7 Feb 2022

Adotta un alveare: la proposta di 3Bee per proteggere le api grazie alla tecnologia

Scritto da: Redazione

Il 2021 è stato un annus horribilis per le api, ed è proprio per questo che ciascuno di noi deve fare la sua parte per contribuire alla tutela di questo animale preziosissimo per l'equilibrio dell'ecosistema. Una bella idea a questo proposito giunge da 3Bee, che propone di adottare un alveare per celebrare la festa dell'amore.

L’adozione di un alveare è un regalo originale, da condividere con la propria dolce metà in occasione di San Valentino. Grazie alla tecnologia 3Bee – giovane progetto italiano di cui abbiamo parlato quiogni adozione consente di proteggere da 1000 fino a 10000 api e produrre fino a 5 chili di miele.

Per un anno intero, ogni giorno, i due innamorati potranno seguire direttamente dall’app di 3Bee tutti i parametri vitali delle api, leggere aggiornamenti regolari, guardare foto e video registrati in apiario direttamente dall’apicoltore. Dal calmo inverno alla turbolenta primavera, fino alla calda estate e alla progressiva ritirata autunnale l’apicoltore farà conoscere da vicino ai propri adottatori il super organismo alveare e tutte le meraviglie del mondo delle api.

Le api sono importantissimi insetti impollinatori e dal loro lavoro quotidiano dipende circa il 70% delle colture alimentari e il 90% delle piante selvatiche

I sistemi 3Bee sono dotati di sensori bio-mimetici installati nell’alveare che permettono di programmare al meglio l’attività e ottimizzarne la gestione, mediante il monitoraggio di peso, temperatura interna ed esterna, umidità e intensità sonora. I dati vengono inviati sull’app 3Bee consultabile in qualsiasi momento non solo dagli apicoltori che se ne prendono cura ogni giorno, ma anche da tutti coloro che decideranno di adottare uno o più alveari.

Puoi fare la differenza!

Immaginiamo il nostro giornale come una cassetta degli attrezzi per diventare un vero protagonista del cambiamento. Dentro ci trovi la mappa con i migliaia di progetti virtuosi, gli articoli, le video storie, i nuovi format video e tante progetti che stiamo costruendo insieme alla nostra comunità. 

Per continuare a farlo abbiamo bisogno di te.

Grazie a te questo contenuto è gratuito!

Dal 2013 i nostri contenuti sono gratuiti grazie ai nostri lettori che ogni giorno sostengono il nostro lavoro. Non vogliamo far pagare i protagonisti delle nostre storie e i progetti che mappiamo. Vogliamo che tutti possano trovare ispirazione nei nostri articoli e attivarsi per il cambiamento.

POCHI SEMPLICI PASSI PER UN REGALO ORIGINALE DA CONDIVIDERE CON CHI SI AMA

Regalare un alveare è semplicissimo. Sul sito di 3Bee è possibile scegliere l’apicoltore, l’alveare e, a seconda dell’ambiente in cui le api sono stanziate, selezionare la fioritura da impollinare e quindi il miele da gustare. Con l’adozione si riceve il certificato di coppia personalizzato e le credenziali per accedere all’app 3Bee per monitorare a distanza il proprio alveare per un anno intero. Questo consente di instaurare un rapporto diretto tra apicoltore locale e consumatore finale.

Al termine della stagione apistica, sempre nel rispetto dei tempi di produzione delle api, chi avrà adottato un alveare riceverà anche, direttamente a casa, un barattolo del miele scelto e prodotto dalle api dell’alveare adottato. Un miele 100% made in Italy e proveniente da filiera controllata. Sono oltre 40 le varietà di miele presenti sul sito: dal classico miele di millefiori e castagno fino ai mieli rari come il miele di ailanto e di rododendro. A questi si aggiunge anche il miele dell’amore: un miele di millefiori prodotto nel triangolo lariano del lago di Como.

3bee
SOSTENIBILITÀ E ATTENZIONE PER L’AMBIENTE E GLI APICOLTORI

Regalare un alveare non è solo un dono non convenzionale e fuori dagli schemi. È anche un’opportunità concreta di fare qualcosa di utile per l’ambiente e il nostro pianeta. Le api infatti sono importantissimi insetti impollinatori e dal loro lavoro quotidiano dipende circa il 70% delle colture alimentari e il 90% delle piante selvatiche. Indispensabili per la preservazione degli ecosistemi, ma sempre più a rischio a causa di cambiamenti climatici, abuso di agro farmaci, malattie, predatori e impoverimento degli habitat naturali.

Dall’anno della sua fondazione, nel 2017, 3Bee ha dotato quasi 2000 apicoltori della sua tecnologia innovativa permettendo loro di intervenire in modo rapido e mirato sulle api, preservandone la salute e limitando la moria. In particolare, sono i sensori bio-mimetici installati nell’alveare che permettono di monitorare in qualsiasi momento direttamente dall’app di 3Bee peso, temperatura interna ed esterna, umidità e intensità sonora.

Il 2021 entrerà nella storia come anno che ha fatto registrare il triste record del maggior numero di alveari morti di fame. Le api in cerca di nettare hanno trovato fiori aridi e piante che hanno trattenuto la linfa a causa degli stress climatici, riducendo le scorte dell’alveare e provocando vere e proprie carestie. Grazie alla tecnologia di 3Bee, la mortalità si è ridotta di oltre il 50%.

Regalando un alveare 3Bee si sostiene quindi una realtà apistica italiana e virtuosa che si fa carico ogni giorno del benessere e della sopravvivenza delle proprie api. E in questo modo anche del nostro pianeta. Sostenere il prezioso lavoro degli apicoltori locali e diffondere consapevolezza sull’importante ruolo delle api per la biodiversità sono i valori che guidano da sempre 3Bee.

Articoli simili
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana
Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?
Aspromonte e incendi: cosa si può fare per difendere la montagna?

I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico
I consumi dell’UE minacciano ecosistemi ricchi di biodiversità cruciali per la lotta al cambiamento climatico

Mappa

Newsletter

Visione2040

Mi piace

Fa molto caldo – #553

|

Wagner Group: cosa sappiamo della milizia privata che combatte fra le fila russe (e non solo)?

|

Francesca Cinquemani torna al sud per coltivare lavanda e rilanciare la sua terra

|

Queen of Sheba: una coppia di naturalisti sulle tracce di una rara orchidea australiana

|

Confcooperative, la giornata delle cooperative e alcune novità dal mondo che unisce comunità ed economia

|

Friend of the Earth, in missione per salvare dall’estinzione il lemure cantante del Madagascar

|

Homers: con il co-housing la rigenerazione urbana si fa comunità – Io Faccio Così #358

|

È nata Robin Food, la cooperativa di rider sostenibile che vuole rivoluzionare il mondo delle consegne