17 Set 2021

A Torino un giardino pubblico si trasforma per due giorni in Mercato della Biodiversità

Scritto da: Lorena Di Maria

GooGreen è un progetto dell’associazione Giardino Forbito, nonché una comunità diffusa di produttori agricoli che a Torino, il 18 e 19 settembre, trasformerà piazza Cavour in un Mercato della Biodiversità. Qui per due giorni si incontreranno cittadini, imprese agricole, florovivaisti e aziende sostenibili all’insegna dei prodotti naturali e di buone pratiche su stagionalità, Km0 e cibo sano.

Torino - «Sosteniamo la biodiversità territoriale promuovendo piccoli ma eccellenti produttori delle nostre terre, presidi enogastronomici e vivaistici che portano avanti produzioni virtuose e sostenibili rispettando i cicli naturali e utilizzando materie prime di prima qualità». Così si racconta l’associazione Giardino Forbito, che a Torino dal 2013 si occupa di coniugare il verde, la sostenibilità e la rigenerazione urbana attraverso progetti diffusi sul territorio.

In questi anni, con l’intento di dare voce alle piccole realtà locali, è riuscita a creare una rete di aziende e realtà consapevoli che si stanno impegnando a promuovere stili di vita più sani e naturali e tra loro interconnesse: così ha dato vita al Mercato della Biodiversità Googreen, che si tiene in città ogni seconda domenica del mese e che, in edizioni speciali, riunisce eccellenze locali, dall’enogastronomia al vivaismo, in un’oasi verde e in pieno centro.

Giardino Forbito1

Il Mercato Googreen nasce nel 2018 accanto alla manifestazione “Tanto di Cappello”, un’iniziativa che univa gli artisti di strada e i produttori del territorio in nome della riqualificazione dei Giardini Sambuy, situati davanti alla stazione di Porta Nuova, per restituire il parco ai cittadini e trasformarlo in un ritrovato luogo di cultura e di socialità.

«Crediamo che il mercato cittadino abbia il potere di rigenerare spazi comuni in quanto momento di promozione territoriale, di scambio e di acquisto sano, nella cornice di spazi verdi e pubblici». Il mercato, situato in un parco cittadino, rappresenta oggi una delle più conosciute realtà “green” in ambito urbano, interconnessa con la città per la sua posizione e con le aree limitrofe per la vendita di prodotti del territorio.

Stiamo perdendo la capacità di sognare eppure l’Italia è costellata di straordinarie esperienze di cambiamento! 
Mentre gran parte dei mass media sceglie di non mostrare i cambiamenti in atto, noi scegliamo un'informazione diversa, vera, che aiuti davvero le persone nella propria vita quotidiana. 
Chiediamo il tuo contributo per cambiare l’immaginario e quindi la realtà!

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Il Mercato Googreen all’interno dei giardini vuole quindi essere un luogo simbolo del modello di Green Economy di cui tanto sentiamo parlare, puntando su alcuni aspetti centrali: la posizione strategica (un’oasi verde nel centro di Torino), lo snodo di mobilità sostenibile (percorso da mezzi pubblici, biciclette e treni per via della prossimità con la stazione), lo strumento di riqualificazione ambientale (come la rigenerazione dei Giardini Sambuy e delle aree limitrofe) e infine la biodiversità e la sostenibilità connesse alla produzione territoriale d’eccellenza.

Giardino Forbito3

Partecipano infatti alla rete di Giardino Forbito produttori del Paniere della Provincia, Maestri del Gusto e Presidi Slow Food, giovani che hanno ripreso le fila delle aziende familiari, tenute dell’antica Corona delle Delizie, apicoltori del circuito SlowBees e tanti altri ancora.

All’evento, che si terrà quest’anno in piazza Cavour sabato 18 e domenica 19, non mancheranno imprese agricole, florovivaisti, realtà sostenibili, cittadini, associazioni culturali e cooperative sociali interessate a conoscersi e a creare nuove sinergie. Al mercato sarà possibile la vendita dei propri prodotti, ma si potranno anche tenere laboratori di produzione o creare momenti di confronto avvicinando i visitatori a scelte consapevoli in ambito alimentare.

Un’iniziativa avviata da Giardino Forbito e connessa al Mercato della Biodiversità sono le Pagine Verdi Googreen, un “indirizzario” dei produttori consapevoli, nonché l’estensione digitale del Mercato: si tratta di «una piattaforma ideata per le aziende e per i consumatori che desiderano compiere un percorso verso la sostenibilità ambientale e il rispetto della biodiversità, attraverso l’adozione di buone pratiche e la condivisione di informazioni su uno stile di vita produttivo più compatibile con la natura».

Giardino Forbito2

Le Pagine Verdi promuovono le aziende che fanno parte della rete e rappresentano una vetrina dove i diversi prodotti sono acquistabili online, diventando un doppio canale con il quale mantenere salda e viva l’interazione con i consumatori, generando e alimentando nuove reti consapevoli.

I produttori che si riconoscono nel progetto e nei suoi valori sono invitati da Giardino Forbito a unirsi alla rete o a partecipare ai mercati di Gogreen e diventare parte di questo cambiamento sostenibile!

Articoli simili
Frutta e verdura: perché mangiarla “di stagione”?

Ricette #2: Carciofi ripieni vegan alla romana

Ricette #13 – Sorgo con pomodorini e ceci

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Milarepa, il collettivo che recupera i muretti a secco liguri

|

Vinokilo, il mercato circolare di abiti usati venduti al chilo

|

Piantare alberi salverà il mondo, ma attenzione a come lo fate

|

Lightdrop, la piattaforma che sostiene relazioni e territorio, cerca collaboratori

|

Ballottaggi: e ci ostiniamo a chiamarla maggioranza! – Aspettando Io Non Mi Rassegno #4

|

Famiglie Arcobaleno: Leonardo e Francesco, storia di due papà – Amore Che Cambia #28

|

Nasce il libro che racconta gli ecovillaggi italiani: uno strumento per cambiare vita