27 Ago 2021

Giulia e la sua passione per la musica che l’ha aiutata a vincere la sordità

Scritto da: Elena Rasia

Nonostante le difficoltà ha sempre inseguito i suoi sogni e assecondato le sue passioni, con tenacia e coraggio. Così Giulia Mazza, sorda dalla nascita, è diventata violoncellista, trovando la chiave per aprire la gabbia della sordità e costruirsi una nuova e appagante socialità grazie alla musica.

«Siamo abituati a pensare che la vita sia fatta di doveri e basta e pian piano le passioni cessano di esistere. Ma un giorno, spero, che comprenderemo il valore dell’esatto contrario».

Giulia Mazza ha 35 anni e questo valore l’ha conosciuto fin da piccolissima. È nata con una sordità profonda contratta dalla rosolia che la sua mamma ha avuto in gravidanza, ma questo non le ha mai impedito di sentire e percepire il mondo che la circondava.

Si è avvicinata alla musica molto presto – aveva due anni e mezzo – attraverso gli insegnamenti e il supporto della nota musicoterapista Giulia Cremaschi di Bergamo. Ha compiuto un percorso strutturato di rieducazione alla nota che le ha acceso la passione per la musica facendole continuare gli studi. Dai sei agli undici anni ha studiato violoncello in una scuola musicale, per poi proseguire privatamente presso l’abitazione del suo insegnante.

giulia mazza sordita

«Il violoncello mi ha permesso di affinare le capacità uditive, come in generale la musica fa, e di capire bene quali vibrazioni contraddistinguono ciascuna nota. Mi ha consentito poi di fare esperienze sociali d’orchestra, di comprendere come si incastrano fra loro i suoni e di percepire le emozioni che suscita la loro profondità», mi racconta.

Il prossimo progetto potrebbe essere il tuo!

Ogni giorno parliamo di uno dei migliaia di progetti che costellano il nostro paese. Vorremmo raccontarne sempre di più, mappare tutte le realtà virtuose, e magari anche la tua, ma per farlo abbiamo bisogno che ognuno faccia la sua parte.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

La musica è un mondo che fa incontrare e conoscere da vicino la disciplina, la perseveranza e la pazienza. Non è sempre facile avvicinarsi a uno strumento e farlo entrare quotidianamente nella propria quotidianità. Proprio per questo – come spesso accade nella vita, non solo in ambito musicale – si potrebbe incorrere nella paura di essere giudicati se, al primo colpo, non si dovesse riuscire a portare a termine un compito.

A Giulia è capitato un sacco di volte: per lei, affetta da sordità, non è stato semplice fare le cose come le venivano richieste, proprio perché una persona che ha maggiori limitazioni fisiche potrebbe sentirsi maggiormente scoraggiata. Questo aspetto tuttavia non l’ha mai fatta allontanare dal suo obiettivo e non le ha mai fatto pensare di mollare la presa, perché attraverso la musica Giulia ha creato una comunicazione che si fa sentire e non soltanto ascoltare. «Il problema di fondo, secondo me, sta nel fatto che quando abbiamo poca conoscenza dei mezzi per superare un ostacolo, il giudizio non ci aiuta».

Ed è proprio con il suo esempio che Giulia ci da la possibilità, attraverso la sua storia, di non interrompere mai la continua ricerca di soluzioni e modalità per superare gli ostacoli che la vita ci pone e di farlo con passione, pazienza e non perdendo mai il ritmo.

Nel programma di Domenico Iannaccone “Che ci faccio qui” , andato in onda agli inizi della primavera, Giulia ha raccontato di come, grazie alla musica, è riuscita a coltivare – sempre di più e sempre meglio – la sua percezione e la sua connessione con il mondo attraverso la musica. Il violoncello è uno strumento che grazie alla vibrazione che dalla cassa armonica si trasmette al corpo ha molte similitudini con la voce umana e Giulia non smetterà mai di sentire il mondo che la circonda.

Immaginandosi il futuro, mi dice: «Continuerò a coltivare le mie passioni, mio malgrado ne ho più di una e vado avanti anche con la passione per la grafica».

Giulia con la sua musica vi aspetta qui.

Vuoi cambiare la situazione
della disabilità in italia?

multi right arrow

ATTIVATI

Articoli simili
Infinito Cammino, il viaggio di Federica e Nico: 3000 chilometri lungo la Francigena per beneficienza
Infinito Cammino, il viaggio di Federica e Nico: 3000 chilometri lungo la Francigena per beneficienza

Sesso, bellezza e disabilità: a I(n)spira-Azioni Armanda Salvucci manda in pensione tabù e pregiudizi – #9
Sesso, bellezza e disabilità: a I(n)spira-Azioni Armanda Salvucci manda in pensione tabù e pregiudizi – #9

Sicily coast to coast, il giro della Sicilia in bicicletta per raccogliere fondi per la disabilità
Sicily coast to coast, il giro della Sicilia in bicicletta per raccogliere fondi per la disabilità

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

#maipiùstragi, oggi c’è la grande manifestazione contro la ‘ndrangheta – #555

|

Hortus, l’orto urbano aeroponico che insegna a ridurre il consumo dell’acqua

|

Giocherenda: per un gruppo di migranti il gioco è diventato uno strumento di riscatto e inclusione

|

Da giornalista di moda a giardiniera: la nuova vita di Laura Bianchi

|

24 tappe in tutta Italia per promuovere il turismo responsabile: ecco il programma di IT.A.CÀ

|

L’agricoltura Permarigenerativa: quando la permacultura incontra le agricolture rigenerative – Meme #40

|

Modicaltra, i cittadini si mettono insieme per rigenerare la città e fermare il consumo di suolo

|

Quanto costa la nostra energia al pianeta? Tra fonti fossili e rinnovabili, ecco i rifiuti che produciamo