21 Gen 2022

65 domande per le future imprenditrici. Voi cosa rispondete?

Un ecosistema di strumenti e azioni per supportare l'imprenditoria femminile e contribuire così a delineare un nuovo modello economico e sociale in cui le differenze di genere siano soltanto un oscuro ricordo. Ecco il progetto di sostegno e consulenza ideato da Alessia D'Epiro per le future imprenditrici.

“Quando ho fondato Womanboss, acceleratore on-line di start-up al femminile, ho immaginato da subito di affiancare alla formazione, la promozione di tematiche legate alla leadership femminile e realizzare attività volte a eliminare il gender gap: perché solo unendo forze e intenti potremmo avere maggiore impatto nella costruzione di una società più equa e inclusiva“.

Con queste parole Alessia D’Epiro accoglie le imprenditrici o future tali nel suo spazio virtuale di consulenza e formazione, ma soprattutto di ascolto ed empatia. Quello proposto dalla sociologa, formatrice e coach professionista è infatti un percorso tanto professionale quanto culturale, volto a rivoluzionare un mondo economico – e non solo – ancora irrimediabilmente androcentrico.

In questo articolo abbiamo parlato di due strumenti fondamentali del progetto di “economia di genere” che Alessia porta avanti, ovvero il Women’s Fund – strumenti per facilitare l’accesso a finanziamenti agevolati e per supportare concretamente le donne nello sviluppo della propria imprenditorialità – e il programma formativo composto da dieci webinar settimanali che si terranno dal 25 gennaio al 30 marzo e che mirano a far crescere la consapevolezza imprenditoriale.

imprenditrici
Alessia D’Epiro

Fil rouge di tutta l’iniziativa è la consulenza che viene offerta alle imprenditrici e alle donne che hanno anche solo un’idea di business da sviluppare da zero. “Decidere di iniziare un’attività in proprio infatti è come compiere un emozionante viaggio verso una nuova destinazione”, scrive Alessia D’Epiro. “Come ogni viaggio che si rispetti, affinché sia memorabile, c’è bisogno innanzitutto di definire con precisione la meta, poi di pianificarlo, studiare l’itinerario e mettere in valigia tutto ciò che è necessario per affrontarlo nel modo più comodo e adatto”.

In questo ampio percorso di sostegno e affiancamento, le imprenditrici potranno contare anche su un altro strumento, semplice ma efficace. Si tratta di un workbook dal titolo Budget checklist – 65 passi necessari per finanziare il tuo progetto. Al suo interno sono contenute appunto 65 domande che Alessia D’Epiro rivolge alle donne che vogliono sviluppare la loro idea imprenditoriale.

Quesito dopo quesito vengono sviscerati tutti gli aspetti basilari per un progetto solido, dalle tempistiche alle motivazioni che lo hanno generato, dalle risorse a disposizione alla pianificazione delle azioni da compiere. L’obiettivo? Consentire a chi lo legge e lo compila di avere un’idea più chiara di quali risorse ha bisogno e di cosa deve fare per raggiungere il suo obiettivo.

Women’s fund, il ciclo di webinar, l’attività di consulenza, il workbook sono tutti aspetti che fanno parte di un ecosistema interconnesso e finalizzato a conoscere questi strumenti mettendoli in pratica per affiancare in maniera effettiva, concreta ed empatica le future imprenditrici.

Il primo appuntamento è fissato per il 25 gennaio alle 17.30, quando si terrà il webinar in cui si parlerà di tutti gli strumenti a disposizione per finanziare il progetto d’impresa. Desideri avere in mano la chiave che ti consentirà di avere accesso ai fondi nazionali e alla finanza agevolata? Per iscriverti, avere il programma completo e tutte le informazioni che desideri, clicca qui.

Articoli simili
Banca Etica: ambiente e finanza etica grandi assenti nella campagna elettorale
Banca Etica: ambiente e finanza etica grandi assenti nella campagna elettorale

Banca Etica e il suo impegno a favore dei progetti di salvataggio e accoglienza dei migranti
Banca Etica e il suo impegno a favore dei progetti di salvataggio e accoglienza dei migranti

In che modo una banca può creare impatti sociali e ambientali positivi? Il caso di Banca Etica
In che modo una banca può creare impatti sociali e ambientali positivi? Il caso di Banca Etica

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Rimonta Bolsonaro, sarà testa a testa con Lula al ballottaggio – #591

|

Da Albenga a Capo Nord in bici: ecco il viaggio di Emanuele Mei

|

We Africans United, il progetto di giovani narratori che vogliono ribaltare l’immaginario sull’Africa

|

Sognitudo, in Puglia avanza il cambiamento all’insegna di sostenibilità e consapevolezza

|

Marika, Andrea e il campera4zampe: “Vivere in camper si può, anche con sei animali”

|

Mediblei, la prima cooperativa di comunità per scoprire l’area iblea

|

Salute e sostenibilità, al Parlamento Europeo si gettano le basi per un modello a misura di persona e di ambiente

|

Ti mangio il cuore: la storia di una donna e della sua battaglia con la quarta mafia