1 Dic 2021

Un Capodanno Resistente per festeggiare e costruire una comunità post-pandemia

Scritto da: Redazione

Il Festival delle Cose Belle del collettivo AWARE – Bellezza Resistente torna in una versione inedita nel weekend di Capodanno dal 31 dicembre al 2 gennaio nell’ecovillaggio umbro Centro Panta Rei (PG). Non solo musica: arte, laboratori, workshop e moduli esperienziali per riscoprire nuove possibilità di futuro, finalmente lente, umane e sostenibili.

Perugia, Umbria - Il Festival delle Cose Belle del collettivo abruzzese AWARE – Bellezza Resistente torna in una nuova veste e in un nuovo periodo, per proseguire il lavoro di socialità creativa nato tra i faggi di Passolanciano, in Abruzzo, durante le ultime due estati.

Dal 31 dicembre al 2 gennaio presso l’ecovillaggio umbro Centro Panta Rei a Passignano sul Trasimeno (PG) si intrecceranno arti, esperienze e musica all’insegna di un unico obiettivo: la ricerca collettiva di forme innovative di futuro ispirate al passato, alla tradizione, al fare e alle relazioni umane. ‘Futuro Anteriore’ è il manifesto dell’evento.

«Tra futuro e passato, conta il presente – racconta Antonella Sartorelli, attivista del collettivo AWARE e tra le ideatrici del concept dietro all’evento di Capodanno –, essere capaci oggi di mescolare la tradizione con il futuro, ingaggiando battaglie per l’affermazione delle più elementari forme di aggregazione. C’è il tentativo di riavvicinarsi. Raccontare un modo di prefigurare e lavorare al cambiamento prima che accada. Nella precarietà del presente vogliamo affermare che sì, esistono futuri ecologici critici e liberi».

Festival delle Cose Belle andrea trono 2
Foto di Andrea Trono

Il programma è in costante evoluzione e già prevede la partecipazione di artisti internazionali come Damiano Della Torre (già musicista di Joe Cocker, Miriam Makeba, PFM e Tom Jones), Stèv e Isabella Fabbri, oltre a nuove promesse del panorama pop italiano come Le Nora. Dall’altro lato, la proposta per le attività combina workshop su lavorazioni artigianali, come i laboratori di manipolazione dell’argilla cruda e del cuoio, ad attività di distensione corporea, come sedute di yoga integrale e incontri di pratiche corporali basate sulla danza.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Ad accompagnare le attività della tre giorni, ci sarà una selezione di cibo e bevande accurata, fatta sulla base di ispirazioni locali e biologiche. Porte aperte per bambini, famiglie e persone anziane: il Festival delle Cose Belle – Capodanno Resistente di AWARE punta a creare un intreccio generazionale tra persone di diversa estrazione ed età al fine di aprire un tavolo di lavoro collettivo sulle possibilità di un futuro realmente collettivo.

«Siamo davvero felici di quanto stiamo proponendo», dice Guglielmo, tra gli organizzatori dell’evento e cofondatore del collettivo AWARE. «Il Capodanno Resistente è l’inizio di un percorso di eventi che vogliamo sviluppare durante tutto il 2022, seguendo l’ispirazione della tematica centrale Futuro Anteriore. Non vogliamo solo fare festa, vogliamo stimolare una riflessione realmente collettiva. In questi tempi pandemici e globalizzati, troviamo questo fondamentale per tornare a sentire il valore dell’essere un’unica grande comunità».

Ecco il programma in aggiornamento:

  • Musica (in progress): Damiano Della Torre, Isabella Fabbri, Stèv, Le Nora
  • Attività & workshop (in progress): Workshop di Yoga Integrale Anukalana Inspired* (Monica Sanjita Verì); La Forma del Fare: laboratorio di pratiche corporee per un movimento consapevole* (Valentina Nicoli); Volti Empatici: laboratorio artistico sull’argilla cruda (Armando Di Nunzio); Caffè Filosofici sul Futuro Anteriore: coordinate per un Manifesto 2022 (Miriam Di Francesco); Laboratorio di Lavorazione Artigianale del Cuoio* (Beppe Mincone); Passeggiate Consapevoli nel Bosco (Centro Panta Rei); Creative Wax: Laboratorio creativo con tessuti afro (AMKA); Comunicare l’Attivismo: come costruire una campagna a impatto sociale (AMKA); Workshop di Riciclo Creativo: dalla natura all’arte* (Operaio Celeste)

Tutte le informazioni sull’evento e i ticket sono disponibili qui.

Articoli simili
Dentro e fuori: trovare un equilibrio tra la vita di comunità e il resto del mondo
Dentro e fuori: trovare un equilibrio tra la vita di comunità e il resto del mondo

QuartieriAmo, l’iniziativa dal basso che vuole rendere più belle le periferie
QuartieriAmo, l’iniziativa dal basso che vuole rendere più belle le periferie

Limina: tra natura e femminile alla ricerca del “limite” – Io Faccio Così #359
Limina: tra natura e femminile alla ricerca del “limite” – Io Faccio Così #359

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi