27 Dic 2021

Nasce la Rete delle Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali

Scritto da: Redazione

Risparmio fino al 25% sulle bollette, lotta alla disuguaglianza sociale, alla povertà energetica e al disagio insediativo: questa la scommessa delle comunità energetiche rinnovabili e solidali. Nei giorni scorsi è stato presentato il manifesto dell’iniziativa, promossa da Legambiente con la Comunità Energetica e Solidale di Napoli Est e il Comune di Ferla.

Partire da contesti con forti criticità sia ambientali che socioeconomiche e dalle aree a forte disagio insediativo, per costruire processi di partecipazione e innovazione sociale capaci di innescare un profondo cambiamento dei territori nell’ottica di una maggior giustizia ambientale e sociale: nasce con queste finalità la Rete delle Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali (C.E.R.S.), promossa da Legambiente, la Comunità Energetica e Solidale di Napoli Est e il Comune di Ferla.

Il manifesto, presentato con un evento online e sottoscritto da 16 firmatari, si ispira proprio a questi esempi di successo. L’obiettivo è la creazione di un’alleanza dal basso per la lotta alla povertà energetica grazie alle rinnovabili, rendendo da un lato le comunità protagoniste della giusta transizione ecologica e del rilancio del sistema energetico italiano, dall’altro promuovendo la nascita di processi di economia civile in grado di aiutare le comunità a ridurre le disuguaglianze e aprire virtuosi processi economici, civili e sostenibili.

Quello delle Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali è un modello energetico diffuso, basato su autoproduzione e autoconsumo di energia da fonti rinnovabili, elettriche e termiche, che si integra con i più grandi impianti a tecnologie pulite, in grado di contribuire alla lotta contro l’emergenza climatica e allo stesso tempo di ridurre il peso geopolitico delle fonti fossili.

comunita Energetiche Rinnovabili e Solidali

Secondo lo studio Elemens – Legambiente ammonta a 17 GW la potenza installabile al 2030, pari a circa il 30% degli obiettivi di decarbonizzazione del settore energetico fissati dall’attuale del Piano Nazionale Integrato Energia e Clima (PNIEC). Un sistema che, anche grazie alle novità introdotte dal decreto FER II, può arrivare a creare oltre 19.000 posti di lavoro nel solo settore impiantistico, generando un valore aggiunto contabile di 2,2 miliardi di euro lungo l’intera filiera delle rinnovabili e un risparmio nelle emissioni di CO2 stimato in 47,1 milioni di tonnellate, sempre al 2030.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

Vorresti leggere più contenuti come questo? 

Articoli come quello che hai appena letto sono gratuiti e aperti, perché crediamo che tutti abbiano il diritto di rimanere informati. Per questo abbiamo scelto di non nascondere i nostri contenuti dietro paywall, né di accettare contributi da partiti o aziende compromesse. Per continuare a farlo abbiamo bisogno del tuo contributo. Fai la tua parte, aiutaci a costruire un’informazione sempre più approfondita.

Numeri importanti anche sul fronte della lotta alla povertà energetica, fenomeno che – secondo l’ultimo rapporto Istat – è cresciuto nel nostro Paese dell’1,7% tra il 2019 e il 2020, aggravato dalla pandemia. Infatti, lo sviluppo delle comunità energetiche può portare a un risparmio in bolletta fino al 25% per le utenze domestiche e condominiali e fino al 20% della spesa energetica di piccole e medie imprese, scuole, distretti artigiani e altri settori.

Un contributo fondamentale per le oltre due milioni di famiglie in situazione di povertà energetica che faticano ad assicurarsi continuità, costrette a rinunciare a servizi energetici come il riscaldamento, o che sono obbligate a utilizzare tecnologie vecchie e pericolose, causa spesso di incidenti anche mortali. Uno strumento da sviluppare nelle grandi città, così come nei piccoli comuni, nelle aree interne e montane.

«Fare rete significa scommettere su una rivoluzione dal basso, in ambito sociale ma anche ambientale favorendo la transizione ecologica dei territori», ha dichiarato il presidente nazionale di Legambiente Stefano Ciafani. «Mettiamo a disposizione le nostre conoscenze e competenze per la realizzazione di C.E.R.S. in tutto il Paese, ma servono politiche mirate che accolgano le necessità tecniche e sociali di queste nuove realtà e che ne favoriscano lo sviluppo, soprattutto nei piccoli comuni e in luoghi caratterizzati da fragilità ambientali e sociali che rafforzano l’illegalità, la precarietà e le diseguaglianze».

«Le Comunità Energetiche Rinnovabili e Solidali – ha dichiarato Katiuscia Eroe, Responsabile Energia di Legambiente – sono un metodo democratico, sicuro e pulito di approvvigionamento energetico a cui va riconosciuto un importante ruolo da traino anche in altri settori: da quello dell’efficienza a quello della mobilità, da quello degli accumuli alla gestione dei flussi energetici. Puntare sulla realizzazione di queste realtà significa portare nei territori occasioni di sviluppo e innovazione, supportando la nascita di esperienze solidali in grado di rispondere direttamente alle esigenze dei territori».

Molte le esperienze che hanno ispirato la nascita della C.E.R.S, dai promotori dell’iniziativa fino agli aderenti al manifesto: lavori sperimentali che hanno fatto luce sulle potenzialità di questo strumento, unendo giustizia ambientale e sociale e facendo dell’innovazione sociale un mezzo per risolvere criticità e creare processi di inclusione.

Tra questi Comunità Energetica e Solidale di Napoli Est – promossa da Legambiente Campania insieme alla Fondazione Famiglia di Maria e realizzata grazie al finanziamento di Fondazione con il Sud – costituita da quaranta famiglie che, grazie alla realizzazione di un impianto fotovoltaico produrranno insieme energia, dividendo il ricavato come supporto concreto alla povertà energetica in uno dei quartieri più complessi di Napoli, San Giovanni a Teduccio.

Altro esempio è quello del piccolo Comune di Ferla, borgo di 2.300 abitanti in provincia di Siracusa, dov’è nata “Common Light – mettiamo insieme le nostre energie”: prima comunità energetica rinnovabile e solidale in Sicilia, aperta sia ai cittadini che alle piccole e medie imprese del territorio, oggi alimentata da un impianto fotovoltaico di 20 kW.

Un percorso che, tenendo conto delle caratteristiche dei singoli contesti, è replicabile in altri territori italiani con formule specifiche, in base alla possibilità di utilizzo dei tetti di scuole, parrocchie, beni confiscati, uffici pubblici, parcheggi, coinvolgendo le scuole e le università come comunità educante alla transizione energetica, giusta e solidale.

Articoli simili
Ecco la mappatura del fotovoltaico: i sindaci si uniscono per la transizione energetica
Ecco la mappatura del fotovoltaico: i sindaci si uniscono per la transizione energetica

A rischio il progetto dell’impianto geotermico in Val di Paglia
A rischio il progetto dell’impianto geotermico in Val di Paglia

Ecco cosa manca perché le comunità energetiche siano davvero una rivoluzione
Ecco cosa manca perché le comunità energetiche siano davvero una rivoluzione

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Cosa succedeva nel 2012? Dieci cose che sono cambiate (in meglio) negli ultimi dieci anni

|

Da psicologa a Torino a operatrice olistica in val di Vara: la storia di Fulvia

|

Incendi dolosi per spendere poco e fare in fretta: gli speculatori fanno strage di ulivi del Salento

|

Nasce la Scuola Nazionale di Pastorizia per un rilancio delle aree interne e montane

|

Vi spieghiamo la filosofia di NaturaSì, dalla biodinamica al giusto prezzo per i contadini – Io Faccio Così #341

|

Parti con noi alla scoperta della Palermo che Cambia

|

Acqua bene comune, pubblico e sicuro: è ora di agire, prima che sia troppo tardi