOSTRA DIFFUSA: OBIETTIVO COMUNITÀ

L’emergenza sanitaria ha ridotto da ormai oltre un anno e mezzo le occasioni di condivisione e di convivialità, costringendoci a ripensare interamente le nostre vite. «Questa versione di Pop-Eat vede la realizzazione di un’esposizione diffusa che vuole ricucire il tessuto cittadino, rimasto così a lungo lontano da opportunità di scambio e confronto culturale, e ricostruire quel senso di comunità su cui, sin dalla prima edizione, il festival ha lavorato».

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Manifesti d’Artista – Arte per tutti è una mostra diffusa nata dal coinvolgimento di Missive Selvatiche, un collettivo di resistenza artistica formato da artisti, illustratori, fotografi, cineasti, musicisti, teatranti e danzatori di Prato. L’esigenza di condividere il proprio lavoro in un momento nel quale non era permesso avere contatto con l’occhio e l’orecchio del pubblico è stata la scintilla da cui ha preso forma il gruppo.

missive selvatiche rid
Alcune delle “missive selvatiche”

Durante il periodo di confinamento culturale gli artisti del collettivo hanno lasciato nelle buche delle lettere di numerosi sconosciuti un pacchetto contenente oggetti d’arte, con l’intento di dare conforto ed emozionare, ma soprattutto incuriosire gli ignari fruitori. Il progetto mira proprio a innescare una serie di riflessioni sia sugli spazi che sulla fruibilità dell’arte.

Missive Selvatiche oggi ha raggiunto la terza edizione, coinvolgendo circa 150 artisti provenienti da varie parti d’Italia e un gruppo di artisti francesi e italiani residenti a Parigi: alle fondatrici iniziali del progetto si sono aggiunte due curatrici, grazie anche alle quali il numero di missive distribuite in tutta Italia (isole comprese) ha raggiunto quota 2200.

Oggi il format di Missive Selvatiche è stato ripensato: prima le opere venivano racchiuse in una piccola “busta d’arte” e imbucate direttamente nelle case, mentre a partire da sabato 28 agosto e fino al 28 settembre saranno fruibili in forma di manifesto e locandina d’artista e verranno collocate in più zone del comune di Castelnuovo Magra. Una esposizione collettiva che diventa quindi una sorta di abbraccio in cui l’arte sarà elemento di condivisione e di comunità tramite il quale ritrovarsi, riflettere ed emozionarsi.

Il circuito visivo comprenderà il lavoro di 50 artisti che hanno partecipato alle varie edizioni di Missive Selvatiche e sarà stampato su 100 manifesti d’affissione e circa 200 locandine. Le opere andranno a occupare spazi d’affissione pubblica, alcune zone del centro storico, alcune frazioni e le vetrine delle attività commerciali.

pop eat
Alcuni dei manifesti d’artista di Pop-Eat – Opere di: La Pler, Sara Miriati, LGTP (la guerra tra poveri), Luca Lucherini, Margherita Morotti, Marco Smacchia

IL PROGRAMMA DELL’EVENTO

Sabato 28 agosto, la giornata inaugurale di Pop-Eat, a partire dalle 17 prenderà il via una serie di appuntamenti rivolti ad adulti e bambini per promuovere e diffondere l’arte contemporanea in tutte le sue molteplici espressioni.

Alle ore 17: laboratorio per bambini Cosa contiene una missiva?, un incontro di educazione alle arti visive a cura del collettivo Missive Selvatiche.

Alle 18.30: inaugurazione della mostra Manifesti D’Artista -Arte per tutti. A seguire, dialogo con le protagoniste del collettivo artistico in un talk aperto al pubblico che avrà come tema la resistenza artistica e le nuove possibilità di fruizione dell’arte.

Dalle 19.30: tipicità locali come i panigacci, la focaccia, la panissa e gli sgabei.

Il programma della giornata sarà inoltre arricchito da altre iniziative organizzate da alcune realtà del centro storico come il piccolo mercato handmade e il Dj Set a partire dalle 21, a cura dell’Enoteca Regionale.

Per dettagli, informazioni sulle opere e sugli artisti in mostra, è possibile seguire le pagine social del festival @popeatnutriamoilborgo.

Articoli simili
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio
FestivalAlContrario: musica, arte e natura per far rivivere il territorio

In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa
In Calabria arte e cultura per combattere l’oicofobia, la paura di casa

La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza
La “libreria aperta” che fa sbocciare relazioni: la storia di Cabella in Piazza

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo